Scopri tutto su Partiti politici italiani

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Father
In rilievo

Father

La scheda: Partiti politici italiani

Un partito politico, così come definito dall'Articolo 49 della Costituzione della Repubblica Italiana, rappresenta un'associazione libera di cittadini i quali detengono il diritto di amministrare democraticamente la vita politica nazionale.
Sebbene la carta costituzionale sancisca la necessità della figura del partito, non ne delinea la personalità giuridica né tanto meno formalizza le sue modalità organizzative. Ciò è da sempre elemento di forte dibattito istituzionale ed ha rimarcato la necessità di un'attuazione legislativa al disposto costituzionale.



In Italia si può parlare di partiti politici moderni a partire dal 1892, quando viene fondato il Partito Socialista Italiano. Sino a quel momento i principali raggruppamenti politici del paese, la Destra storica e la Sinistra storica, non erano classificabili come partiti, ma semplici "cartelli" di notabili, ciascuno con un proprio feudo elettorale, che si riunivano in gruppi a seconda delle proprie idee. Questi due gruppi politici erano considerati i due poli dell'area liberale. Alla loro sinistra si schieravano i Repubblicani, che rappresentarono l'estrema sinistra parlamentare fino al 1892, e che si organizzarono in vero e proprio partito solo nel 1895.
Questi tre gruppi politici, i liberali, i repubblicani ed i socialisti, si sono sempre considerati gli eredi diretti delle correnti che avevano dato vita al Risorgimento. E in effetti ciascuna di esse si ricollega ad un preciso "Padre della Patria": i liberali a Cavour, i repubblicani a Mazzini ed i socialisti a Garibaldi.
Invece il Partito Socialista Italiano sin dagli inizi si prefigura come partito di massa, la forma partitica che sarà predominante per tutto il Novecento, e viene seguito pochi anni dopo dai movimenti politici cattolici, prima con la Democrazia Cristiana Italiana di Romolo Murri, poi con il Partito Popolare Italiano fondato da don Luigi Sturzo nel 1919. Non a caso entrambi i partiti otterranno notevoli successi elettorali sino all'avvento del fascismo, contribuendo in maniera determinante alla perdita di forza e autorevolezza della vecchia classe dirigente liberale, che non era stata capace di strutturarsi in una forma partitica in grado di affrontare le nuove sfide della società.
Già prima della Prima Guerra mondiale si era costituita l'Associazione Nazionalista Italiana, generalmente detta "Partito Nazionalista", di idee monarchiche e patriottiche. Nel 1919 si formò la Federazione dei Fasci italiani di combattimento ad opera di Benito Mussolini. Nel 1921 queste due formazioni politiche si fusero e diedero vita al Partito Nazionale Fascista.
Infine, nel 1921 da una scissione del Partito Socialista nacque il Partito Comunista d'Italia. Al momento della sua fondazione nel 1921 il PCd'I non era diverso dagli altri partiti comunisti europei, molto più piccoli rispetto ai "fratelli" socialisti o socialdemocratici e privi di un radicamento effettivo nelle masse e nella classe proletaria, in quanto prediligevano il ruolo di avanguardia rivoluzionaria tracciato da Lenin nelle sue opere politiche.
Questi tre partiti, il cattolico, il fascista ed il comunista, nati nel breve periodo che intercorre fra la fine della Prima Guerra Mondiale e l'avvento del Fascismo, possono essere considerati la seconda generazione dei partiti italiani, quella dei grandi partiti di massa, tipicamente contraddistinti dai colori: i "bianchi", i "neri" ed i "rossi".
