Scopri tutto su Pietro Anastasi

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Father
In rilievo

Father

Pietro Anastasi

La scheda: Pietro Anastasi

! Altezza
Pietro Anastasi (Catania, 7 aprile 1948) è un ex calciatore italiano, di ruolo attaccante.
Dopo gli esordi nella Massiminiana e la ribalta nel Varese, legò la sua attività calcistica soprattutto alla Juventus, squadra nella quale militò per otto stagioni a cavallo degli anni 1960 e 1970 diventandone uno degli uomini-simbolo, nonché tra i più amati dai tifosi, fino a esserne nominato capitano dal 1974 al 1976, con i bianconeri vinse tre campionati di Serie A, nel 1971-1972, 1972-1973 e 1974-1975, disputando inoltre le finali di Coppa delle Fiere, nel 1971, Coppa dei Campioni e Coppa Intercontinentale, queste ultime entrambe nel 1973.
Considerato uno dei migliori attaccanti italiani della sua generazione, giocò con la squadra torinese un totale di 258 partite in Serie A realizzando 78 reti, laureandosi capocannoniere della Coppa delle Fiere 1970-1971 e della Coppa Italia 1974-1975, prima di una precoce parabola discendente che lo portò a chiudere la carriera con le maglie di Inter, Ascoli e Lugano. Ha disputato complessivamente 338 gare nella massima serie italiana segnando 105 gol, è stato inoltre il secondo marcatore della categoria, nel 1968-1969, e il terzo in altre due occasioni, nel 1969-1970 e 1973-1974.
Campione europeo con la nazionale italiana nel 1968, in azzurro ha giocato 25 partite siglando 8 reti.



Pietro Anastasi:
Anastasi alla Juventus nella stagione 1971-1972
Nazionalità:  Italia
172[1] cm
Peso: 66[1] kg
Calcio:
Ruolo: Attaccante
Ritirato: 1982
Carriera:
Giovanili:
1958-1961San Filippo Neri
1961-1964Trinacria
Squadre di club1:
1964-1966 Massiminiana38 (19)
1966-1968 Varese66 (17)
1968-1976 Juventus205 (78)
1976-1978 Inter46 (7)
1978-1981 Ascoli58 (9)
1981-1982 Lugano14 (10)
Nazionale:
1967 Italia U-216 (2)
1968 Italia B4 (2)
1968-1975 Italia25 (8)
Palmarès:
 Giochi del Mediterraneo
OroTunisi 1967
 Europei di calcio
OroItalia 1968
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato. Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Anastasi punta sulla Juve con l'Inter e bacchetta Pogba

Anastasi punta sulla Juve con l'Inter e bacchetta Pogba

Domenica sera, alle 20.45, lo Stadium di Torino sarà il teatro in cui si inscenerà il derby d'Italia: l'Inter è a 10 punti dalla Juventus capolista in solitaria. Sportal.it ne ha parlato con Pietro Anastasi, pezzo di storia del calcio italiano, che negli anni '70 e '80 ha giocato tra le fila di entrambi i club.   Domenica sera ci sarà la grande partita, Juventus e Inter ancora una volta a confronto. Quale sarà il fattore determinante?    "Lo Stadium [...]

Anastasi: "Chiellini, che perdita"

Anastasi: "Chiellini, che perdita"

Il conto alla rovescia è cominciato. Sabato 6 giugno, la Juventus di Massimiliano Allegri disputerà la sua ottava finale di Champions League (o Coppa dei Campioni) della propria storia contro gli 'alieni' del Barcellona.    Nonostante i bianconeri partano senza i favori del pronostico, l'umore dalle parti di Vinovo è sempre stato alto ed il clima rilassato. A rovinare il percorso di avvicinamento alla finale ha pensato però l'infortunio a Giorgio Chiellini [...]

EVENTI: Pietro Anastasi

Tra il 1967 e il 1968 Anastasi ebbe le prime esperienze in azzurro, vestendo le maglie di rappresentative nazionali quali l'Under-21 — con cui vinse la medaglia d'oro ai Giochi del Mediterraneo di Tunisi 1967 — e l'Italia B, e mettendo a referto, rispettivamente, 6 presenze e 2 reti con gli azzurrini, e 4 partite e 2 gol con i cadetti.

