Scopri tutto su Silvio Berlusconi

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Katy Perry
In rilievo

Katy Perry

Silvio Berlusconi

La scheda: Silvio Berlusconi

Membro della Commissione per gli affari esteri, i diritti dell'uomo, la sicurezza comune e la politica di difesa (dal 21 luglio 1999 al 10 giugno 2001)
Membro sostituto della Commissione per le libertà e i diritti dei cittadini, la giustizia e gli affari interni (dal 21 luglio 1999 al 10 giugno 2001)
Silvio Berlusconi (Milano, 29 settembre 1936) è un politico e imprenditore italiano, conosciuto anche come il Cavaliere, soprannome assegnatogli dal giornalista sportivo Gianni Brera in ragione dell'onorificenza a cavaliere del lavoro conferitagli nel 1977 dal presidente della Repubblica Giovanni Leone e cui ha rinunciato nel 2014. Ha iniziato la sua attività imprenditoriale nel campo dell'edilizia. Nel 1975 ha costituito la società finanziaria Fininvest e nel 1993 la società di produzione multimediale Mediaset, rimanendo figura simbolo dell'omonima famiglia Berlusconi.
Nell'ottobre dello stesso anno scende in politica lanciando il partito politico di centro-destra Forza Italia, strutturatosi nel gennaio successivo, confluito nel 2008 ne Il Popolo della Libertà e poi rifondato nel 2013, segnando la vita politica italiana dalla metà degli anni novanta in poi con un atteggiamento tipico che è stato definito berlusconismo, ampiamente sostenuto dai suoi seguaci politici e dai suoi elettori, entrando fortemente anche nella cultura di massa e nell'immaginario collettivo italiano ed estero, ma suscitando anche un duro antiberlusconismo da parte degli oppositori.
Eletto alla Camera dei deputati nel marzo 1994, è stato confermato nelle successive quattro legislature, mentre nella XVII, a seguito delle elezioni politiche del 24 e 25 febbraio 2013, è stato eletto per la prima volta senatore a Palazzo Madama. Ha ottenuto quattro incarichi da presidente del Consiglio: il primo nella XII legislatura (1994), due consecutivi nella XIV (2001-2005 e 2005-2006), ed infine nella XVI (2008-2011). Con 3340 giorni complessivi (corrispondenti ad oltre nove anni), è il politico che è rimasto in carica più a lungo nel ruolo di presidente del Consiglio dell'Italia repubblicana, superato in epoche precedenti solo da Benito Mussolini e Giovanni Giolitti, inoltre ha presieduto i due governi più duraturi dalla proclamazione della Repubblica. È stato l'unico leader politico mondiale ad aver presenziato a 3 vertici del G7/G8 come Presidente del Paese ospitante (20º G7 del 1994 a Napoli, il 27º G8 del 2001 a Genova e il 35º G8 del 2009 a L'Aquila).
Secondo la rivista americana Forbes, con un patrimonio personale stimato in 7,6 miliardi di dollari USA (circa 6,7 miliardi di euro) Berlusconi è nel 2015 il quinto uomo più ricco d'Italia e il 179º più ricco del mondo. Nel 2009, Forbes lo ha classificato 12º nella sua lista delle persone più potenti del mondo per via della sua dominazione della politica italiana.
È stato imputato in oltre venti procedimenti giudiziari. Il 1º agosto 2013 è stato condannato a quattro anni di reclusione (con tre anni condonati dall'indulto del 2006) per frode fiscale con sentenza passata in giudicato nel cosiddetto "processo Mediaset". Il 19 ottobre dello stesso anno gli è stata irrogata la pena accessoria dell'interdizione ai pubblici uffici per due anni a seguito dello stesso processo.
A causa della suddetta condanna il 27 novembre 2013 il Senato della Repubblica ha votato a favore della sua decadenza dalla carica di senatore. Berlusconi ha quindi cessato di essere un parlamentare dopo quasi vent'anni di presenza ininterrotta nelle due camere (dall'aprile 1994 al novembre 2013).



