Scopri tutto su Pablo Neruda

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Salemi
In rilievo

Salemi

Pablo Neruda

La scheda: Pablo Neruda

Pablo Neruda, pseudonimo di Ricardo Eliécer Neftalí Reyes Basoalto (Parral, 12 luglio 1904 – Santiago del Cile, 23 settembre 1973), è stato un poeta, diplomatico e politico cileno, considerato una delle più importanti figure della letteratura latino-americana contemporanea.
Scelse lo pseudonimo di Pablo Neruda, in onore dello scrittore e poeta ceco Jan Neruda, nome che in seguito gli fu riconosciuto anche a livello legale. Definito da Gabriel García Márquez "il più grande poeta del XX secolo, in qualsiasi lingua" e considerato da Harold Bloom tra gli scrittori più rappresentantivi del canone Occidentale, è stato insignito nel 1971 del Premio Nobel per la letteratura.
Ha anche ricoperto per il proprio Paese incarichi di primo piano diplomatici e politici, come quella del Senatore. Inoltre è conosciuto per la sua volontaria adesione al comunismo - per cui subì censure e persecuzioni politiche, dovendo anche espatriare a causa della sua opposizione al governo autoritario di Gabriel González Videla -, la sua candidatura a Presidente del Cile nel 1970, e il successivo sostegno al socialista Salvador Allende. Morì in un ospedale di Santiago poco dopo il golpe del generale Augusto Pinochet nel 1973, ufficialmente di tumore ma in circostanze ritenute dubbie, mentre stava per partire per un nuovo esilio.



La notte nell�isola di Pablo Neruda

Tutta la notte ho dormito con te vicino al mare, nell'isola. Eri selvaggia e dolce tra il piacere e il sonno, tra il fuoco e l'acqua. Forse assai tardi i nostri sogni si unirono, nell'alto o nel profondo, in alto come i rami che muove uno stesso vento, in basso come rosse radici che si toccano. Forse il tuo sogno si separò dal mio e per il mare oscuro mi cercava, come prima, quando ancora non esistevi, quando senza scorgerti navigai al tuo fianco e i [...]

La notte nell’isola di Pablo Neruda

Tutta la notte ho dormito con te vicino al mare, nell'isola. Eri selvaggia e dolce tra il piacere e il sonno, tra il fuoco e l'acqua. Forse assai tardi i nostri sogni si unirono, nell'alto o nel profondo, in alto come i rami che muove uno stesso vento, in basso come rosse radici che si toccano. Forse il tuo sogno si separò dal mio e per il mare oscuro mi cercava, come prima, quando ancora non esistevi, quando senza scorgerti navigai al tuo fianco e i [...]

EVENTI: Pablo Neruda

Nel 1906, all'età di due anni, il futuro poeta si trasferì col padre nella città di Temuco, dove ben presto il genitore convolò a nozze con Trinidad Candia Marverde (una donna che il giovane Pablo soleva chiamare "Mamadre" e a cui dedicò anche alcune sue poesie), già madre di un figlio di nove anni più vecchio, Rodolfo, con la quale il padre ebbe una figlia, Laurita.

Nel 1923 pubblicò il suo primo volume in versi, Crepusculario, che fu apprezzato da scrittori come Alone, Raúl Silva Castro e Pedro Prado, seguito a distanza di un anno da Veinte poemas de amor y una canción desesperada, una raccolta di poesie d'amore, di stile modernista ed erotico, motivo che spinse alcuni editori a rifiutarlo.

Nel 1920 iniziò ad utilizzare per le sue pubblicazioni lo pseudonimo di Pablo Neruda, in omaggio a Jan Neruda, con cui è tutt'oggi pressoché esclusivamente conosciuto, in modo da poter scrivere poesie senza che il padre (il quale riteneva quest'arte un'attività poco "rispettabile") lo scoprisse.

Nel 1970, Neruda fu indicato come uno dei candidati alla carica di Presidente della Repubblica cilena, e scelto poi come candidato ufficiale del PCC, ma si ritirò dalla competizione elettorale appoggiando nuovamente Allende e aiutandolo a divenire il primo presidente socialista democraticamente eletto in Cile e in America Latina.

