Scopri tutto su Paradise

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Risultati relativi a Paradise. Cerca invece Paradise.

Vedi anche

Christina (given name)
In rilievo

Christina (given name)

Paradiso

La scheda: Paradiso

Il termine paradiso possiede due significati: il primo indica, nella tradizione biblica, quel luogo primordiale dove Dio collocò l'uomo appena creato (Genesi, 2), il secondo indica, nell'ambito delle teologie fondate sull'interpretazione dei testi biblici, quel luogo, celeste o terrestre, dove verranno destinati gli uomini da Dio giudicati come "giusti". Nel significato traslato della seconda accezione, con il termine "paradiso" si rendono termini di altre lingue, e di altre religioni, che indicano analoghe credenze in un luogo felice, post-mortem, riservato a coloro che hanno condotto una vita da "giusti".


Post di Accanto al paradiso

  Un mondo di solitudineDicono che l' uomo non è un' isola.A me pare proprio di sì.Viviamo isolati dalle nostre paure.Viviamo distanziati dai nostri diversi modi di pensare.Dai nostri obiettivi, dalle cose che contano che sono diverse per ognuno di noi.Siamo soli. Infondo nessuno ci può capire, nessuno può avere la nostra stessa visione del mondo. Nessuno può sentire come sentiamo noi. Nessuno quindi infondo ci può comprendere. Gli altri minimizzano i [...]

Post di Accanto al paradiso

  Ti auguro felicità,ma non la felicità che si ottiene chiudendo fuori il mondo.Nemmeno quella di rinnegare il tuo sognoper amor di agiatezza.Ti auguro la felicità di fare quello che fainel migliore dei modi.Di correre il rischio di tentare,di correre il rischio di dare, di correre il rischio d'amare.Tratta la felicità con gentilezza: è un prestito.Pam Brown 

Post di Accanto al paradiso

  Sarà una follia. Ma ho bisogno di credere in qualche sogno assurdo che mi stacchi dalla sofferenza della vita e mi trasporti in un mondo ideale dove tutto è possibile.citazione mia tutti i diritti riservati 

Post di Accanto al paradiso

  Sono una Donna felice, come lodovrebbe essere qualunque Donnanel riverbero di questa età luminosa.Ho debolezze eleganti e cicatrici charmantes.Non ho più illusioni sulla nobiltà delle persone e per questo so apprezzare la loro inestimabile arte di convivere con le proprie imperfezioni...Alessandro Baricco 

Post di Accanto al paradiso

  Forse non è chiaro:Io sono Donna e se ti piaccio mi devi corteggiare ma se te lo devo dire evidentemente non sei il mio tipo.Ceraunavolta 

Post di Accanto al paradiso

 Sensibile e buona, non significa stupida a cui mettere i piedi in testa, come pensa certa gente arrogante, ignorante e cattiva.Roberto Rigoni ©‏ 

Post di Accanto al paradiso

 Comunque il miglior regalo che puoi ricevere è sempre quello che ti fai da sola.Masse78 

Post di Accanto al paradiso

  "Le cose lente sono le più belle. Bisogna sapere aspettare."Dal film: Pane e tulipani

Post di Accanto al paradiso

   "Miriàm, sai cos'è la grazia?" "Non di preciso, risposi". "Non è un'andatura attraente, non è il portamento elevato di certe nostre donne bene in mostra. E' la forza sovrumana di affrontare il mondo da soli senza sforzo, sfidarlo a duello tutto intero senza neanche spettinarsi."- Erri De Luca - 

Post di Accanto al paradiso

 Tutti questi uomini in cerca di una donna che non rompa i coglioni, vi svelo un segretONE: quando una donna smette di romperli, ammesso che di quello si tratti, hai smesso di interessarle.- sara  

FOTO: Paradiso

Il termine

Il termine "paradiso" deriva, per mezzo del latino ecclesiastico e quindi del greco biblico, da termini di ambito iranico i quali non possiedono alcun significato religioso ma, più semplicemente, indicano il "giardino", il "parco", riservato al re. Questa usanza di recintare un'area, e quindi riservarla ad uso esclusivo del sovrano, i Persiani la ereditarono dagli Assiri. Qui un rilievo proveniente dalla parte settentrionale del Palazzo di Assurbanipal, conservato al British Museum di Londra e risalente al VII secolo a.C., che intende illustrare proprio uno di questi giardini assiri.

La prima attestazione del mito del

La prima attestazione del mito del "paradiso terrestre è inserita nel racconto in lingua sumerica, datato al II millennio a.C., conosciuto con il titolo di Enki e Ninḫursaĝa. Qui sopra la riproduzione della seconda linea della tavola: La terra di Dilmun è pura.