Silvio Berlusconi:
Presidente del Consiglio dei ministri della Repubblica Italiana:
Durata mandato: 10 maggio 1994 – 17 gennaio 1995
Capo di Stato: Oscar Luigi Scalfaro
Vice presidente: Roberto Maroni Giuseppe Tatarella
Predecessore: Carlo Azeglio Ciampi
Successore: Lamberto Dini
Durata mandato: 11 giugno 2001 – 17 maggio 2006
Capo di Stato: Carlo Azeglio Ciampi Giorgio Napolitano
Vice presidente: Gianfranco Fini Marco Follini Giulio Tremonti
Predecessore: Giuliano Amato
Successore: Romano Prodi
Durata mandato: 8 maggio 2008 – 16 novembre 2011
Capo di Stato: Giorgio Napolitano
Predecessore: Romano Prodi
Successore: Mario Monti
Ministro degli affari esteri (ad interim):
Durata mandato: 6 gennaio 2002 – 14 novembre 2002
Capo di Stato: Carlo Azeglio Ciampi
Predecessore: Renato Ruggiero
Successore: Franco Frattini
Ministro dell'economia e delle finanze (ad interim):
Durata mandato: 3 luglio 2004 – 16 luglio 2004
Capo di Stato: Carlo Azeglio Ciampi
Predecessore: Giulio Tremonti
Successore: Domenico Siniscalco
Durata mandato: 8 maggio 2006 – 17 maggio 2006
Capo di Stato: Carlo Azeglio Ciampi
Predecessore: Giulio Tremonti
Successore: Tommaso Padoa Schioppa
Ministro della salute (ad interim):
Durata mandato: 11 marzo 2006 – 17 maggio 2006
Capo di Stato: Carlo Azeglio Ciampi
Predecessore: Francesco Storace
Successore: Livia Turco
Ministro dello sviluppo economico (ad interim):
Durata mandato: 5 maggio 2010 – 4 ottobre 2010
Capo di Stato: Giorgio Napolitano
Predecessore: Claudio Scajola
Successore: Paolo Romani
Presidente del Consiglio europeo:
Durata mandato: 1º luglio 2003 – 31 dicembre 2003
Predecessore: Costas Simitis
Successore: Bertie Ahern
Deputato della Repubblica Italiana:
Legislature: XII XIII XIV XV XVI
Gruppo parlamentare: Forza Italia Il Popolo della Libertà
Circoscrizione: Lazio 1 (XII) Lombardia 1 (XIII, XIV) Campania 1 (XV) Molise (XVI)
Collegio: Milano 1 (XIII, XIV legislatura)
Senatore della Repubblica Italiana:
Legislature: XVII (2013[8])
Gruppo parlamentare: Forza Italia-Il Popolo della Libertà XVII Legislatura
Circoscrizione: Molise
Eurodeputato:
Legislature: V
Gruppo parlamentare: PPE
Incarichi parlamentari:
Membro della Commissione per gli affari esteri, i diritti dell'uomo, la sicurezza comune e la politica di difesa (dal 21 luglio 1999 al 10 giugno 2001) Membro sostituto della Commissione per le libertà e i diritti dei cittadini, la giustizia e gli affari interni (dal 21 luglio 1999 al 10 giugno 2001)
Dati generali:
Partito politico: Forza Italia (dal 2013) Precedenti: FI (1994-2009) PdL (2009-2013)
Tendenza politica: Conservatorismo liberale[1][2][3][4][5][6][7]
Titolo di studio: Laurea in Giurisprudenza, Ingegneria dell'organizzazione (ad honorem)
Università: Università degli Studi di Milano
Professione: Imprenditore
Firma:
Le primissime prese di posizione politiche di Berlusconi in pubblico risalgono al luglio 1977, allorché sostenne la necessità che il Partito Comunista Italiano (che l'anno precedente aveva superato il 34% dei voti) "rimanesse confinato all'opposizione dall'azione di una Democrazia Cristiana trasformata in modo da recuperare al governo il Partito Socialista Italiano", alla segreteria del quale era asceso nel luglio del 1976 Bettino Craxi. L'incontro tra i due era stato propiziato a metà anni settanta dall'uomo di fiducia di Craxi, l'architetto milanese Silvano Larini. Craxi e il PSI mostreranno per tutti gli anni successivi una significativa apertura verso le TV private, culminata con il varo del cosiddetto "decreto Berlusconi" del 16 ottobre 1984 e con la sua reiterazione attraverso il "Berlusconi bis" nel successivo 28 novembre.
Nel corso degli anni ottanta e fino al 1992, Berlusconi sosterrà sui suoi network con molteplici spot elettorali il PSI e l'amico Bettino. Nel 1984, Craxi è padrino di battesimo di Barbara Berlusconi. Nel 1990, alla celebrazione del matrimonio tra Veronica Lario e Silvio Berlusconi, Anna Maria Moncini (moglie del leader socialista) e Gianni Letta sono i testimoni di nozze per la sposa, mentre Craxi e Fedele Confalonieri lo sono per lo sposo. Come ulteriore testimonianza della vicinanza di Berlusconi a Craxi, va ricordata la realizzazione di uno spot televisivo di ben 12 minuti, girato dalla regista Sally Hunter e presentato nella primavera del 1992 per essere trasmesso sulle emittenti di Berlusconi nel corso della campagna elettorale, nel quale compare lo stesso Berlusconi vicino ad un pianoforte che, commentando l'esperienza dei governi presieduti da Bettino Craxi (1983-1987), dichiara: «Ma c'è un altro aspetto che mi sembra importante, ed è quello della grande credibilità politica di quel governo. La grande credibilità politica sul piano internazionale, che è - per chi da imprenditore opera sui mercati - qualcosa che è necessario per poter svolgere un'azione positiva in ambienti anche politici sempre molto difficili per noi italiani, e qualche volta addirittura ostili».
Infine, nell'ultimo periodo politico di Craxi (1993), in occasione dell'ennesima richiesta di autorizzazione a procedere avanzata dalla magistratura contro l'ex leader socialista e respinta dalla Camera, Berlusconi espresse pubblicamente la propria solidale soddisfazione.