Nel 1952, Neruda visse per un periodo in una villa messagli a disposizione da Edwin Cerio a Capri, tale permanenza venne in seguito rappresentata da Massimo Troisi nel film Il postino (1994, con Philippe Noiret nelle vesti del poeta cileno, e diretto dal regista Michael Radford, la sceneggiatura fu liberamente tratta dal romanzo Il postino di Neruda di Antonio Skarmeta).

Nel 1952, il governo del dittatore Videla era ormai al termine, colpito anche da numerosi scandali per corruzione, e il Partito Socialista presentò la candidatura a nuovo presidente di Salvador Allende, richiedendo contemporaneamente la presenza in patria del suo letterato più illustre al fine di avallarne al meglio l'investitura.

Tra il 1940 e il 1943 gli venne assegnato l'incarico di console generale a Città del Messico e fu in questi anni che divorziò dalla prima moglie, si sposò con Delia del Carril e apprese della morte della figlia, a soli 8 anni, nei territori occupati dei Paesi Bassi.

Nel 1943, durante il viaggio di ritorno a casa, Neruda si fermò in Perù, visitò Machu Picchu, e rimase molto colpito dalla città degli Inca, che gli ispirò, nel 1945, la scrittura di Alturas de Macchu Picchu, un poema in dodici parti sulla colonizzazione spagnola.

Nel 1992, le salme di Neruda e della moglie furono esumate dal cimitero di Santiago e sepolte nel giardino della Isla Negra.

Il 4 marzo 1945 ottenne la sua prima nomina ufficiale come senatore indipendente, in seno al Partito comunista delle province nordorientali del Cile di Antofagasta e Tarapacá, situate nell'inospitale deserto di Atacama, e pochi mesi dopo prese la tessera del Partito Comunista del Cile.

Nel 1966 Neruda fu invitato a New York per una conferenza internazionale dell'associazione degli scrittori, ma Arthur Miller, organizzatore dell'evento, incontrò molte difficoltà e dovette fare notevoli pressioni sull'amministrazione Johnson sia per riuscire a fargli ottenere un visto, sia per la presenza di tanti altri letterati provenienti da oltre la cortina di ferro.

Nel 1967, alla morte di Ernesto Che Guevara in Bolivia, Neruda scrisse molti articoli sulla perdita del "grande eroe della rivoluzione", dalla cui stima era del resto ricambiato, come testimonia la composizione, da parte di Guevara, di un piccolo saggio elogiativo sul libro di Neruda Canto General.

La notte nell’isola di Pablo Neruda

Tutta la notte ho dormito con te vicino al mare, nell'isola. Eri selvaggia e dolce tra il piacere e il sonno, tra il fuoco e l'acqua. Forse assai tardi i nostri sogni si unirono, nell'alto o nel profondo, in alto come i rami che muove uno stesso vento, in basso come rosse radici che si toccano. Forse il tuo sogno si separò dal mio e per il mare oscuro mi cercava, come prima, quando ancora non esistevi, quando senza scorgerti navigai al tuo fianco e i [...]

Le donne di Neruda..

Le donne di Neruda..

Le donne, gli amori, i tradimenti e i versi di Pablo Neruda a Isla Negra in Cile negli anni Cinquanta. Li racconta Elisa, arrivata a 12 anni con la madre da un paese vicino a servire nella casa del poeta.Sono povere e ignoranti, ma Elisa attira l'attenzione di Pablo che decide di educarla alla società, incontra la protezione e l'amicizia della moglie Delia e dell'amante Matilde. Quegli anni a Isla Negra sono il suo periodo di formazione, Elisa, novella Sabrina, [...]

ritorno

Rieccomi…appena rientrato da una missione…romana. Torno a scrivere le mie personali risultanze su questo sempre più bizzarro luogo.  Bene devo dire che, nel frattempo, una stramba signora ha smesso di soffocarmi con le sue ansie patologiche. Ma questa è un’altra storia. Sapete in questi giorni di assenza o di brevissime visite a questo luogo, mi … Leggi tutto "ritorno" L'articolo ritorno proviene da follie virtuali.

Il nipote di Neruda a Capri: Cerco verita' sulla morte di mio zio

Il nipote di Neruda a Capri: Cerco verita' sulla morte di mio zio

Roma, (askanews) - Rodolfo Reyes e' a Capri sulle orme del celebre zio, il poeta cileno Pablo Neruda. L'avvocato - ricevuto dal sindaco Gianni de Martino - attraversa in Italia i luoghi che 65 anni fa accolsero Neruda durante l esilio. Questa e' la sua prima volta a Capri, teatro dell amore tra il poeta premio Nobel e Matilde Urrutia: 'Quando vedi Capri, l'ispirazione del poeta, la bellezza di Capri nasce e fiorisce in cio' che e' poesia', ha commentato. A Capri [...]

