Paolo Villaggio

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Christina (given name)
In rilievo

Christina (given name)

Paolo Villaggio

La scheda: Paolo Villaggio

« Il comico non diventa mai adulto, resta sempre un bambino. »
Paolo Villaggio (Genova, 30 dicembre 1932 – Roma, 3 luglio 2017) è stato un attore, scrittore, comico, umorista, doppiatore, sceneggiatore e conduttore televisivo italiano.
È stato autore e interprete di personaggi legati a una comicità paradossale e grottesca come il professor Kranz, il timido Giandomenico Fracchia e soprattutto il ragionier Ugo Fantozzi: creazione letteraria da cui è nata una saga cinematografica di ampio e duraturo successo, tanto da elevare il personaggio a vera e propria maschera formatasi nel solco della commedia dell'arte. Inventore di una comicità inedita, priva di legami con le tradizioni e i regionalismi del cinema comico popolare, con la sua attività di attore, umorista e uomo di spettacolo è entrato nella cultura di massa di intere generazioni di italiani.
Al percorso attoriale ha fatto eco quello di scrittore, iniziato con un libro su Fantozzi e seguito da varie opere di carattere satirico e da altri otto romanzi dedicati al ragioniere, molti di questi sono stati pubblicati e tradotti in numerosi paesi del mondo. Sul piano lessicale ha ideato un tipo di scrittura originale e tagliente fatta di neologismi, aggettivazioni enfatiche, errori morfologici e termini burocratici entrati nel patrimonio comune della lingua italiana.
Nella sua oltre cinquantennale carriera si è cimentato in altri campi espressivi come il giornalismo, la radio e il teatro scrivendo, inoltre, due testi di canzoni per l'amico e cantautore Fabrizio De André. In ambito televisivo ha dato contributi di rilievo sia nei panni di presentatore sia in quelli di artista lanciando sul finire degli anni sessanta programmi dal contenuto sperimentale e innovativo.
Attore tra i più popolari del cinema italiano, accostato a Buster Keaton, Charlie Chaplin, Stan Laurel e Oliver Hardy, ricevette alla 49ª Mostra internazionale del cinema di Venezia il Leone d'oro alla carriera. Nell'agosto del 2000 gli fu assegnato il Pardo d'onore al Festival del cinema di Locarno. Ha recitato in parti più drammatiche partecipando a film di registi come Federico Fellini, Ermanno Olmi, Lina Wertmüller, Mario Monicelli, Pupi Avati e Marco Ferreri.


Fantozzi (1975)
Il secondo tragico Fantozzi (1976)
Il signor Robinson, mostruosa storia d'amore e d'avventure (1976)
Il... Belpaese (1977)
Professor Kranz tedesco di Germania (1978)
Fantozzi contro tutti (1980)
Fracchia la belva umana (1981)
Bonnie e Clyde all'italiana (1982)
Pappa e ciccia (1983)
Fantozzi subisce ancora (1983)
Fracchia contro Dracula (1985)
Superfantozzi (1986)
Fantozzi va in pensione (1988)
Fantozzi alla riscossa (1990)
Fantozzi in paradiso (1993)
Fantozzi - Il ritorno (1996)

Fantozzi contro tutti con Neri Parenti (1980)

Senti chi parla, regia di Amy Heckerling (1989)
Senti chi parla 2, regia di Amy Heckerling (1990)
Hotel Transylvania 2, regia di Genndy Tartakovsky (2015)

Un anno senza Paolo Villaggio

Un anno senza Paolo Villaggio

Un anno fa ci lasciava il grande attore

Un anno fa l'addio a Paolo Villaggio

Un anno fa l'addio a Paolo Villaggio

Indimenticabile il suo ragionier Ugo Fantozzi

EVENTI: Paolo Villaggio

Nel 1954 al Lido di Genova incontra Maura Albites, che verso la fine degli anni cinquanta diverrà sua moglie e dalla quale avrà due figli: Elisabetta (1959) e Pierfrancesco (1962), comparso successivamente in alcune pellicole del padre.

Nel 1976 Villaggio pubblica un terzo volume dal titolo Le lettere di Fantozzi.

Nel maggio del 2009 l'attore riceve nel Salone dei Corazzieri del Quirinale il David di Donatello alla carriera, dove intrattiene il pubblico con la solita graffiante ironia: «Sono felice anche se ho un leggerissimo timore che questo riconoscimento non sia alla carriera, ma alla memoria Poi, rivolgendosi al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, aggiunge: «Mi auguro che lei possa venire al mio funerale Pronta la replica sorridente del Capo dello Stato: «Chissà quanti anni mi toccherà aspettare!».

Nel 2001 recita nel film Heidi, del regista svizzero Markus Imboden, inedito in Italia.

Nel 1971 questi racconti confluiscono nell'opera prima Fantozzi, edita dal gruppo Rizzoli, che diventa ben presto un fenomeno sociale e culturale (più di un milione di copie vendute), venendo tradotta in molte lingue, soprattutto in Unione Sovietica.