Dopo aver presentato formalmente il passaggio di consegne con quest'ultimo atto politico, Berlusconi partecipa come deputato ad alcune iniziative parlamentari diradando però le sue uscite pubbliche.
Nel pomeriggio del 24 ottobre 2012 in un comunicato stampa ufficiale, Berlusconi annuncia di non volersi ricandidare alla Presidenza del Consiglio, dando il benestare alle primarie per la scelta del candidato premier del centro-destra per il 16 dicembre.
Tuttavia, nelle settimane successive si rincorrono con sempre maggiore insistenza voci che danno Berlusconi pronto a candidarsi nuovamente, suscitando reazioni contrapposte all'interno del mondo politico. Il 6 dicembre 2012 il segretario del PdL Angelino Alfano annuncia la candidatura di Berlusconi alle elezioni politiche del 2013, aggiungendo contestualmente che non si terranno più le primarie del partito. Due giorni dopo, è lo stesso Berlusconi a confermare la sua decisione di scendere nuovamente in campo. Alle successive elezioni la coalizione di centro-destra viene battuta da quella guidata da Pier Luigi Bersani con un scarto di soli 300 000 voti, mentre Berlusconi viene eletto per la prima volta come senatore. Dopo la sconfitta incassata, seppur minima come distacco nelle politiche, e il pesante tonfo uscito dalle urne nelle ultime amministrative, il 29 giugno 2013, Berlusconi annuncia l'intenzione di rifondare Forza Italia come movimento politico autonomo. Il 16 novembre il Consiglio Nazionale del partito ha poi sancito la rinascita di Forza Italia.
Il 1º agosto 2013 Berlusconi viene condannato in via definitiva al terzo grado di giudizio dalla Cassazione nel cosiddetto processo Mediaset, iniziato circa 8 anni prima, con l'accusa di frode fiscale, disponendo tuttavia il rinvio alla Corte d'appello di Milano per la rideterminazione della pena accessoria dell'interdizione dai pubblici uffici. Il 4 ottobre la Giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari del Senato ha votato a favore della decadenza di Berlusconi da senatore per effetto della legge n.235 del 31/12/2012, cosiddetta legge Severino. Il 19 ottobre la Corte d'Appello condanna Berlusconi a due anni di interdizione dai pubblici uffici, accogliendo le richieste dell'accusa e respingendo le tesi della difesa, che dispone il ricorso in Cassazione. Si legge nelle motivazioni della sentenza che l'evasione è aggravata dalla posizione pubblica che il leader del PdL occupa.
Il 27 novembre 2013 il Senato convalida la decadenza da senatore di Berlusconi, respingendo nove odg presentati da Forza Italia in contrapposizione alla delibera della Giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari del Senato, che si era espressa per la mancata convalida dell'elezione dell'ex premier a senatore nella circoscrizione Molise, per effetto del decreto legislativo n. 235 del 31 dicembre 2012 ("Legge Severino"). Al suo posto andrà il primo dei non eletti, Ulisse Di Giacomo, che ha aderito al Nuovo Centrodestra.
Dopo la decadenza da senatore, Berlusconi ha affermato di volersi candidare alle Europee, ma il 18 marzo 2014 la Cassazione ha confermato l'interdizione di 2 anni dai pubblici uffici e, di conseguenza, la sua incandidabilità.
Il 19 marzo 2014 si autosospende dalla carica di Cavaliere del Lavoro.
Il 15 aprile 2014 il Tribunale di sorveglianza di Milano, in esecuzione della condanna definitiva nel processo Mediaset, dispone per Berlusconi l'affidamento in prova al servizio sociale. L'esecuzione della pena ha termine il successivo 8 marzo 2015 e Berlusconi riacquista la piena libertà, pur permanendo la sua incandidabilità sino al 2019 per effetto della legge Severino.