Il primo giorno del'anno di Pablo Neruda

 Poesia di Capodannodi Pablo NerudaIl primo giorno dell'annoIl primo giorno dell'annoLo distinguiamo dagli altricome se fosse un cavallinodiverso da tutti i cavalli.Gli adorniamo la fronte con un nastro,gli posiamo sul collo sonagli colorati,e a mezzanotte lo andiamo a riceverecome se fosse un esploratoreche scende da una stella.Come il pane, assomiglia al pane di ieri.Come un anello a tutti gli anelli.La terra accoglierà questo giornodorato, grigio, [...]

Il primo giorno del'anno di Pablo Neruda

 Poesia di Capodannodi Pablo NerudaIl primo giorno dell'annoIl primo giorno dell'annoLo distinguiamo dagli altricome se fosse un cavallinodiverso da tutti i cavalli.Gli adorniamo la fronte con un nastro,gli posiamo sul collo sonagli colorati,e a mezzanotte lo andiamo a riceverecome se fosse un esploratoreche scende da una stella.Come il pane, assomiglia al pane di ieri.Come un anello a tutti gli anelli.La terra accoglierà questo giornodorato, grigio, celeste,lo [...]

Il primo giorno del'anno di Pablo Neruda

  Poesia di Capodanno di Pablo Neruda Il primo giorno dell'anno Il primo giorno dell'anno Lo distinguiamo dagli altri come se fosse un cavallino diverso da tutti i cavalli. Gli adorniamo la fronte con un nastro, gli posiamo sul collo sonagli colorati, e a mezzanotte lo andiamo a ricevere come se fosse un esploratore che scende da una stella. Come il pane, assomiglia al pane di ieri. Come un anello a tutti gli anelli. La terra accoglierà questo giorno dorato, [...]

Il primo giorno del'anno di Pablo Neruda

 Poesia di Capodannodi Pablo NerudaIl primo giorno dell'annoIl primo giorno dell'annoLo distinguiamo dagli altricome se fosse un cavallinodiverso da tutti i cavalli.Gli adorniamo la fronte con un nastro,gli posiamo sul collo sonagli colorati,e a mezzanotte lo andiamo a riceverecome se fosse un esploratoreche scende da una stella.Come il pane, assomiglia al pane di ieri.Come un anello a tutti gli anelli.La terra accoglierà questo giornodorato, grigio, celeste,lo [...]

FOTO: Pablo Neruda

Firma

Firma

Foto del giovane Neruda, in cui si firma «Ricardo Reyes»

Foto del giovane Neruda, in cui si firma «Ricardo Reyes»

Neruda in un francobollo della DDR del 1974

Neruda in un francobollo della DDR del 1974

Pablo Neruda, fotografato nella sede della Biblioteca del Congresso, Washington DC, 1966

Pablo Neruda, fotografato nella sede della Biblioteca del Congresso, Washington DC, 1966

Neruda e Salvador Allende

Neruda e Salvador Allende

Neruda nel 1956

Neruda nel 1956

La Casa de Isla Negra

La Casa de Isla Negra

Il primo giorno del'anno di Pablo Neruda

 Poesia di Capodannodi Pablo NerudaIl primo giorno dell'annoIl primo giorno dell'annoLo distinguiamo dagli altricome se fosse un cavallinodiverso da tutti i cavalli.Gli adorniamo la fronte con un nastro,gli posiamo sul collo sonagli colorati,e a mezzanotte lo andiamo a riceverecome se fosse un esploratoreche scende da una stella.Come il pane, assomiglia al pane di ieri.Come un anello a tutti gli anelli.La terra accoglierà questo giornodorato, grigio, celeste,lo [...]

Pablo Neruda

Se saprai starmi vicino, e potremo essere diversi, se il sole illuminer entrambi senza che le nostre ombre si sovrappongano, se riusciremo ad essere "noi" in mezzo al mondo e insieme al mondo, piangere, ridere, vivere.    Se ogni giorno sar scoprire quello che siamo e non il ricordo di come eravamo, se sapremo darci l'un l'altro senza sapere chi sar il primo e chi l'ultimo se il tuo corpo canter con il mio perch insieme  gioia... Allora sar amore [...]