Nel 2014 l'UEFA, in occasione del proprio sessantenario, inserirà quella rete tra le 60 più belle nella storia del calcio europeo.

L'8 giugno 1968 arrivò l'esordio in nazionale A, allo stadio Olimpico di Roma, scendendo in campo da titolare, a vent'anni da poco compiuti, nella finale del campionato d'Europa 1968 contro la Jugoslavia finita in parità — «eravamo nello spogliatoio, mi chiama Valcareggi e mi fa: "Picciotto, tocca a te!" E non aggiunge altro» —, confermato in squadra nella ripetizione giocata due giorni dopo, stavolta segnò con una mezza rovesciata dal limite dell'area — «De Sisti mi passò il pallone che compì uno strano rimbalzo: tirai senza sapere dove l'avrei indirizzato e ne venne fuori un gran gol» — il definitivo 2-0 che valse agli azzurri il primo titolo continentale: «ci nominarono Cavalieri della Repubblica.

Balotelli stroncato anche da Anastasi: "Insignificante"

Balotelli stroncato anche da Anastasi: "Insignificante"

Mario Balotelli stroncato anche da Pietro Anastasi. L'ex bomber della Juventus fu decisivo con la maglia della Nazionale negli Europei del 1968, quando a soli vent'anni d'età decise la finale contro la Jugoslavia con un gol. "Contro l'Uruguay siamo stati sterili in avanti - ha dichiarato il siciliano a 'Tuttomercatoweb' -, Balotelli e Immobile sono stati insignificanti, entrambi da quattro. Poi su Balotelli ho già detto molto in passato, non mi piace, non fa [...]

CHI ERA PIU' FORTE BETTEGA O ANASTASI?

CHI ERA PIU' FORTE BETTEGA O ANASTASI?

“Bobby gol” o “Petru u tuccu”? “Cabeza bianca” o “Pelè bianco”. Più bello il gol di tacco al Milan o il gol in Nazionale contro la Jugoslavia nella finale europea del 1968? Il colpo di testa imperioso o le bordate da fuori area. Decidere chi sia stato più forte tra Roberto Bettega e Pietro Anastasi, due bandiere della Juventus degli anni 70, è davvero arduo. Ci sono da sempre i pro-Roberto e i pro-Pietro. Noi lo diciamo subito, non vogliamo [...]

Pietro Anastasi

Pietro Anastasi

Comincia a farsi notare nella Massiminiana, squadretta siciliana di quarta serie, ove fa veri e propri sfracelli. La sua fama varca in breve tempo i confini regionali, spingendo molte squadre a mandare osservatori per capire chi sia questo ragazzo di cui si dicono meraviglie. La spunta il Varese, che lo chiama in Lombardia a misurarsi con la serie B. L'impatto con il calcio professionistico non è dei più semplici, anche perchè si ritrova lontano da casa, ma dopo [...]

Pietro Anastasi

hi era Pietro Anastasi

Rispondi

Trasformare una cantina in un locale abitabile: è possibile?

Trasformare una cantina in un locale abitabile: è possibile?

Trasformare una cantina in un locale abitabile è possibile, ma solo a certe condizioni. Vediamo quali sono. Il mutamento della destinazione d’uso è rilevante quando determina una modalità di utilizzo dell’immobile diversa da quella originaria, così da comportare la sua assegnazione a una diversa categoria funzionale... PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO VAI SU LaLeggeperTutti.it  

Cazzeggiando - Le esternazioni del Grillo (Beppe) parlante.

Cazzeggiando - Le esternazioni del Grillo (Beppe) parlante.

"Si apre la stagione dei giovani, sarò il pappa di tutti"   "Papà, ho detto papà"   Sicuro???

Mara Venier e i baci col concorrente, Francesco Totti a dieta. Fedez, Jax e il mega concerto

Mara Venier e i baci col concorrente, Francesco Totti a dieta. Fedez, Jax e il mega concerto

I baci di Mara Venier col concorrente di “Tu si que vales”, la dieta di Francesco Totti, J-Ax e Fedez a San Siro e le altre notizie delle “Chicche di gossip” di “Chi”. Notti agitate per Carla Bruni Sarkozy. E non per l’eccitazi0ne per il nuovo album “French Touch” in uscita il 6 ottobre. Ma per l’irrequietezza del nuovo cagnolino, un cucciolo di due mesi. Il cavalier king Nastasya mette a soqquadro la sua casa parigina. Francesco Totti a [...]