Paura per Silvio Berlusconi: "Ha battuto la testa". Ricoverato in ospedale, tre punti di sutura

Paura per Silvio Berlusconi: "Ha battuto la testa". Ricoverato in ospedale, tre punti di sutura

Paura per Silvio Berlusconi a causa di un incidente accaduto la notte scorsa a Portofino. In via precauzionale ha deciso di rientrare a Milano subito e di farsi medicare alla clinica Madonnina, dove gli sono stati applicati tre punti di sutura. A quanto si apprende, le sue condizioni sono buone. «Niente di grave, è una sciocchezza» ha commentato il suo medico curante, professor Alberto Zangrillo. APPLICATI PUNTI AL LABBRO A MILANO Per precauzione Silvio [...]

Paura per Silvio Berlusconi: "Ha battuto la testa". Ricoverato in ospedale, tre punti di sutura

Paura per Silvio Berlusconi: "Ha battuto la testa". Ricoverato in ospedale, tre punti di sutura

Paura per Silvio Berlusconi a causa di un incidente accaduto la notte scorsa a Portofino. In via precauzionale ha deciso di rientrare a Milano subito e di farsi medicare alla clinica Madonnina, dove gli sono stati applicati tre punti di sutura. A quanto si apprende, le sue condizioni sono buone. «Niente di grave, è una sciocchezza» ha commentato il suo medico curante, professor Alberto Zangrillo. APPLICATI PUNTI AL LABBRO A MILANO Per precauzione Silvio [...]

Mondadori adotta sistema voto maggiorato. M. Berlusconi: "nessuna blindatura"

Mondadori adotta sistema voto maggiorato. M. Berlusconi: "nessuna blindatura"

(Teleborsa) - L’Assemblea degli Azionisti di Arnoldo Mondadori Editore, riunitasi oggi sotto la presidenza di Marina Berlusconi, ha approvato il bilancio 2016 che chiude con un risultato netto consolidato positivo per 22,5 milioni di euro.   I soci hanno inoltre deliberato in sede ordinaria la nomina ad amministratore di Paolo Ainio, già nominato per cooptazione dal Consiglio il 28 luglio 2016 ed il bilancio ordinario di esercizio di Banzai Media, [...]

