Simeone II di Bulgaria

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Father
In rilievo

Father

Simeone II di Bulgaria

La scheda: Simeone II di Bulgaria

Simeone di Sassonia-Coburgo-Gotha (in bulgaro: Симеон Борисов Сакскобургготски?, traslitterazione Simeon Borisov Sakskoburggotski, Sofia, 16 giugno 1937) è un politico bulgaro. È stato re di Bulgaria dal 1943 al 1946 e 62º primo ministro della Bulgaria dal 21 luglio 2001 al 16 agosto 2005. Dalla morte del sovrano rumeno Michele I, avvenuta il 5 dicembre 2017, è l'unico capo di stato della seconda guerra mondiale ad essere ancora in vita.


Un giorno, anche la plebaglia si risveglierà. E saranno calci in culo.  E’ capitato persino a Mussolini.

Un giorno, anche la plebaglia si risveglierà. E saranno calci in culo. E’ capitato persino a Mussolini.

LA KASTA DEGLI ASINI. Ignoranti e bugiardi. Hanno detto che c'erano 70 miliardi pronti per il reddito di cittadinanza, ma era una balla, come tutto il resto. C’è qualcosa di patetico, e di umiliante, nelle ultime mosse del governo gialloverde. Hanno rimbambito mezza Italia con le loro fake news, le loro stupide grida “honestà”, hanno detto a tutti, sventolando fogli di carta, che nelle casse dello Stato c’erano 80 miliardi belli e pronti per dare corso [...]

L'Italia delle leggi razziali: «Oggi nessuno ricorda». Il video restaurato di Benito Mussolini che le annuncia

L'Italia delle leggi razziali: «Oggi nessuno ricorda». Il video restaurato di Benito Mussolini che le annuncia

L'Italia delle leggi razziali: «Oggi nessuno ricorda». Il video restaurato di Benito Mussolini che le annuncia https://www.corriere.it/video-articoli/2017/10/08/italia-leggi-razziali-oggi-nessuno-ricorda-video-restaurato-benito-mussolini-che-annuncia/56a61760-ac37-11e7-b229-0974b7f57cc3.shtml  di Gian Guido Vecchi, video dell'Istituto Luce     shadow 14 35922         Trieste, 18 settembre 1938, mattina. Il cacciatorpediniere «Camicia Nera» [...]

EVENTI: Simeone II di Bulgaria

Nel 1946 la monarchia fu abolita con un referendum nel quale il 90,72% dei votanti si espresse a favore della Repubblica.

Il 15 settembre 1946 si tenne un plebiscito col quale il popolo bulgaro accettava la presenza dell'esercito russo in paese per riportare l'ordine.

Nel 1946 la monarchia fu abolita con un referendum nel quale il 90,72% dei votanti si espresse a favore della Repubblica.

Il 15 settembre 1946 si tenne un plebiscito col quale il popolo bulgaro accettava la presenza dell'esercito russo in paese per riportare l'ordine.

Nel 1946 la monarchia fu abolita con un referendum nel quale il 90,72% dei votanti si espresse a favore della Repubblica.

Il 15 settembre 1946 si tenne un plebiscito col quale il popolo bulgaro accettava la presenza dell'esercito russo in paese per riportare l'ordine.

Nel 1946 la monarchia fu abolita con un referendum nel quale il 90,72% dei votanti si espresse a favore della Repubblica.

Il 15 settembre 1946 si tenne un plebiscito col quale il popolo bulgaro accettava la presenza dell'esercito russo in paese per riportare l'ordine.

Nel 1946 la monarchia fu abolita con un referendum nel quale il 90,72% dei votanti si espresse a favore della Repubblica.

Il 15 settembre 1946 si tenne un plebiscito col quale il popolo bulgaro accettava la presenza dell'esercito russo in paese per riportare l'ordine.

Nel 1946 la monarchia fu abolita con un referendum nel quale il 90,72% dei votanti si espresse a favore della Repubblica.

Il 15 settembre 1946 si tenne un plebiscito col quale il popolo bulgaro accettava la presenza dell'esercito russo in paese per riportare l'ordine.

Nel 1946 la monarchia fu abolita con un referendum nel quale il 90,72% dei votanti si espresse a favore della Repubblica.

Il 15 settembre 1946 si tenne un plebiscito col quale il popolo bulgaro accettava la presenza dell'esercito russo in paese per riportare l'ordine.

Nel 1946 la monarchia fu abolita con un referendum nel quale il 90,72% dei votanti si espresse a favore della Repubblica.