Proposta choc, Asprilla si dà al porno?

Proposta choc, Asprilla si dà al porno?

E’ noto che l’ex bomber del Parma Faustino Asprilla abbia da sempre un debole per le donne, e una vita sessuale molto intensa, oltre a una fama di “superdotato” alimentata da chiacchiere degli spogliatoi e confermata dalle foto di nudo per la rivista “Soho”. L’ex attaccante colombiano, cinque stagioni in serie A, ora potrebbe sbarcare definitivamente nel mondo dei porno: una famosa pornostar, Amaranta Hank, colombiana, ex giornalista e scrittrice col [...]

M5S, c'è il candidato premier. Grillo: "Respinti gli hacker"

M5S, c'è il candidato premier. Grillo: "Respinti gli hacker"

default

I calciatori italiani col più basso reddito annuo

I calciatori italiani col più basso reddito annuo

Calcio e conto in banca vanno sempre a braccetto? Non sembra proprio così...Calcio e conto in banca vanno sempre a braccetto? Non sembra proprio così...

IMU sugli immobili strumentali, un balzello da quasi 10 miliardi di euro

IMU sugli immobili strumentali, un balzello da quasi 10 miliardi di euro

(Teleborsa) - Quanto è costata nel 2016 alle imprese e ai lavoratori autonomi l'IMU sugli "immobili strumentali", ossia i beni utilizzati dall’impresa per l’esercizio dell’attività imprenditoriale? Nove miliardi e 700 milioni, circa la metà del gettito complessivo di questa imposta, rileva il Centro studi della Confederazione Nazionale dell'Artigianato e della Piccola e Media Impresa (CNA). Secondo il CNA la deducibilità totale dell’IMU dal reddito [...]

FOTO: Pietro Anastasi

Anastasi in allenamento nel febbraio 1971

Anastasi in allenamento nel febbraio 1971

Anastasi batte il portiere slavo Marić con un'apprezzabile parabola di sinistro, nell'amichevole tra Italia e Jugoslavia del 20 settembre 1972.

Anastasi batte il portiere slavo Marić con un'apprezzabile parabola di sinistro, nell'amichevole tra Italia e Jugoslavia del 20 settembre 1972.

Un giovane Anastasi (in piedi, al centro) nella Massiminiana a metà degli anni 1960

Un giovane Anastasi (in piedi, al centro) nella Massiminiana a metà degli anni 1960

Anastasi al Varese nel 1967-1968, stagione della sua affermazione ad alti livelli.

Anastasi al Varese nel 1967-1968, stagione della sua affermazione ad alti livelli.

I bianconeri Salvadore, Leonardi, Haller e Anastasi escono dal campo al termine della vittoriosa trasferta del 28 dicembre 1969 contro la Roma.

I bianconeri Salvadore, Leonardi, Haller e Anastasi escono dal campo al termine della vittoriosa trasferta del 28 dicembre 1969 contro la Roma.

Al termine della sfida casalinga contro il Napoli del 7 marzo 1971, Anastasi discute con Bettega, con cui formò uno dei più affiatati tandem d'attacco della storia bianconera.

Al termine della sfida casalinga contro il Napoli del 7 marzo 1971, Anastasi discute con Bettega, con cui formò uno dei più affiatati tandem d'attacco della storia bianconera.

Anastasi alle prese con lo scozzese McGovern del Derby County l'11 aprile 1973, nel corso della semifinale di andata della Coppa dei Campioni.

Anastasi alle prese con lo scozzese McGovern del Derby County l'11 aprile 1973, nel corso della semifinale di andata della Coppa dei Campioni.

Mara Venier e i baci col concorrente, Francesco Totti a dieta. Fedez, Jax e il mega concerto

I baci di Mara Venier col concorrente di “Tu si que vales”, la dieta di Francesco Totti, J-Ax e Fedez a San Siro e le altre notizie delle “Chicche di gossip” di “Chi”. Notti agitate per Carla Bruni Sarkozy. E non per l’eccitazi0ne per il nuovo album “French Touch” in uscita il 6 ottobre. Ma […]

Mara Venier e i baci col concorrente, Francesco Totti a dieta. Fedez, Jax e il mega concerto

I baci di Mara Venier col concorrente di “Tu si que vales”, la dieta di Francesco Totti, J-Ax e Fedez a San Siro e le altre notizie delle “Chicche di gossip” di “Chi”. Notti... L'articolo Mara Venier e i baci col concorrente, Francesco Totti a dieta. Fedez, Jax e il mega concerto sembra essere il primo su Donna moderna.