Marina Berlusconi: Vivendi rispetti impegni e ci risarcisca

Marina Berlusconi: Vivendi rispetti impegni e ci risarcisca

Segrate (askanews) - 'I francesi possono dire quello che vogliono, quello che conta sono i fatti'. Lo ha dichiarato Marina Berlusconi, presidente di Fininvest, in merito alla diatriba con Vivendi dopo che i vertici del gruppo francese hanno detto di voler stabilire un rapporto 'costruttivo' con Mediaset, dopo lo stallo creatosi per la vicenda Premium. 'E i fatti sono - ha proseguito Marina Berlusconi, rispondendo a margine dell'assemblea degli azionisti di [...]

Berlusconi non paga gli alimenti a Veronica Lario, pignorati 26 milioni dal conto corrente

Berlusconi non paga gli alimenti a Veronica Lario, pignorati 26 milioni dal conto corrente

Veronica Lario non concede sconti e la battaglia sugli alimenti che le deve l'ex marito Silvio Berlusconi non sembra accennarsi a smorzare. L'ex presidente ha presentato anche due ricorsi in tribunale: uno perchè l'assegno mensile versato sia ridotto, e un secondo perchè una parte delle somme fin qui pagate all'ex consorte gli siano restituiti. In tutta risposta però Veronica, come riporta Il Fatto Quotidiano, ha proceduto legalmente ottenendo un pignoramento di [...]

Milan, completato il closing: finita l’era Berlusconi

Milan, completato il closing: finita l’era Berlusconi

Milan, completato il closing: finita l’era Berlusconi, il club è del cinese Yonghong Li. Nelle casse Fininvest 740 milioni SERIE A Dopo un anno di trattative e due rinvii, con l’arrivo dell’ultima tranche del pagamento e la firma del notaio (poco prima delle 14) sull'atto pubblico di vendita si è conclusa la cessione della società dalla Fininvest alla Rossoneri Sport Investment. Dopo 31 anni e una serie impressionante di vittorie e di campioni in [...]

Berlusconi non paga gli alimenti a Veronica Lario, pignorati 26 milioni dal conto corrente

Berlusconi non paga gli alimenti a Veronica Lario, pignorati 26 milioni dal conto corrente

Veronica Lario non concede sconti e la battaglia sugli alimenti che le deve l'ex marito Silvio Berlusconi non sembra accennarsi a smorzare. L'ex presidente ha presentato anche due ricorsi in tribunale: uno perchè l'assegno mensile versato sia ridotto, e un secondo perchè una parte delle somme fin qui pagate all'ex consorte gli siano restituiti. In tutta risposta però Veronica, come riporta Il Fatto Quotidiano, ha proceduto legalmente ottenendo un pignoramento [...]

Berlusconi non paga gli alimenti a Veronica Lario, pignorati 26 milioni dal conto corrente

Berlusconi non paga gli alimenti a Veronica Lario, pignorati 26 milioni dal conto corrente

Veronica Lario non concede sconti e la battaglia sugli alimenti che le deve l'ex marito Silvio Berlusconi non sembra accennarsi a smorzare. L'ex presidente ha presentato anche due ricorsi in tribunale: uno perchè l'assegno mensile versato sia ridotto, e un secondo perchè una parte delle somme fin qui pagate all'ex consorte gli siano restituiti. In tutta risposta però Veronica, come riporta Il Fatto Quotidiano, ha proceduto legalmente ottenendo un pignoramento di [...]