Il 15 settembre 1946 si tenne un plebiscito col quale il popolo bulgaro accettava la presenza dell'esercito russo in paese per riportare l'ordine.

Nel 1946 la monarchia fu abolita con un referendum nel quale il 90,72% dei votanti si espresse a favore della Repubblica.

Il 15 settembre 1946 si tenne un plebiscito col quale il popolo bulgaro accettava la presenza dell'esercito russo in paese per riportare l'ordine.

Nel 1946 la monarchia fu abolita con un referendum nel quale il 90,72% dei votanti si espresse a favore della Repubblica.

Il 15 settembre 1946 si tenne un plebiscito col quale il popolo bulgaro accettava la presenza dell'esercito russo in paese per riportare l'ordine.

Nel 1946 la monarchia fu abolita con un referendum nel quale il 90,72% dei votanti si espresse a favore della Repubblica.

Il 15 settembre 1946 si tenne un plebiscito col quale il popolo bulgaro accettava la presenza dell'esercito russo in paese per riportare l'ordine.

Nel 1946 la monarchia fu abolita con un referendum nel quale il 90,72% dei votanti si espresse a favore della Repubblica.

Il 15 settembre 1946 si tenne un plebiscito col quale il popolo bulgaro accettava la presenza dell'esercito russo in paese per riportare l'ordine.

Nel 1946 la monarchia fu abolita con un referendum nel quale il 90,72% dei votanti si espresse a favore della Repubblica.

Il 15 settembre 1946 si tenne un plebiscito col quale il popolo bulgaro accettava la presenza dell'esercito russo in paese per riportare l'ordine.

Nel 1946 la monarchia fu abolita con un referendum nel quale il 90,72% dei votanti si espresse a favore della Repubblica.

Il 15 settembre 1946 si tenne un plebiscito col quale il popolo bulgaro accettava la presenza dell'esercito russo in paese per riportare l'ordine.

Nel 1946 la monarchia fu abolita con un referendum nel quale il 90,72% dei votanti si espresse a favore della Repubblica.

Il 15 settembre 1946 si tenne un plebiscito col quale il popolo bulgaro accettava la presenza dell'esercito russo in paese per riportare l'ordine.

Nel 1946 la monarchia fu abolita con un referendum nel quale il 90,72% dei votanti si espresse a favore della Repubblica.

Il 15 settembre 1946 si tenne un plebiscito col quale il popolo bulgaro accettava la presenza dell'esercito russo in paese per riportare l'ordine.

Nel 1958 entrò nella Valley Forge Military Academy and College negli Stati Uniti ove divenne noto col nome di "Cadet Rylski No.

Nel 1958 entrò nella Valley Forge Military Academy and College negli Stati Uniti ove divenne noto col nome di "Cadet Rylski No.

Nel 1958 entrò nella Valley Forge Military Academy and College negli Stati Uniti ove divenne noto col nome di "Cadet Rylski No.

Nel 1958 entrò nella Valley Forge Military Academy and College negli Stati Uniti ove divenne noto col nome di "Cadet Rylski No.

Nel 1958 entrò nella Valley Forge Military Academy and College negli Stati Uniti ove divenne noto col nome di "Cadet Rylski No.

Nel 1958 entrò nella Valley Forge Military Academy and College negli Stati Uniti ove divenne noto col nome di "Cadet Rylski No.

Nel 1958 entrò nella Valley Forge Military Academy and College negli Stati Uniti ove divenne noto col nome di "Cadet Rylski No.

Nel 1958 entrò nella Valley Forge Military Academy and College negli Stati Uniti ove divenne noto col nome di "Cadet Rylski No.

Nel 1958 entrò nella Valley Forge Military Academy and College negli Stati Uniti ove divenne noto col nome di "Cadet Rylski No.

Nel 1958 entrò nella Valley Forge Military Academy and College negli Stati Uniti ove divenne noto col nome di "Cadet Rylski No.

Nel 1958 entrò nella Valley Forge Military Academy and College negli Stati Uniti ove divenne noto col nome di "Cadet Rylski No.

Nel 1958 entrò nella Valley Forge Military Academy and College negli Stati Uniti ove divenne noto col nome di "Cadet Rylski No.

Nel 1958 entrò nella Valley Forge Military Academy and College negli Stati Uniti ove divenne noto col nome di "Cadet Rylski No.

Nel 1958 entrò nella Valley Forge Military Academy and College negli Stati Uniti ove divenne noto col nome di "Cadet Rylski No.