Avestā, apertura del Gāthā Ahunavaitī, Yasna XXVIII,1, testo attribuibile allo stesso Zarathuštra (dalla Biblioteca Bodleiana MS J2) (AE) « ahyâ ýâsâ nemanghâ ustânazastô rafedhrahyâ manyêush mazdâ pourvîm speñtahyâ ashâ vîspêñg shyaothanâ vanghêush xratûm mananghô ýâ xshnevîshâ gêushcâ urvânem » (IT) « Le Mani protese in atto di adorazione verso di te, o Mazdā, io ti prego anche per intercessione di Vohū Manah. il tuo Spirito d'amore, e verso di te o Aša, ordine e rettitudine, [ti prego] di poter godere la luce della saggezza e la coscienza pura, e di poter recare così consolazione all'Anima della Vacca[13] » (Avestā, Yasna. XXVIII.1. Traduzione Arnaldo Alberti, in Avestā. Torino, UTET, 2008, pag.150) La scrittura qui usata è una forma di scrittura pahlavi detta

Avestā, apertura del Gāthā Ahunavaitī, Yasna XXVIII,1, testo attribuibile allo stesso Zarathuštra (dalla Biblioteca Bodleiana MS J2) (AE) « ahyâ ýâsâ nemanghâ ustânazastô rafedhrahyâ manyêush mazdâ pourvîm speñtahyâ ashâ vîspêñg shyaothanâ vanghêush xratûm mananghô ýâ xshnevîshâ gêushcâ urvânem » (IT) « Le Mani protese in atto di adorazione verso di te, o Mazdā, io ti prego anche per intercessione di Vohū Manah. il tuo Spirito d'amore, e verso di te o Aša, ordine e rettitudine, [ti prego] di poter godere la luce della saggezza e la coscienza pura, e di poter recare così consolazione all'Anima della Vacca[13] » (Avestā, Yasna. XXVIII.1. Traduzione Arnaldo Alberti, in Avestā. Torino, UTET, 2008, pag.150) La scrittura qui usata è una forma di scrittura pahlavi detta "scrittura avestica". Con la distruzione dell'impero achemenide da parte dei Macedoni guidati da Alessandro Magno si osserva la scomparsa di quella scrittura cuneiforme, precedentemente adottata per rendere l'antico persiano, e il varo di scritture derivate da quella aramaica che furono poi adoperate per riportare quei dialetti, come il pahlavik e il parsik, che furono le lingue medio iraniche utilizzate, la prima dagli Arsacidi e quindi detta partica, originaria del nord-ovest, la seconda dai Sasanidi, originaria del sud-ovest. L'adozione di un alfabeto semitico, come quello aramaico, per lingue di origine indoeuropea, come le lingue iraniche, rese necessario alcune modifiche come, ad esempio, l'uso di segni precedentemente utilizzati per le consonanti per rendere suoni vocalici. L'insieme di queste scritture vengono indicate con il nome di pahlavi (anche pehlevi). La "scrittura avestica" fu predisposta per la trasmissione scritta del relativo testo religioso e origina dall'impero sasanide quando il mazdeismo divenne religione di stato. La scrittura pahlavi, nella sua versione "avestica", occorre quindi per rendere maggiormente comprensibile il testo religioso. Essa consta, come la pahlavica, di 51 segni e corre da destra verso sinistra. La distinzione delle lettere è ben marcata e, con il metodo della matres lectionis, vengono distinte le vocali brevi da quelle lunghe. L'origine dell'antica lingua qui riportata, l'avestico, è incerta. Il mazdeismo fu combattuto dall'islām e questo fu all'origine di emigrazioni forzate di zoroastriani verso l'India dove formarono la comunità dei "Parsi". I manoscritti in "avestico" oggi a nostra disposizione consistono quindi in due categorie: quelli di origine indiana (dei Parsi), i più antichi dei quali risalgono al XIII secolo (il più antico in assoluto, il K7a, data al 1288), e quelli di origine persiana che risalgono a non prima del XVII secolo.

Sefer Torah (ספר תורה,

Sefer Torah (ספר תורה, "rotolo della Torah"), in papiro e legno, risalente al XIX secolo, dal Marocco, conservata presso il Museu d'Història dels Jueus di Girona (Spagna).

