Milizia

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Theresa May
In rilievo

Theresa May

Conflitto nordirlandese

La scheda: Conflitto nordirlandese

Irlanda pre-cristiana (8000 a.C.-400 d.C.)
Irlanda medievale (400-1536 d.C.)
Irlanda nell'era moderna (1536-1801 d.C.)
Irlanda parte del Regno Unito (1801-1922 d.C.)
Storia della Repubblica d'Irlanda (1922-)
Storia dell'Irlanda del Nord (1921-) Conflitto nordirlandese Bloody Sunday Accordi di Belfast
Conflitto nordirlandese
Bloody Sunday
Accordi di Belfast
Il conflitto nordirlandese, conosciuto in inglese come The Troubles (termine eufemisticamente traducibile come "I disordini"), è il nome con cui si indica la cosiddetta "guerra a bassa intensità" che si è svolta tra la fine degli anni sessanta e la fine degli anni novanta del XX secolo in Irlanda del Nord e i cui effetti si sono allargati anche all'Inghilterra e alla Repubblica d'Irlanda e che ha causato oltre 3000 morti.


Libia: milizia ribelle, 'violata tregua'

Libia: milizia ribelle, 'violata tregua'

(ANSA) – IL CAIRO, 6 SET – Una violazione del cessate il fuoco in corso a Tripoli dall’altro ieri é stato denunciato dalla milizia ribelle “Settima Brigata” secondo quanto riporta il sito di un’emittente libica, Libya 24. La formazione ha sostenuto di essere stata attaccata da una milizia, “al-Daman”, e di aver subito di il ferimento di due suoi uomini. La Settima di fanteria ha annunciato “che é stata vittima dell’inganno di milizie che [...]

La milizia ribelle marcia su Tripoli

La milizia ribelle marcia su Tripoli

Si aggrava la situazione in Libia, i ribelli sono a pochi kim da Tripoli. Rischio di nuove partenze.

EVENTI: Conflitto nordirlandese

Nel 1819 venne creata in Piemonte una Milizia volontaria sedentaria, che comprendeva tutti gli uomini sino a quarantacinque anni atti alle armi e non facenti parte dell'esercito.

Nel 1819 venne creata in Piemonte una Milizia volontaria sedentaria, che comprendeva tutti gli uomini sino a quarantacinque anni atti alle armi e non facenti parte dell'esercito.

Nel 1815 la milizia stanziale erano oltre ottomilacinquecento suddivisi in diciannove battaglioni.

Nel 1815 la milizia stanziale erano oltre ottomilacinquecento suddivisi in diciannove battaglioni.

Nel 1817 furono costituite in Sicilia le milizie provinciali e otto reggimenti di provinciali nel continente, ciascuna denominata dal nome della propria provincia.

Nel 1817 furono costituite in Sicilia le milizie provinciali e otto reggimenti di provinciali nel continente, ciascuna denominata dal nome della propria provincia.

Nel 2001 i diplomatici stranieri incaricati di vigilare sul disarmo dei paramiltari dichiarano di aver ispezionato alcuni depositi di armi dell'IRA e che gli armamenti sono inutilizzabili (probabilmente i bunker sono stati resi inaccessibili con del cemento armato).

Nel 2001 i diplomatici stranieri incaricati di vigilare sul disarmo dei paramiltari dichiarano di aver ispezionato alcuni depositi di armi dell'IRA e che gli armamenti sono inutilizzabili (probabilmente i bunker sono stati resi inaccessibili con del cemento armato).

Nel 2001 i diplomatici stranieri incaricati di vigilare sul disarmo dei paramiltari dichiarano di aver ispezionato alcuni depositi di armi dell'IRA e che gli armamenti sono inutilizzabili (probabilmente i bunker sono stati resi inaccessibili con del cemento armato).

Nel 1861, dopo l'unità d'Italia, vennero unificate e concepita la Guardia nazionale italiana per contrastare e reprimere il brigantaggio postunitario italiano.

Nel 1861, dopo l'unità d'Italia, vennero unificate e concepita la Guardia nazionale italiana per contrastare e reprimere il brigantaggio postunitario italiano.