Dal 2004 al 2005 scrive per L'Indipendente, diretto da Giordano Bruno Guerri.

Tra il 2003 e il 2009 si riduce progressivamente la sua attività cinematografica intensificandosi, al contrario, quella di scrittore.

Nel 2003 viene chiamato da Francesca Archibugi a indossare i panni del sacerdote manzoniano Don Abbondio nella serie televisiva Renzo e Lucia, in cui recita assieme ad altri attori di fama come Stefania Sandrelli.

Nel 1973 viene diretto da Nanni Loy nel film di satira politica Sistemo l'America e torno, dove interpreta il ruolo di un ingegnere inviato in America per reclutare un giocatore di pallacanestro, salvo poi scoprire essere un militante dei Black Power.

Nel 1975 Pupi Avati lo vuole come interprete principale nella commedia La mazurka del barone, della santa e del fico fiorone, ruolo che successivamente andrà all'amico Ugo Tognazzi.

Nel febbraio del 2008 la pellicola è stata selezionata da una commissione di esperti tra i 100 film italiani da salvare.

Nel 1974 Villaggio, di concerto con la Rizzoli film, decide di trasportare sul grande schermo la maschera di Fantozzi affidandone la direzione al regista Luciano Salce.

Nel 2011, per i 150 anni dell'Unità d'Italia, il libro è stato scelto dal comitato scientifico del Centro per il libro e la lettura tra le centocinquanta opere che hanno segnato la storia dello Stato Italiano.

Nel 1968 comincia per il comico genovese la parallela attività in campo cinematografico.

Nel febbraio del 1989 cominciano le riprese dell'ultima fatica del maestro riminese, La voce della Luna (1990), tratta dal libro Il poema dei lunatici di Ermanno Cavazzoni e tutta l'attenzione della stampa è rivolta alla curiosa scelta dei due protagonisti: Roberto Benigni e Paolo Villaggio.

Nel 2013 ritorna a calcare le platee nel monologo Siamo nella merda, anche la Corazzata Potemkin è affondata.

Il 18 gennaio 2013 ha annunciato il suo voto a favore del Movimento 5 Stelle, in vista delle imminenti elezioni politiche motivando il fatto che il suo amico Beppe Grillo: «è l'unico che rappresenta un cambiamento vero per una classe politica che pensa solo al presente».

Nel 2012 esce nelle librerie Tragica vita del ragionier Fantozzi, dove l'autore torna a ritrarre il suo personaggio più popolare descrivendone gli anni dell'infanzia e dell'adolescenza, a cui segue, nel 2013, Siamo nella merda - Pillole di saggezza di una vecchia carogna.

Nel 2012 è di nuovo sul grande schermo per una piccola partecipazione nel film Tutto tutto niente niente di Giulio Manfredonia, con Antonio Albanese.

Nel settembre del 2017 viene presentato al Festival di Venezia (nella sezione classici) il docufilm La voce di Fantozzi, diretto da Mario Sesti.

Nel 1983 ritorna in televisione nel contenitore serale di Corrado Ciao Gente, dove ripropone la caratterizzazione di Gemma Pontini (una sorta di stramba opinionista), già presentata nel programma di Giovanni Minoli Mixer.

Nel dicembre del 2016 viene dato alle stampe l'audiobook del primo libro su Fantozzi, in versione aggiornata, e recitato dallo stesso autore con l'aggiunta di nuove sezioni.

Nel 1985 passa per la prima volta sulle reti Fininvest partecipando ai corali Risatissima e Grand Hotel, quest'ultimo con Franco Franchi e Ciccio Ingrassia.

In bici sui set di Fantozzi

In bici sui set di Fantozzi

Omaggio a Villaggio di un fan con la passione per le due ruote

Paolo Villaggio...

Paolo Villaggio...

Paolo Villaggio

Paolo Villaggio

Vogliamo ricordarti così

Una serata per Paolo Villaggio

Una serata per Paolo Villaggio

A Genova una serata speciale per celebrare Paolo Villaggio.

Arbore ricorda Paolo Villaggio, era un inventore

Arbore ricorda Paolo Villaggio, era un inventore

Omaggio all'attore scomparso a luglio, a margine di una cerimonia al Carlo Felice di Genova

L'omaggio a Paolo Villaggio

L'omaggio a Paolo Villaggio

L'attore viene omaggiato da un prestigioso quotidiano inglese.

Le "donne" di Fantozzi

Le "donne" di Fantozzi

Alcune immagini della mitica Mariangela, figlia di Fantozzi e della moglie cinematografica, Milena Vukotic.

Il tunnel del figlio di Paolo Villaggio

Il tunnel del figlio di Paolo Villaggio

Il figlio dell'attore racconta il rapporto tormentato con il padre fino alla riconciliazione tra i due.