Nel secondo dopoguerra i partiti di massa furono Democrazia Cristiana e Partito Comunista Italiano: questa fu una delle peculiarità del sistema politico italiano. Il ruolo fondamentale svolto dal movimento comunista nella Resistenza ha consentito però al PCI di prendere il posto del Partito Socialista come rappresentante della classe operaia e di diventare stabilmente, dopo il 1948, il secondo partito italiano nonché il primo della sinistra. Il PCI ha rappresentato, praticamente in maniera continua, l'opposizione ai governi centristi della DC e a quelli DC-PSI e alleati per più di quarant'anni.
Questa problematica situazione ha condizionato fortemente il sistema politico italiano, perché mentre negli altri Paesi europei la presenza di forti partiti socialisti, socialdemocratici o laburisti, ma sempre privi di legami con l'URSS, consentiva l'alternanza di governo, in Italia la pregiudiziale anticomunista e antisovietica rendeva di fatto impossibile tale alternanza. Questo spiega la permanenza ininterrotta al potere per oltre mezzo secolo della Democrazia Cristiana, il partito sorto dalle ceneri del PPI di don Sturzo, dal Governo Badoglio I al Governo Ciampi. Tuttavia la DC dal 1953 in poi mai ha avuto i voti sufficienti a governare da sola il Paese, a causa del sistema elettorale italiano completamente proporzionale. Questo spiega inoltre il notevole potere che sino al 1992 hanno avuto i piccoli partiti "laici" (Partito Liberale Italiano, erede del liberalismo pre-fascista, Partito Socialista Democratico Italiano, nato dal PSI nel 1947, Partito Repubblicano Italiano), necessari per la formazione di maggioranze parlamentari.
La necessità di accordi continui fra partiti ha portato alla cosiddetta partitocrazia, e cioè l'occupazione, da parte dei partiti, di tutti i gangli dell'amministrazione pubblica, con l'inevitabile corollario di corruzione, nepotismo, inefficienza. Questo, insieme alle crisi delle ideologie e alla fine della guerra fredda, ha portato ad una generale perdita di credibilità e autorevolezza dei partiti, iniziata durante gli anni ottanta con il calo graduale ma inesorabile dei consensi di PCI e DC, e culminati nel crollo successivo all'inchiesta di Mani Pulite del 1992. A questa domanda di rinnovamento proveniente dalla società italiana si deve aggiungere però il deteriorarsi del partito massa, ormai superato: non è un caso che dopo la disgregazione di PCI e DC e la scomparsa del PSI e dei partiti laici le nuove forze politiche emergenti siano movimenti "personali" come Forza Italia, creata nel 1993 dall'imprenditore Silvio Berlusconi, e partiti di protesta come la Lega Nord di Umberto Bossi.
Senza analizzare tutti i partiti sorti negli anni novanta (anche se è necessario evidenziare l'evoluzione del neofascista Movimento Sociale Italiano - Destra Nazionale in Alleanza Nazionale e la evoluzione del PCI nel Partito Democratico della Sinistra, socialisti democratici, con la conseguente scissione della ala euro-comunista, Partito della Rifondazione Comunista) bisogna comunque notare che, a più di dieci anni di distanza dall'apparente crollo della nomenclatura della Prima Repubblica, i partiti italiani con molta difficoltà sono giunti ad un sistema bipolare.
Molti ritengono che il gran numero di partiti della Prima Repubblica fosse dovuto al sistema completamente proporzionale, e per questo si è chiesto di sostituirlo con un maggioritario secco. Ciò è avvenuto solo in parte, in quanto è stato creato un sistema misto con una quota maggioritaria per il 75% dei seggi e il restante assegnato tramite proporzionale. Tuttavia in poco tempo è stato chiaro che in un sistema come quello italiano, caratterizzato da numerosi partiti a forte base regionale e privo di forze politiche paragonabili ai grandi partiti europei, il maggioritario invece che diminuire moltiplicava il numero di partiti: il maggioritario secco infatti spinge alla formazione di coalizioni, nelle quali i partiti piccoli hanno buon gioco nel chiedere un certo numero di seggi sicuri in cambio del proprio appoggio, quasi sempre determinante. Anche l'ultima riforma elettorale del 2006, che restaura un proporzionale, ma che all'atto pratico è un maggioritario a collegio unico, ma elimina le preferenze, conferisce un grande potere alla classe dirigente dei partiti e rende impossibile una penetrazione di essi da parte della società civile.