Nel 1958 entrò nella Valley Forge Military Academy and College negli Stati Uniti ove divenne noto col nome di "Cadet Rylski No.

Nel 1958 entrò nella Valley Forge Military Academy and College negli Stati Uniti ove divenne noto col nome di "Cadet Rylski No.

Nel 2001 il partito da lui fondato Movimento Nazionale Simeone Secondo (NDSV) vinse le elezioni parlamentari sulla base di un programma nel quale nel giro di 800 giorni si promette di portare la Bulgaria a un livello di vita europeo occidentale.

Nel 2001 il partito da lui fondato Movimento Nazionale Simeone Secondo (NDSV) vinse le elezioni parlamentari sulla base di un programma nel quale nel giro di 800 giorni si promette di portare la Bulgaria a un livello di vita europeo occidentale.

Nel 2001 il partito da lui fondato Movimento Nazionale Simeone Secondo (NDSV) vinse le elezioni parlamentari sulla base di un programma nel quale nel giro di 800 giorni si promette di portare la Bulgaria a un livello di vita europeo occidentale.

Nel 2001 il partito da lui fondato Movimento Nazionale Simeone Secondo (NDSV) vinse le elezioni parlamentari sulla base di un programma nel quale nel giro di 800 giorni si promette di portare la Bulgaria a un livello di vita europeo occidentale.

Nel 2001 il partito da lui fondato Movimento Nazionale Simeone Secondo (NDSV) vinse le elezioni parlamentari sulla base di un programma nel quale nel giro di 800 giorni si promette di portare la Bulgaria a un livello di vita europeo occidentale.

Nel 2001 il partito da lui fondato Movimento Nazionale Simeone Secondo (NDSV) vinse le elezioni parlamentari sulla base di un programma nel quale nel giro di 800 giorni si promette di portare la Bulgaria a un livello di vita europeo occidentale.

Nel 2001 il partito da lui fondato Movimento Nazionale Simeone Secondo (NDSV) vinse le elezioni parlamentari sulla base di un programma nel quale nel giro di 800 giorni si promette di portare la Bulgaria a un livello di vita europeo occidentale.

Nel 2001 il partito da lui fondato Movimento Nazionale Simeone Secondo (NDSV) vinse le elezioni parlamentari sulla base di un programma nel quale nel giro di 800 giorni si promette di portare la Bulgaria a un livello di vita europeo occidentale.

Nel 2001 il partito da lui fondato Movimento Nazionale Simeone Secondo (NDSV) vinse le elezioni parlamentari sulla base di un programma nel quale nel giro di 800 giorni si promette di portare la Bulgaria a un livello di vita europeo occidentale.

Nel 2001 il partito da lui fondato Movimento Nazionale Simeone Secondo (NDSV) vinse le elezioni parlamentari sulla base di un programma nel quale nel giro di 800 giorni si promette di portare la Bulgaria a un livello di vita europeo occidentale.

Nel 2001 il partito da lui fondato Movimento Nazionale Simeone Secondo (NDSV) vinse le elezioni parlamentari sulla base di un programma nel quale nel giro di 800 giorni si promette di portare la Bulgaria a un livello di vita europeo occidentale.

Nel 2001 il partito da lui fondato Movimento Nazionale Simeone Secondo (NDSV) vinse le elezioni parlamentari sulla base di un programma nel quale nel giro di 800 giorni si promette di portare la Bulgaria a un livello di vita europeo occidentale.

Nel 2001 il partito da lui fondato Movimento Nazionale Simeone Secondo (NDSV) vinse le elezioni parlamentari sulla base di un programma nel quale nel giro di 800 giorni si promette di portare la Bulgaria a un livello di vita europeo occidentale.

Nel 2001 il partito da lui fondato Movimento Nazionale Simeone Secondo (NDSV) vinse le elezioni parlamentari sulla base di un programma nel quale nel giro di 800 giorni si promette di portare la Bulgaria a un livello di vita europeo occidentale.

Nel 2001 il partito da lui fondato Movimento Nazionale Simeone Secondo (NDSV) vinse le elezioni parlamentari sulla base di un programma nel quale nel giro di 800 giorni si promette di portare la Bulgaria a un livello di vita europeo occidentale.

Nel 2001 il partito da lui fondato Movimento Nazionale Simeone Secondo (NDSV) vinse le elezioni parlamentari sulla base di un programma nel quale nel giro di 800 giorni si promette di portare la Bulgaria a un livello di vita europeo occidentale.

Nel 2012 egli ha ceduto i propri diritti come capo della casa di Koháry a sua sorella Maria Luisa.