L'immagine illustra l'ultima pagina del Sanhedrin, appartenente al corpus del Talmud Babilonese, del Codex Reuchlin, questo risalente al XIII secolo. Il Talmud è la raccolta e la rielaborazione di numerosi trattati della Mishnāh di Yĕhūdāh ha-Nāśī (III sec.). A questa Mishnāh, infatti, col tempo si aggiunsero i commentari legali non mishnici (Baraitot) che a loro volta vennero commentati con paralleli mishnici (Tosefta) seguendo lo stesso ordine della Mishnāh, a ciò si aggiunsero gli insegnamenti rabbinici posteriori sempre legati alla Mishnāh e ulteriori commentari a questi. Probabilmente ogni centro rabbinico possedeva la sua raccolta di tutto questo materiale esegetico, ma alla fine furono due i centri dove furono raccolte l'insieme delle opere: quello palestinese e quello babilonese. Il termine ebraico talmud significa

L'immagine illustra l'ultima pagina del Sanhedrin, appartenente al corpus del Talmud Babilonese, del Codex Reuchlin, questo risalente al XIII secolo. Il Talmud è la raccolta e la rielaborazione di numerosi trattati della Mishnāh di Yĕhūdāh ha-Nāśī (III sec.). A questa Mishnāh, infatti, col tempo si aggiunsero i commentari legali non mishnici (Baraitot) che a loro volta vennero commentati con paralleli mishnici (Tosefta) seguendo lo stesso ordine della Mishnāh, a ciò si aggiunsero gli insegnamenti rabbinici posteriori sempre legati alla Mishnāh e ulteriori commentari a questi. Probabilmente ogni centro rabbinico possedeva la sua raccolta di tutto questo materiale esegetico, ma alla fine furono due i centri dove furono raccolte l'insieme delle opere: quello palestinese e quello babilonese. Il termine ebraico talmud significa "studio", come d'altronde il termine aramaico gĕmārā, ma con il tempo questo secondo termine finì per indicare solo i commentari, mentre con il termine Talmud si indica l'insieme dei commentari (la Gĕmārā) e della Mishnāh.

Post di Accanto al paradiso

  Hai lasciato i tuoi sogni chiusi dentro di te per troppo, tanto tempo.E' ora di portarli fuori! Antonio Cuomo 

Post di Accanto al paradiso

  Mi piace il verbo "resistere". Resistere a ciò che ci imprigiona, ai pregiudizi, ai giudizi affrettati, alla voglia di giudicare, a tutta la cattiveria che è in ognuno di noi e che chiede solo di esprimersi, alla voglia di arrendersi, al vittimismo, al bisogno di parlare di sé a scapito degli altri, alle mode, alle ambizioni malsane, allo smarrimento diffuso. Resistere e sorridere.Emma Dancourt 

Paradisi fiscali, Ue cancella 8 paesi dalla lista nera: c'è anche Panama

Paradisi fiscali, Ue cancella 8 paesi dalla lista nera: c'è anche Panama

(Teleborsa) Un decimo del denaro mondiale è investito nelle piazze finanziarie offshore. Dati shock resi noti da un recente studio condotto dal National Bureau Of Economic Research del Massachusetts (Nber) nel quale sono stati stimati i capitali sottratti da ogni singolo paese perché parcheggiati in paradisi fiscali all’estero. Il risultato è, appunto, che la somma di beni e averi imboscati in conti offshore e all’estero ammonta a quasi il 10% del Pil [...]

PARADISO E' CASA MIA - Nereo Villa

PARADISO E' CASA MIA N. Villa - N. Nicosia ritroverai ora il cielo che tu vuoi vento ti porterà ripenserai ma ti prego non a me orizzonte non c'è me l'hai detto tu voli verso il mare e dentro te cuore grande batterà se guardi dentro te sentimento nascerà ora sei fra due pianure chiare ogni colore è un'armonia quel sentiero non finisce mai ogni parola è poesia e un'armonia viene fuori dal mare ogni grande onda ti porta via certo sempre giovane il tuo cuore [...]

Post di Accanto al paradiso

 Chi ti ama davvero non ha paura delle tue ali.E le finestre restano sempre aperte.Paola Felice 

Post di Accanto al paradiso

 Un libro non si conosce dalla copertina, ma dalle parole scritte. Così le persone.Roberto Rigoni ©‏  

Post di Accanto al paradiso

  Mille uomini che ti corrono dietro non ne valgono uno che ti cammina affianco.Web 

Post di Accanto al paradiso

Post di Accanto al paradiso

  Quello che possiedi, lo possono avere in molti. Ma quello che sei, nessuno può esserlo.Cit 

Post di Accanto al paradiso

  Le donne non sono poi così complesse, chiedono solo di essere apprezzate e desiderate, sempre, non soltanto nella prima fase del corteggiamento ma anche dopo che sono state conquistate . Ciò che tutte le donne vogliono dal proprio uomo sono le "Attenzioni". Mai darle per scontate, mai rilassarsi sul rapporto finendo col renderlo noioso, mai smettere di cercarle. L'uomo che si appiattisce perde interesse e inevitabilmente viene mollato o il proprio rapporto [...]

Post di Accanto al paradiso

Post di Accanto al paradiso

 Ci pensi? Milioni di persone, milioni di strade, milioni di sogni; e non tenerne conto. L'amore è una sola persona, quella giusta, incontrata ad un incrocio di destini. Nella realtà, dopo averla disegnata a lungo nei sogni.Gabriela Pannia