FOTO: Paolo Villaggio

Paolo Villaggio con la moglie Maura e il piccolo Pierfrancesco

Paolo Villaggio con la moglie Maura e il piccolo Pierfrancesco

Paolo Villaggio assieme all'amico Fabrizio De André, con cui ha condiviso gli anni dell'infanzia e della giovinezza

Paolo Villaggio assieme all'amico Fabrizio De André, con cui ha condiviso gli anni dell'infanzia e della giovinezza

Paolo Villaggio con Maurizio Costanzo, che lo scoprì e lanciò nel mondo dello spettacolo nel 1967, e Paola Borboni, durante una puntata di Bontà loro.

Paolo Villaggio con Maurizio Costanzo, che lo scoprì e lanciò nel mondo dello spettacolo nel 1967, e Paola Borboni, durante una puntata di Bontà loro.

Un trentacinquenne Paolo Villaggio esordisce nel programma Quelli della domenica (1968)

Un trentacinquenne Paolo Villaggio esordisce nel programma Quelli della domenica (1968)

Paolo Villaggio nei panni del Professor Kranz, mentre assegna al pubblico uno dei suoi personali cammelli di peluche

Paolo Villaggio nei panni del Professor Kranz, mentre assegna al pubblico uno dei suoi personali cammelli di peluche

Paolo Villaggio, durante una trasmissione televisiva degli anni sessanta

Paolo Villaggio, durante una trasmissione televisiva degli anni sessanta

L'ideatore Pietro Gatti e altri designer davanti alla produzione di poltrone sacco. La sedia, anche per merito del successo di Fracchia, fece presa in tutta Italia divenendo un'autentica icona pop, tanto da essere esposta nel 1972 al MoMa di New York. L'oggetto è oggi visitabile in più di venti musei nel mondo[35]

L'ideatore Pietro Gatti e altri designer davanti alla produzione di poltrone sacco. La sedia, anche per merito del successo di Fracchia, fece presa in tutta Italia divenendo un'autentica icona pop, tanto da essere esposta nel 1972 al MoMa di New York. L'oggetto è oggi visitabile in più di venti musei nel mondo[35]

Le Iene intervistano Paolo Villaggio

Le Iene intervistano Paolo Villaggio

L'attore, parla della sua vita piena e del rapporto con la morte.

Paolo Villaggio: parlano i figli

Paolo Villaggio: parlano i figli

Per la prima volta parlano i figli del grande artista:"E' stato un padre particolare e aveva paura di morire".

Fantozzi, un'icona nel mondo

Fantozzi, un'icona nel mondo

Tutti i più grandi successi del talentuoso comico.

Paolo Villaggio, la copertina

Paolo Villaggio, la copertina

Tante le polemiche dopo la scomparsa del grande attore: tradito dagli amici, ma aveva riconquistato i figli.

Il Festival di Venezia ricorda Paolo Villaggio

Il Festival di Venezia ricorda Paolo Villaggio

Nel giorno della presentazione del film di George Clooney, omaggio a Villaggio con un documentario

Un omaggio a Paolo Villaggio

Un omaggio a Paolo Villaggio

Il grande attore sarà ricordato alla Mostra del Cinema di Venezia con un docu-film.

Paolo Villaggio e Renato Pozzetto

Paolo Villaggio e Renato Pozzetto

I due comici simulano un provino per Buon Compleanno Canale5 del 1990

W Gli Sposi, l'ultimo Paolo Villaggio

W Gli Sposi, l'ultimo Paolo Villaggio

(ANSA) – ROMA, 11 LUG – Un Paolo Villaggio nei panni di una sorta di professor Kranz ma inaspettatamente buono e di professione psicologo, è l’ultimo ruolo del comico e autore genovese, il suo testamento attoriale al cinema. Villaggio è infatti tra i protagonisti della commedia corale di Valerio Zanoli dal titolo ‘W Gli sposi’, girata fra Roma e Atlanta (Georgia, negli Stati Uniti). Un film con Iva Zanicchi, Marisa Laurito, Carlo Pistarino, Lando [...]

Morte Paolo Villaggio, Massimo Boldi: ho perso un fratello

Morte Paolo Villaggio, Massimo Boldi: ho perso un fratello

Roma, (askanews) - "Io ho conosciuto Paolo Villaggio quando faceva cabaret al Derby a Milano, io ero un batterista, siamo diventati amici con Cochi, Renato e Jannacci e poi dopo parecchi anni mi sono trovato con Paolo villaggio sul set di un film che era 'Il Belpaese', era il 1977. Da lì la mia carriera di comico protagonista al cinema è iniziata per questo lo devo ringraziare. E poi come ho detto su Facebook, su Twitter, per me è come un fratello maggiore ho [...]

Villaggio, il ricordo di 'Mariangela Fantozzi': "Una parte della mia vita"

Villaggio, il ricordo di 'Mariangela Fantozzi': "Una parte della mia vita"

A margine della cerimonia laica in ricordo di Paolo Villaggio alla Casa del Cinema, Plinio Fernando, l'attore che nella saga di Fantozzi interpretava la figlia Mariangela, ha parlato ai cronisti