Il 9 agosto 1971 il governo nordirlandese introdusse l'internamento senza processo, questo, invece di creare problemi all'IRA, aumentò il numero delle reclute e il sostegno dei cittadini cattolici all'organizzazione.

Il 9 agosto 1971 il governo nordirlandese introdusse l'internamento senza processo, questo, invece di creare problemi all'IRA, aumentò il numero delle reclute e il sostegno dei cittadini cattolici all'organizzazione.

Il 9 agosto 1971 il governo nordirlandese introdusse l'internamento senza processo, questo, invece di creare problemi all'IRA, aumentò il numero delle reclute e il sostegno dei cittadini cattolici all'organizzazione.

Il 3 ottobre 1981 i detenuti sospesero lo sciopero dopo che alcune famiglie erano intervenute per chiedere l'intervento medico una volta che il loro congiunto era entrato in coma.

Il 3 ottobre 1981 i detenuti sospesero lo sciopero dopo che alcune famiglie erano intervenute per chiedere l'intervento medico una volta che il loro congiunto era entrato in coma.

Il 3 ottobre 1981 i detenuti sospesero lo sciopero dopo che alcune famiglie erano intervenute per chiedere l'intervento medico una volta che il loro congiunto era entrato in coma.

Nel 1656 la milizia romana era suddivisa in scelta, ordinaria, volontaria.

Nel 1656 la milizia romana era suddivisa in scelta, ordinaria, volontaria.

Nel 2007 nuove elezioni fanno sì che il Partito Unionista Democratico (Democratic Unionist Party o DUP), partito protestante guidato dal reverendo Paisley diventi la prima formazione politica della provincia e il Sinn Féin la seconda, sorpassando per la prima volta il SDLP come primo partito dei cattolici.

Nel 2007 nuove elezioni fanno sì che il Partito Unionista Democratico (Democratic Unionist Party o DUP), partito protestante guidato dal reverendo Paisley diventi la prima formazione politica della provincia e il Sinn Féin la seconda, sorpassando per la prima volta il SDLP come primo partito dei cattolici.

Nel 2007 nuove elezioni fanno sì che il Partito Unionista Democratico (Democratic Unionist Party o DUP), partito protestante guidato dal reverendo Paisley diventi la prima formazione politica della provincia e il Sinn Féin la seconda, sorpassando per la prima volta il SDLP come primo partito dei cattolici.

Libia: milizia ribelle rifiuta tregua

Libia: milizia ribelle rifiuta tregua

(ANSA) – IL CAIRO, 1 SET – La /7a Brigata di Tarhuna, la formazione ribelle protagonista degli scontri degli ultimi giorni a Tripoli, ha respinto il cessate il fuoco che era stato annunciato ieri e ha promesso di continuare i combattimenti “fino a che non ripulirà Tripoli dalle milizie”, accusate di corruzione. Lo riferisce il sito Libya’s Observer fornendo dettagli sul terzo cessate il fuoco che sarebbe stato concordato ieri ma violato da vari colpi di [...]

Libia: 30 i morti per scontri milizie

Libia: 30 i morti per scontri milizie

(ANSA) – IL CAIRO, 31 AGO – E’ salito ancora, a 30 morti e 96 feriti, il bilancio di sangue degli scontri fra milizie in corso a Tripoli da lunedì. E’ quanto emerge dalla pagina Facebook del ministero della Salute del governo di accordo nazionale che fotografa la situazione a ieri sera. I corpi di tre vittime, tra cui due bambini, sono stati trasportati ieri sera all’ospedale universitario di Tripoli, precisa fra l’altro il dicastero. La violazione di [...]

Libia, governo Sarraj: 'Attaccare le milizie fuorilegge'

Libia, governo Sarraj: 'Attaccare le milizie fuorilegge'

“Ho dato ordine ai comandanti della regione di Tripoli di affrontare” le milizie protagoniste degli scontri scoppiati da ieri sera nel sud di Tripoli. Lo afferma il capo del Consiglio presidenziale libico, Fayez al Sarraj, in un comunicato ufficiale. “Non c’è più spazio per il caos”, ammonisce Sarraj, sottolineando che “chiunque sia coinvolto in questo infido attacco nella capitale sarà considerato fuorilegge e punito sulla base delle norme [...]