Pablo Neruda

Se saprai starmi vicino,e potremo essere diversi,se il sole illuminerà entrambisenza che le nostre ombre si sovrappongano,se riusciremo ad essere "noi" in mezzo al mondoe insieme al mondo, piangere, ridere, vivere.   Se ogni giorno sarà scoprire quello che siamoe non il ricordo di come eravamo,se sapremo darci l'un l'altrosenza sapere chi sarà il primo e chi l'ultimose il tuo corpo canterà con il mio perchè insieme è gioia...Allora sarà amoree non sarà [...]

Pablo Neruda

Se saprai starmi vicino, e potremo essere diversi, se il sole illuminer entrambi senza che le nostre ombre si sovrappongano, se riusciremo ad essere "noi" in mezzo al mondo e insieme al mondo, piangere, ridere, vivere.    Se ogni giorno sar scoprire quello che siamo e non il ricordo di come eravamo, se sapremo darci l'un l'altro senza sapere chi sar il primo e chi l'ultimo se il tuo corpo canter con il mio perch insieme  gioia... Allora sar amore [...]

Pablo Neruda

Se saprai starmi vicino,e potremo essere diversi,se il sole illuminer entrambisenza che le nostre ombre si sovrappongano,se riusciremo ad essere "noi" in mezzo al mondoe insieme al mondo, piangere, ridere, vivere. Se ogni giorno sar scoprire quello che siamoe non il ricordo di come eravamo,se sapremo darci l'un l'altrosenza sapere chi sar il primo e chi l'ultimose il tuo corpo canter con il mio perch insieme  gioia...Allora sar amoree non sar [...]

Pablo Neruda

Se saprai starmi vicino,e potremo essere diversi,se il sole illuminer� entrambisenza che le nostre ombre si sovrappongano,se riusciremo ad essere "noi" in mezzo al mondoe insieme al mondo, piangere, ridere, vivere.�� Se ogni giorno sar� scoprire quello che siamoe non il ricordo di come eravamo,se sapremo darci l'un l'altrosenza sapere chi sar� il primo e chi l'ultimose il tuo corpo canter� con il mio perch� insieme � gioia...Allora sar� amoree [...]

"Un box office del diavolo!"

"Partenza da urlo per Inferno (Warner) in Italia: il terzo adattamento cinematografico di un romanzo di Dan Brown fa € 4.506.813 in quattro giorni realizzando la migliore media copia (€ 6.717) del weekend. Scivola al secondo posto Pets – Vita da animali (Universal), che aggiunge altri € 2.901.797 (media copia: € 3.937) al suo bottino e arriva a totalizzare € 8.700.995. Debutta in terza posizione la commedia di Cristina Comencini, Qualcosa di nuovo (01), [...]

NERUDA: intervista a Pablo Larrain

NERUDA: intervista a Pablo Larrain

NERUDA: intervista a Pablo Larrain Un film intenso ed emozionante; più che un biopic, un ritratto di uno dei poeti e dei personaggi del mondo della cultura amato in tutto il mondo. Il film arriverà al cinema dal 06 Ottobre

Neruda

Neruda

  Cile 1948, il governo Vileda si schiera con gli Stati Uniti e condanna il comunismo, Pablo Neruda senatore contrario a questa desisione ed in quanto massima personalità artistica del paese diventa il ricercato n.1. Non accettando il carcere decide per l'esilio, ma trova molte difficoltà, il presidente ha messo sulle sue tracce Oscar un ispettore di polizia... Dal regista cileno Pablo Larrain, con Luis Gnecco, Gael Garcia Bernal, Mercedes Moran. Questo film è [...]

"La parola a Pablo Larraín"

"“La cultura nordamericana è pericolosa, frammentata, composta da tanti pezzi. È un paese che oggi viene conteso da un pazzo, come Donald Trump, e Hillary Clinton”. Non usa mezze misure il regista Pablo Larraín, protagonista del faccia a faccia con Federico Pontiggia, cuore pulsante della prossima puntata di Movie Mag. L’appuntamento settimanale con l’informazione cinematografica targata Rai Movie è in onda mercoledì 12 ottobre alle 23.00 e in replica, [...]