Nel 1993, il referendum sull'abolizione del finanziamento pubblico ai partiti ottiene la maggioranza dei voti. La legge nº156 del 26 luglio 2002 abbassa dal 4 all'1% il quorum per ottenere il rimborso elettorale e abolisce il tetto massimo di spesa per lo Stato.
Nel 2006, dopo l'ultima riforma, si presentarono due coalizioni per le elezioni politiche.
Casa delle Libertà, coalizione politica di centro-destra: raggruppa partiti e movimenti ispirati ad una politica di centrismo moderato, di destra conservatrice, nazionalista e federalista, con una propensione verso il liberismo.
L'Unione, coalizione politica di centro-sinistra: raggruppa partiti e movimenti ispirati al centrismo riformista, alla socialdemocrazia, alla liberaldemocrazia e alla cosiddetta sinistra radicale.
Dopo la caduta del Governo Prodi II, le alleanze sono notevolmente mutate. Alle elezioni politiche del 2008 si sono presentati:
il Partito Democratico, nato dall'unione della Margherita, centrista, con i Democratici di Sinistra e forze di centro-sinistra, ha deciso di sciogliere la coalizione de l'Unione, alleandosi solo con l'Italia dei Valori ed accogliendo nelle proprie liste 9 candidati radicali nonché 2 candidati del Movimento Repubblicani Europei, formazione nata da una scissione del Partito Repubblicano Italiano,
i partiti della sinistra radicale (PRC, PdCI, Verdi, SD) si sono raggruppati nella lista "La Sinistra - l'Arcobaleno",
il rinato Partito Socialista si è presentato autonomamente.
FI, AN ed alcuni partiti minori di centrodestra si sono presentati con la lista de Il Popolo della Libertà. Il PdL si è alleato con la Lega Nord e con l'Movimento per l'Autonomia,
l'UDC, rifiutatasi di entrare nel PdL, si presenta alle elezioni del 13 aprile 2008 in una lista comune con la Rosa per l'Italia: l'Unione di Centro,
La Destra ha abbandonato gli ex-alleati per formare una lista unitaria di destra nazionalista e sociale con la Fiamma Tricolore.
Con le elezioni politiche italiane del 2013 lo schema politico è tornato ad allargarsi. A questa consultazione elettorale, oltre a numerosi altri partiti e movimenti minori, si era presentate cinque principali liste:
Coalizione di centro-destra: Coalizione che comprende Il Popolo della Libertà, Lega Nord, Fratelli d'Italia, Lista Lavoro e Libertà - 3L, La Destra, Pensionati, Grande Sud, Moderati in Rivoluzione, Intesa Popolare, Movimento per le Autonomie, Cantiere Popolare, Liberi per una Italia Equa e Basta Tasse,
Con Monti per l'Italia: Coalizione di centro, composta da Scelta Civica, Unione di Centro, Futuro e Libertà per l'Italia e Movimento Associativo Italiani all'Estero,
Italia. Bene Comune: Coalizione di centrosinistra che raggruppa Partito Democratico, Sinistra Ecologia Libertà, Centro Democratico, Il Megafono - Lista Crocetta, Moderati, Partito Socialista Italiano, Südtiroler Volkspartei, Partito Autonomista Trentino Tirolese, Verdi del Sudtirolo e Autonomie Liberté Participation Écologie,
MoVimento 5 Stelle: partito che si pone come antisistema,
Rivoluzione Civile, lista elettorale che comprende Italia dei Valori, Rifondazione Comunista, Comunisti Italiani, Verdi, Azione Civile, La Rete 2018 e Movimento Arancione.
Il 16 novembre 2013 il Consiglio Nazionale del Popolo della Libertà e Silvio Berlusconi, approvano la sospensione delle attività del PdL e il rilancio di Forza Italia, al nuovo partito però non aderiscono le cosiddette Colombe del PdL, la corrente guidata da Angelino Alfano, che forma il Nuovo Centrodestra continuando a sostenere il Governo Letta.
Per l'evoluzione del sistema coalizionale, vedi Coalizioni politiche italiane.