Libia: Sarraj,attaccare milizie illegali

Libia: Sarraj,attaccare milizie illegali

(ANSA) – ROMA, 27 AGO – “Ho dato ordine ai comandanti della regione di Tripoli di affrontare” le milizie protagoniste degli scontri scoppiati da ieri sera nel sud di Tripoli. Lo afferma il capo del Consiglio presidenziale libico, Fayez al Sarraj, in un comunicato ufficiale. “Non c’è più spazio per il caos”, ammonisce Sarraj, sottolineando che “chiunque sia coinvolto in questo infido attacco nella capitale sarà considerato fuorilegge e punito [...]

Open Arms accusa: naufraghi lasciati morire dalle milizie libiche

Open Arms accusa: naufraghi lasciati morire dalle milizie libiche

Roma, (askanews) - La denuncia di Open Arms, che ha rinvenuto in mare, al largo delle coste libiche, due cadaveri e una donna ancora viva, abbandonati tra le onde. Askanews ha intervistato la coordinatrice della sede italiana della Ong spagnola, Veronica Alfonsi. "È successa una cosa drammatica - ha spiegato - eravamo in zona Saar, siamo ripartiti per la nostra missione, abbiamo trovato una imbarcazione distrutta con una donna e un bambino sui 5 anni deceduti, e [...]

Libia, rischi ambiente in pozzi petrolio

Libia, rischi ambiente in pozzi petrolio

(ANSA) – IL CAIRO, 16 GIU – La Compagnia petrolifera nazionale libica (Noc), confermando indirettamente che il capo milizia Ibrahim Jadhran controlla due strategici terminal di Sidra e Ras Lanuf, ha messo in guardia da un possibile “disastro ambientale” causato da questa incursione. Il Noc, in un comunicato, conferma che una mega-cisterna, la “n.12” a Ras Lanuf , “é stata significativamente danneggiata” nell’ “incursione armata” e “chiede [...]

Libia, il petrolio nelle mani della milizia anti-Haftar

Libia, il petrolio nelle mani della milizia anti-Haftar

Il generale, 'infiltrazioni'.Ma due impianti strategici chiudono

Milizia anti-Haftar prende siti petrolio

Milizia anti-Haftar prende siti petrolio

(ANSA) – IL CAIRO, 15 GIU – La milizia guidata da Ibrahim Jadhran ha preso il controllo dei due maggiori terminal petroliferi libici, Sidra e Ras Lanuf, strappandoli al generale Khalifa Haftar. E’ quanto emerge da un comunicato della compagnia petrolifera nazionale libica (Noc) e da informazioni rilanciate da un media online all’indomani dell’attacco ai due terminal.

FOTO: Conflitto nordirlandese

Libici

Libici

Libya

Libya

Libiche

Libiche

Grande_Jamahiriya_Araba_di_Libia_Popolare_e_Socialista

Grande_Jamahiriya_Araba_di_Libia_Popolare_e_Socialista

Libica

Libica

Libia

Libia

Free Derry corner, Bogside, Derry

Free Derry corner, Bogside, Derry

Le milizie contro la conferenza sulla Libia

Le milizie contro la conferenza sulla Libia

Parigi insiste: 'Noi d'accordo con Roma'. Ma trapela irritazione

Libia: 13 milizie,no a Conferenza Parigi

Libia: 13 milizie,no a Conferenza Parigi

(ANSA) – IL CAIRO, 28 MAG – Tredici milizie libiche hanno sottoscritto un documento che respinge la Conferenza di Parigi sulla Libia. Lo segnala il sito Libya Observer pubblicando copia del testo. Si tratta di alcune tra le più importanti milizie della Libia occidentale. Il rifiuto é stato espresso in una lettera inviata ieri alle tre massime istituzioni libiche (Consiglio presidenziale, Alto consiglio di Stato e parlamento). Nel testo fra l’altro si [...]

Tripoli smentisce ribellioni milizie

Tripoli smentisce ribellioni milizie

(ANSA) – IL CAIRO, 26 MAG – Il ministero dell’Interno libico ha smentito informazioni circolate su social media, ma rilanciate anche da media come Al Arabiya, che alcune milizie si sarebbero ribellate prendendo il controllo di postazioni vitali di Tripoli. “La situazione di sicurezza nella capitale è sotto controllo”, sostiene il dicastero del governo del premier Fayez Al Sarraj in un messaggio sulla propria pagina Facebook. “Queste informazioni sono [...]