Melissa Satta contro Maradona: «Ai suoi tempi si giocava a due all’ora»

«Ancora il parallelo tra Maradona e i calciatori di oggi?». Melissa Satta non ci sta. Ora i tempi sono cambiati, il modo di giocare a calcio è diverso. «Solo Diego vinceva le partite da solo? Va bene, ma Maradona giocava 50 anni fa. Ancora a parlare di lui?», continua la show girl sarda dal salotto di Tiki Taka. Un […]

Melissa Satta contro Maradona: «Ai suoi tempi si giocava a due all’ora»

«Ancora il parallelo tra Maradona e i calciatori di oggi?». Melissa Satta non ci sta. Ora i tempi sono cambiati, il modo di giocare a calcio è diverso. «Solo Diego vinceva le partite da solo? Va bene, ma... L'articolo Melissa Satta contro Maradona: «Ai suoi tempi si giocava a due all’ora» sembra essere il primo su Donna moderna.

Melissa Satta contro Maradona: «Ai suoi tempi si giocava a due all’ora»

«Ancora il parallelo tra Maradona e i calciatori di oggi?». Melissa Satta non ci sta. Ora i tempi sono cambiati, il modo di giocare a calcio è diverso. «Solo Diego vinceva le partite da solo? Va bene, ma Maradona giocava 50 anni fa. Ancora a parlare di lui?», continua la show girl sarda dal salotto […]

I dubbi di Spalletti

I dubbi di Spalletti

Focus sul centrocampo dell'Inter

Mertens come Maradona

Mertens come Maradona

Il gol alla Lazio merita un paragone importante

“Nun te preoccupà mo je faccio er cucchiaio”da Francesco Totti calciatore a Martino Dini fotografo

“Nun te preoccupà mo je faccio er cucchiaio”da Francesco Totti calciatore a Martino Dini fotografo

“Nun te preoccupà mo je faccio er cucchiaio”da Francesco Totti calciatore a Martino Dini fotografo Un giorno tutto il mondo parlò del cucchiaio di Francesco Totti………Il campione giallorosso s’inventa un gol pazzesco nella semifinale con gli orange dicendo a Di Biagio - “mo je faccio er cucchiaio” - seguito dalla camminata sfrontata verso l’area di rigore…..ma questa è un'altra storia. Invece Martino Dini, di professione fotografo, il cucchiaio [...]

Calcio, Juve-Fiorentina 1-0. Allegri: bene ma dobbiamo migliorare

Calcio, Juve-Fiorentina 1-0. Allegri: bene ma dobbiamo migliorare

Torino (askanews) - Vittoria di misura della Juventus che resta prima in campionato insieme al Napoli. Ai bianconeri basta una rete di Mandzukic ad inizio ripresa per avere meglio della Fiorentina e tenere il passo degli azzurri. Massimiliano Allegri guarda avanto: "Questa è una vittoria importante, innanzitutto perché non abbiamo subito gol. Abbiamo sofferto in alcuni momenti, senza mai rischiare, all'inizio e rischiando qualcosa nel finale, ma in generale devo [...]

Cuadrado: " Olympiacos e derby, darò il meglio di me"

Cuadrado: " Olympiacos e derby, darò il meglio di me"

Questi i buoni propositi di Juan Cuadrado per i prossimi due match bianconeri contro l'Olympiakos e nella partita stracittadina contro il Toro

Allegri: "Ciò che conta è vincere, ora puntiamo al derby"

Allegri: "Ciò che conta è vincere, ora puntiamo al derby"

Intervistato dopo la vittoria in casa della Juventus contro la Fiorentina per 1-0, il mister Allegri tira le somme del match

Montella: "Ci sono cose su cui lavorare, contro la Sampdoria sarà dura"

Montella: "Ci sono cose su cui lavorare, contro la Sampdoria sarà dura"

Il tecnicodel Milan: "Assegno due rigoristi per partita, il primo era Rodriguez"

Mertens come Maradona

Mertens come Maradona

Pallonetto da sogno del belga