Berlusconi non paga gli alimenti a Veronica Lario, pignorati 26 milioni di euro dal suo conto corrente

Berlusconi non paga gli alimenti a Veronica Lario, pignorati 26 milioni di euro dal suo conto corrente

Silvio Berlusconi ha presentato 2 ricorsi al tribunale, perchè gli siano diminuiti gli alimenti da versare alla sua ex moglie Veronica Lario, e l'altro perchè gli vengano restituite le somme a lei pagate. La battaglia non accenna a smorsarsi, Veronica da parte sua a fatto ricorso, come riporta "Il fatto quotidiano", e ha ottenuto legalmente il pignoramento da parte del tribunale di 26 milioni di euro dal suo conto corrente.

Berlusconi: "Se vincono i populisti finisce la Ue"

Berlusconi: "Se vincono i populisti finisce la Ue"

di Patrizia Fontana

FOTO: Silvio Berlusconi

Palazzo Grazioli, residenza romana di Berlusconi

Palazzo Grazioli, residenza romana di Berlusconi

Ingresso di

Ingresso di "Villa San Martino" ad Arcore

Un giovane Berlusconi cantante su una nave da crociera

Un giovane Berlusconi cantante su una nave da crociera

Berlusconi riceve l'onorificenza di cavaliere del lavoro dal presidente della Repubblica Giovanni Leone

Berlusconi riceve l'onorificenza di cavaliere del lavoro dal presidente della Repubblica Giovanni Leone

Silvio Berlusconi e Mike Bongiorno in una foto dei primi anni ottanta. Il noto conduttore televisivo è stato dal 1979 al 2009 una presenza costante sulle televisioni commerciali dell'imprenditore.

Silvio Berlusconi e Mike Bongiorno in una foto dei primi anni ottanta. Il noto conduttore televisivo è stato dal 1979 al 2009 una presenza costante sulle televisioni commerciali dell'imprenditore.

Silvio Berlusconi negli anni '80

Silvio Berlusconi negli anni '80

Berlusconi, fra Paolo Maldini e Ruud Gullit, festeggia la vittoria dello scudetto 1987-88

Berlusconi, fra Paolo Maldini e Ruud Gullit, festeggia la vittoria dello scudetto 1987-88

Mediaset, Pier Silvio Berlusconi: "Danneggiati da Vivendi"

Mediaset, Pier Silvio Berlusconi: "Danneggiati da Vivendi"

Mediaset, Berlusconi Jr. giudica decisione AgCom "assolutamente positiva"

Mediaset, Berlusconi Jr. giudica decisione AgCom "assolutamente positiva"

(Teleborsa) - Nei primi tre mesi del 2017 i ricavi pubblicitari di Mediaset sono cresciuti del 2,4% rispetto al primo trimestre 2016. Lo ha dichiarato il direttore Generale Marketing e Operations di Publitalia Matteo Cardani, nel corso della conference call agli analisti successiva all'odierno Consiglio di Amministrazione di Mediaset che ha approvato il Bilancio 2016. Pier Silvio Berlusconi, vicepresidente e amministratore delegato del Biscione commentando il [...]

Cosa è stata "Non è la Rai" i volti lanciati da Gianni

Cosa è stata "Non è la Rai" i volti lanciati da Gianni

Boncompagni ha inventato e modellato un nuovo genere televisivo.

È morto Gianni Boncompagni, autore di "Non è la Rai" e non solo

È morto Gianni Boncompagni, autore di "Non è la Rai" e non solo

Gianni Boncompagni è morto oggi all’età di 84 anni. In cinquant’anni di carriera è stato autore e regista di programmi che hanno segnato un’epoca, come “Non è la Rai” e non solo. La sua scomparsa, oggi, porta un grande lutto nel mondo dello spettacolo, che deve molto al suo talento, all’innovazione e alla lungimiranza dimostrata nella sue scelte musicali e nei suoi programmi. La triste notizia è stata data dalle figlie Claudia, Paola e Barbara, con [...]