Siria: milizie Duma, negoziare la resa

Siria: milizie Duma, negoziare la resa

(ANSAmed) – BEIRUT, 8 APR – I miliziani anti-regime asserragliati a est di Damasco chiedono al governo siriano di riprendere i negoziati per la loro resa: lo riferisce l’agenzia governativa siriana Sana, affermando che “i terroristi denominati Jaysh al Islam hanno chiesto di negoziare con lo Stato siriano” ma che le autorità di Damasco hanno posto come condizione la fine dei lanci di mortai contro la capitale da parte dei miliziani stessi. I negoziati [...]

Mosca, bombe milizie su corridoio Ghuta

Mosca, bombe milizie su corridoio Ghuta

(ANSA) – MOSCA, 01 MAR – Il ministero della Difesa russo denuncia che i miliziani siriani continuano a sparare proiettili di mortaio sul corridoio umanitario che dovrebbe consentire ai civili di lasciare Ghuta Est e raggiungere Mukhayyam al Wafidin durante le “pause umanitarie” quotidiane ordinate da Mosca dalle 9 alle 14. Quella di oggi è la terza giornata di “pause umanitarie” a Ghuta Est, ma finora l’iniziativa non ha avuto successo.

Alta tensione Siria-Turchia, i pro-Assad ad Afrin

Alta tensione Siria-Turchia, i pro-Assad ad Afrin

Membri delle milizie fedeli al regime siriano sono entrate oggi nell’enclave curda di Afrin per opporsi all’avanzata turca, nonostante le minacce di Ankara di reagire ad un tale intervento. Lo riferisce il corrispondente dell’agenzia governativa siriana Sana sul posto. Anche la tv del movimento libanese Hezbollah, filo-iraniano e presente con i suoi miliziani nella Siria settentrionale, afferma che “le forze popolari”, di cui fanno parte miliziani siriani [...]

Milizie filo-Assad entrano a Afrin

Milizie filo-Assad entrano a Afrin

(ANSAmed) – BEIRUT, 20 FEB – Membri delle milizie fedeli al regime siriano sono entrate oggi nell’enclave curda di Afrin per opporsi all’avanzata turca, nonostante le minacce di Ankara di reagire ad un tale intervento. Lo riferisce il corrispondente dell’agenzia governativa siriana Sana sul posto. Anche la tv del movimento libanese Hezbollah, filo-iraniano e presente con i suoi miliziani nella Siria settentrionale, afferma che “le forze popolari”, di [...]

PELAZZA: Le milizie libiche che combattono l’ISIS

PELAZZA: Le milizie libiche che combattono l’ISIS

La guerra combattuta dai libici per eradicare l’ISIS dal territorio nazionale.

Curdi,attacco milizie sciite nord Kirkuk

Curdi,attacco milizie sciite nord Kirkuk

(ANSA) – ROMA, 20 OTT – Questa mattina, “le milizie (paramilitari sciite che rispondono a Teheran, ndr) Hashd al-Shaabi hanno lanciato un attacco su vasta scala” contro le forze curde nella regione di Prde, a nord di Kirkuk, “usando armi americane fornite all’esercito iracheno e con la partecipazione dell’artiglieria iraniana”. Lo afferma il comando generale dei Peshmerga curdi, aggiungendo che “fino ad ora l’attacco è stato sconfitto e oltre [...]

Minniti: notizie su pagamenti milizie libiche smentite più volte

Minniti: notizie su pagamenti milizie libiche smentite più volte

Roma, (askanews) - In riferimento alle notizie di stampa relative a pagamenti da parte del goveno italiano a milizie armate libiche per arginare le partenze di migranti, rammento che sono state "più volte smentite" anche dal ministero degli Affari Esteri del governo italiano: così il ministro dell'Interno, Marco Minniti, al question time alla Camera, rispondendo a una interogazione sulle notizie di stampa relative a presunte erogazioni di contributi economici [...]