Consip, Marroni accerchiato e annientato. Si dimettono Ferrara e Ferrigno, decade il cda. Invece l’indagato Lotti resta al suo posto... Ora però non cominciate a pensare a male. Che ci azzecca se è del Pd ed amico di Renzi...?!?

Consip, Marroni accerchiato e annientato. Si dimettono Ferrara e Ferrigno, decade il cda. Invece l’indagato Lotti resta al suo posto... Ora però non cominciate a pensare a male. Che ci azzecca se è del Pd ed amico di Renzi...?!?

  . . SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti . . Consip, Marroni accerchiato e annientato. Si dimettono Ferrara e Ferrigno, decade il cda. Invece l’indagato Lotti resta al suo posto... Ora però non cominciate a pensare a male. Che ci azzecca se è del Pd ed amico di Renzi...?!?   Consip, Marroni accerchiato e annientato. Si dimettono Ferrara e Ferrigno, decade il cda. L’indagato Lotti resta al suo posto Prima del dibattito in aula (imbarazzante [...]

Livia Turco: 'ius soli' come invasione? Che bugia, che follia

Livia Turco: 'ius soli' come invasione? Che bugia, che follia

Roma, (askanews) - Sul tema dello ius soli, si vuole spaventare la popolazione italiana in modo strumentale. Lo dice Livia Turco, presidente della Fondazione Nilde Iotti. "Una qualunque mamma che accompagna il suo bambino a scuola si accorge che suo figlio ha accanto tanti altri ragazzi che hanno colore della pelle diverso, i genitori vengono da culture diverse, marocchini, tunisini, senegalesi, cinesi, abbiamo cento etnie: ma che questi ragazzi parlano persino il [...]

Banca Etruria: le telefonate che inguaiano la Boschi

Banca Etruria: le telefonate che inguaiano la Boschi

Nonostante le ripetute smentite, il ministro Maria Elena Boschi si occupava attivamente del caso Banca Etruria, e da Arezzo arrivavano messaggi diretti al premier in carica, Matteo Renzi. Lo conferma un'intercettazione pubblicata domenica da Il Fatto Quotidiano, che ha rilanciato il contenuto di una telefonata tra il direttore generale di Veneto Banca Vincenzo Consoli e Pier Luigi Boschi, padre del ministro, al tempo vicepresidente della popolare dell'Etruria. Pier [...]

Aeroporti, Delrio: in Ue "settore" da 110 miliardi di euro

Aeroporti, Delrio: in Ue "settore" da 110 miliardi di euro

(Teleborsa) - "E' anche grazie allo scalo veneziano se il trasporto aereo in Italia può continuare a crescere come già sta succedendo". Lo ha dichiarato il ministro ai Trasporti e Infrastrutture, Graziano Delrio, intervenuto a Venezia per l'inaugurazione del nuovo terminal passeggeri dell'aeroporto Marco Polo di Tessera. "La prospettiva del settore aereo - ha detto il Ministro - è molto importante. Non dimentichiamoci che ogni milione di passeggeri che atterra [...]

L'ipocrisia della cosiddetta sinistra sinistra: in Aula sostiene il Governo sul provvedimento che contiene la reintroduzione dei vouchers e poi va in piazza a manifestare contro i vouchers.

L'ipocrisia della cosiddetta sinistra sinistra: in Aula sostiene il Governo sul provvedimento che contiene la reintroduzione dei vouchers e poi va in piazza a manifestare contro i vouchers.

La piazza della Cgil e della sinistra unita sui voucher, ma non è sufficiente per un'unità parlamentare. Manifestazione a Roma. Camusso: "Violata la Costituzione" É stata la manifestazione piú striminzita di tutta la storia della CGIL..la cgil difende una societa' passata che non esiste piu' vogliono la dignita' del lavoratore bene chiedano il salario minimo garantito in modo che non si debba lavorare per una miseria. Ricordatevi che:Molti dirigenti [...]

Ius soli, polemica tra Gentiloni e Grillo

Ius soli, polemica tra Gentiloni e Grillo

Gentiloni difenede la legge sullo Ius soli.

ღ     LADY IN RED     ღ

ღ LADY IN RED ღ

ღ      ღUn Ricordo Che Nn Si Dimentica Mai...©ღ  ღ

Il Vaticano studia scomunica per corruzione e per le associazioni mafiose – Insomm il Papa ce l’ha sempre con la Sinistra Italiana… una volta scomunicava i Comunisti, oggi corrotti e mafiosi!

  . . SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti . . Il Vaticano studia scomunica per corruzione e per le associazioni mafiose – Insomm il Papa ce l’ha sempre con la Sinistra Italiana… una volta scomunicava i Comunisti, oggi corrotti e mafiosi! Vaticano studia scomunica per corruzione E per le associazioni mafiose CITTA’ DEL VATICANO, 17 … Leggi tutto "Il Vaticano studia scomunica per corruzione e per le associazioni mafiose – Insomm il Papa ce [...]

Una notizia che Tg e Stampa si sono "dimenticati" di dare: i soldi del Pd Toscana alla "Eventi 6", società di comunicazione della famiglia Renzi...!

Una notizia che Tg e Stampa si sono "dimenticati" di dare: i soldi del Pd Toscana alla "Eventi 6", società di comunicazione della famiglia Renzi...!

  . . SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti . .   Una notizia che Tg e Stampa si sono "dimenticati" di dare: i soldi del Pd Toscana alla "Eventi 6", società di comunicazione della famiglia Renzi...!   I soldi del Pd Toscana alla Eventi 6, società di comunicazione della famiglia Renzi Finanziamento di diecimilia euro "propiziato" dal faccendiere Russo. M5S denuncia: "Gravissimo" Diecimila euro da un imprenditore romano al Pd nazionale prima e a [...]

Oggi le coalizioni si sinistra si costruiscono sulle cosa da fare.Non sulle poltrone da salvare.

Renzi avverte Pisapia: “Le alleanze a sinistra si costruiscono sulle cose da fare” Il segretario del Pd: “I politici non possono parlare del sesso degli  angeli. Discutiamo di come deve essere il paese fra 50 anni” Parole sacrosante.Basta unioni con chi poi vuol essere forza di governo ed opposizione insieme.Ho il ricordo indelebile di Mussi,Giordano,Rossi,Turigliatto,delle marce per la Pace e … Continua a leggere→

Smart working nella PA, Madia: "Più cultura del risultato"

Smart working nella PA, Madia: "Più cultura del risultato"

(Teleborsa)Ci siamo: il lavoro agile o "smart working" sta per fare il debutto nel pubblico impiego. L'Italia, come al solito, in ritardo cronico sulla questione prova a mettere la freccia  rivoluzionando il concetto di lavoro che, dunque, potrà essere svolto anche in un luogo diverso dall'ufficio. Il governo, intanto,è pronto a mettere sul piatto 5,5 milioni di risorse europee.  Tutto cambia, anche il lavoro che sta andando sempre di più verso una direzione [...]

La parola di Di Maio contro la parola di Calabresi. A chi credete? Calabresi: pollice in alto, Di Maio pollice in basso. Vediamo chi e' piu' credibile

L'incontro Casaleggio-Salvini. M5s smentisce, Repubblica conferm  Il direttore Calabresi: "I politici non devono nascondersi dietro false smentite". Inaccettabili le minacce di Di Maio: "Se è sicuro, ci quereli". Luigi Di Maio e lo stesso Davide Casaleggio avevano negato di essersi incontrati. ANCORA una volta il Movimento 5 Stelle dimostra di avere paura della verità e si nasconde dietro smentite false e minacciose. Luigi Di Maio e Davide Casaleggio hanno [...]

Ius soli, al via l'iter al Senato fra la bagarre della Lega

Ius soli, al via l'iter al Senato fra la bagarre della Lega

Roma, 15 giu. (askanews) - Giornata tumultuosa al Senato per la legge sul cosiddetto "ius soli", la cittadinanza per i giovani cresciuti in Italia figli di non italiani. L'inizio della discussione è stato segnato da una bagarre che ha coinvolto i senatori della Lega Nord. La questione spacca la politica anche perché il No allo Ius Soli è stato annunciato anche da un post sul blog di Beppe Grillo: il Movimento 5 Stelle si asterrà, il che dati i numeri al Senato [...]