Massimo Ceccherini, battuta a lu. ci ro. sse su Berlusconi e gli agnellini: diretta tv sospesa

Battuta a lu. ci ro. sse sugli agnellini e Silvio Berlusconi, scoppia la polemica per le parole di Massimo Ceccherini. Dopo l’abbandono dell’Isola dei Famosi, Massimo Ceccherini fa di nuovo parlare di nuovo di se. Il motivo questa volta però è una battuta troppo picc. ante su Silvio Berlusconi e l’agnello in diretta tv durante... L'articolo Massimo Ceccherini, battuta a lu. ci ro. sse su Berlusconi e gli agnellini: diretta tv sospesa proviene da Notizie Vip.

Massimo Ceccherini, battuta a luci rosse su Berlusconi e gli agnellini: diretta tv sospesa

Massimo Ceccherini, battuta a luci rosse su Berlusconi e gli agnellini: diretta tv sospesa

Battuta a luci rosse sugli agnellini e Silvio Berlusconi, scoppia la polemica per le parole di Massimo Ceccherini. Dopo l'abbandono dell'Isola dei Famosi, Massimo Ceccherini fa di nuovo parlare di nuovo di se. Il motivo questa volta però è una battuta troppo piccante su Silvio Berlusconi e l'agnello in diretta tv durante il talk show Quinta Colonna. Cala il gelo in studio e Del Debbio è costretto a mandare la pubblicità.

Massimo Ceccherini, battuta a lu. ci ro. sse su Berlusconi e gli agnellini: diretta tv sospesa

Massimo Ceccherini, battuta a lu. ci ro. sse su Berlusconi e gli agnellini: diretta tv sospesa

Battuta a lu. ci ro. sse sugli agnellini e Silvio Berlusconi, scoppia la polemica per le parole di Massimo Ceccherini. Dopo l’abbandono dell’Isola dei Famosi, Massimo Ceccherini fa di nuovo parlare di nuovo di se. Il motivo questa volta però è una battuta troppo picc. ante su Silvio Berlusconi e l’agnello in diretta tv durante il talk show Quinta Colonna. Cala il gelo in studio e Del Debbio è costretto a mandare la pubblicità.

Massimo Ceccherini, battuta a lu. ci ro. sse su Berlusconi e gli agnellini: diretta tv sospesa

Massimo Ceccherini, battuta a lu. ci ro. sse su Berlusconi e gli agnellini: diretta tv sospesa

Battuta a lu. ci ro. sse sugli agnellini e Silvio Berlusconi, scoppia la polemica per le parole di Massimo Ceccherini. Dopo l’abbandono dell’Isola dei Famosi, Massimo Ceccherini fa di nuovo parlare di nuovo di se. Il motivo questa volta però è una battuta troppo picc. ante su Silvio Berlusconi e l’agnello in diretta tv durante il talk show Quinta Colonna. Cala il gelo in studio e Del Debbio è costretto a mandare la pubblicità.

Massimo Ceccherini, battuta a lu. ci ro. sse su Berlusconi e gli agnellini: diretta tv sospesa

Massimo Ceccherini, battuta a lu. ci ro. sse su Berlusconi e gli agnellini: diretta tv sospesa

Battuta a lu. ci ro. sse sugli agnellini e Silvio Berlusconi, scoppia la polemica per le parole di Massimo Ceccherini. Dopo l'abbandono dell'Isola dei Famosi, Massimo Ceccherini fa di nuovo parlare di nuovo di se. Il motivo questa volta però è una battuta troppo picc. ante su Silvio Berlusconi e l'agnello in diretta tv durante il talk show Quinta Colonna. Cala il gelo in studio e Del Debbio è costretto a mandare la pubblicità.

Massimo Ceccherini, battuta a luci rosse sugli agnelli di Berlusconi

Massimo Ceccherini, battuta a luci rosse sugli agnelli di Berlusconi

Massimo Ceccherini dopo che è stato cacciato dall'isola dei famosi 2017 fa ancora parlare di se, questa volta scoppia la polemica con la battuta a luci rosse sugli agnelli di Berlusconi, in diretta tv. E' accaduto durante il talk show Quinta Colonnaì, una battuta troppo piccante, che ha fatto zittire tutti in studio, Del Debbio è stato costretto a mandare la pubblicità.   VIDEO