PA, Madia: entro tre anni il 10% dei dipendenti sarà coinvolto nel "lavoro agile"

PA, Madia: entro tre anni il 10% dei dipendenti sarà coinvolto nel "lavoro agile"

(Teleborsa) - Entro tre anni almeno il 10% dei dipendenti della Pubblica Amministrazione potrebbero essere coinvolti nel cosiddetto "lavoro agile". Ad affermarlo la ministra della Pubblica Amministrazione, Marianna Madia, nel corso della presentazione, insieme alla sottosegretaria alla Presidenza del Consiglio, Maria Elena Boschi, della direttiva sullo smartworking nelle Amministrazioni Pubbliche. Madia ha precisato che si tratterà di una scelta "volontaria", "non [...]

Grillo riporta l'ordine nel Movimento

Grillo riporta l'ordine nel Movimento

Il leader dei 5Stelle traccia le linee guida in vista dei ballottaggi.

Il capitano dei carabinieri e l'intercettazione truccata per incastrare il padre di Renzi

Il capitano dei carabinieri e l'intercettazione truccata per incastrare il padre di Renzi

Il capitano dei carabinieri e l'intercettazione truccata per incastrare il padre di Renzi: "Lo dobbiamo arrestare" Il clima è pesantissimo perché la Procura di Giuseppe Pignatone, che si sta muovendo con molta accortezza, sta disvelando una trama che fa intravedere scenari inquietati Il capitano Scafarto, Matteo Renzi e il padre Tiziano di Guido Ruotolo Gli ufficiali del Noe dei carabinieri volevano arrestare Tiziano Renzi, il padre dell'allora premier [...]

La carica dei 55 grillini indigenti prima di essere miracolati da Grillo

La carica dei 55 grillini indigenti prima di essere miracolati da Grillo

Di Maio e Fico a reddito zero. Di Battista a tremila euro. La carica dei 55 grillini indigenti prima di essere miracolati da Grillo Ecco tutto l’elenco dei politici M5S. Poi c’è un caso del tutto incomprensibile: Vito Petrucelli (senatore) ha denunciato un reddito negativo: meno 296 euro. Difficile capire come diavolo abbia fatto 1 di 17 Previous Alessandro Di Battista, deputato del Movimento 5 Stelle. Nel 2012, prima di essere eletto al [...]

Chi e' che continua a dire che i 5s sono "di sinistra"?

Chi e' che continua a dire che i 5s sono "di sinistra"?

Beppe Grillo: "M5s non voterà legge su ius soli al Senato".Il leader del MoVimento annuncia l'astensione sulla legge per dare la cittadinanza alla seconda generazione di immigrati. Se qualcuno che si ritiene di sinistra continua a votare questa banda di webfasci o non è di sinistra o è completamente rimbambito e quindi si dovrebbe fare curare.Questo testimonia vie più la saldatura 5s-Lega in vista dei ballottaggi.Si chiama restituzione delle cortesie [...]

Rodi/ Sinistra Italiana – Gargano: “Rimettete la Targa in ricordo di Giuseppe Di Vittorio al suo posto.

Rodi/ Sinistra Italiana – Gargano: “Rimettete la Targa in ricordo di Giuseppe Di Vittorio al suo posto.

Rodi/ Sinistra Italiana – Gargano: “Rimettete la Targa in ricordo di Giuseppe Di Vittorio al suo posto. Lasciate in pace la sua memoria. Tutti devono conoscere Giuseppe Di Vittorio”. StampaEmail   Quando dite che la politica fa schifo, che i partiti sono tutti uguali e i politici e i sindacati pensano solo ai propri interesse, pensate a Giuseppe Di Vittorio e ritroverete l'entusiasmo di reagire.Era un contadino di Cerignola, che fin da quando è rimasto [...]

Riina, Bindi: rimane capo di Cosa Nostra, e' pericoloso

Riina, Bindi: rimane capo di Cosa Nostra, e' pericoloso

Milano (askanews) - Riina 'e' stato e rimane il capo di Cosa Nostra', 'perche' capo rimane per le regole mafiose non certo modificabili da quelle statali'. Lo ha detto la presidente della Commissione antimafia Rosy Bindi presentando alla Camera i risultati del sopralluogo a Parma sulle condizioni del boss mafioso, dopo l'apertura della Cassazione ad eventuali arresti domiciliari. 'Ha continuato a partecipare in videoconferenza alle numerose udienze dimostrando di [...]