Nel 2012 egli ha ceduto i propri diritti come capo della casa di Koháry a sua sorella Maria Luisa.

Nel 2012 egli ha ceduto i propri diritti come capo della casa di Koháry a sua sorella Maria Luisa.

Nel 2012 egli ha ceduto i propri diritti come capo della casa di Koháry a sua sorella Maria Luisa.

Nel 2012 egli ha ceduto i propri diritti come capo della casa di Koháry a sua sorella Maria Luisa.

Nel 2012 egli ha ceduto i propri diritti come capo della casa di Koháry a sua sorella Maria Luisa.

Nel 2012 egli ha ceduto i propri diritti come capo della casa di Koháry a sua sorella Maria Luisa.

Nel 2012 egli ha ceduto i propri diritti come capo della casa di Koháry a sua sorella Maria Luisa.

Nel 2012 egli ha ceduto i propri diritti come capo della casa di Koháry a sua sorella Maria Luisa.

Nel 2012 egli ha ceduto i propri diritti come capo della casa di Koháry a sua sorella Maria Luisa.

Nel 2012 egli ha ceduto i propri diritti come capo della casa di Koháry a sua sorella Maria Luisa.

Nel 2012 egli ha ceduto i propri diritti come capo della casa di Koháry a sua sorella Maria Luisa.

Nel 2012 egli ha ceduto i propri diritti come capo della casa di Koháry a sua sorella Maria Luisa.

Nel 2012 egli ha ceduto i propri diritti come capo della casa di Koháry a sua sorella Maria Luisa.

Nel 2012 egli ha ceduto i propri diritti come capo della casa di Koháry a sua sorella Maria Luisa.

Nel 2012 egli ha ceduto i propri diritti come capo della casa di Koháry a sua sorella Maria Luisa.

Il 20 gennaio 1962 Simeone di Sassonia-Coburgo Gotha sposò a Losanna l'aristocratica spagnola Margarita Gomez Acebo (Madrid, 6 gennaio 1935), parente del marito di Pilar di Borbone-Spagna, sorella del re Juan Carlos I di Spagna, dalla quale ebbe cinque figli:.

Il 20 gennaio 1962 Simeone di Sassonia-Coburgo Gotha sposò a Losanna l'aristocratica spagnola Margarita Gomez Acebo (Madrid, 6 gennaio 1935), parente del marito di Pilar di Borbone-Spagna, sorella del re Juan Carlos I di Spagna, dalla quale ebbe cinque figli:.

Il 20 gennaio 1962 Simeone di Sassonia-Coburgo Gotha sposò a Losanna l'aristocratica spagnola Margarita Gomez Acebo (Madrid, 6 gennaio 1935), parente del marito di Pilar di Borbone-Spagna, sorella del re Juan Carlos I di Spagna, dalla quale ebbe cinque figli:.

Il 20 gennaio 1962 Simeone di Sassonia-Coburgo Gotha sposò a Losanna l'aristocratica spagnola Margarita Gomez Acebo (Madrid, 6 gennaio 1935), parente del marito di Pilar di Borbone-Spagna, sorella del re Juan Carlos I di Spagna, dalla quale ebbe cinque figli:.

Il 20 gennaio 1962 Simeone di Sassonia-Coburgo Gotha sposò a Losanna l'aristocratica spagnola Margarita Gomez Acebo (Madrid, 6 gennaio 1935), parente del marito di Pilar di Borbone-Spagna, sorella del re Juan Carlos I di Spagna, dalla quale ebbe cinque figli:.

Il 20 gennaio 1962 Simeone di Sassonia-Coburgo Gotha sposò a Losanna l'aristocratica spagnola Margarita Gomez Acebo (Madrid, 6 gennaio 1935), parente del marito di Pilar di Borbone-Spagna, sorella del re Juan Carlos I di Spagna, dalla quale ebbe cinque figli:.

Il 20 gennaio 1962 Simeone di Sassonia-Coburgo Gotha sposò a Losanna l'aristocratica spagnola Margarita Gomez Acebo (Madrid, 6 gennaio 1935), parente del marito di Pilar di Borbone-Spagna, sorella del re Juan Carlos I di Spagna, dalla quale ebbe cinque figli:.

Il 20 gennaio 1962 Simeone di Sassonia-Coburgo Gotha sposò a Losanna l'aristocratica spagnola Margarita Gomez Acebo (Madrid, 6 gennaio 1935), parente del marito di Pilar di Borbone-Spagna, sorella del re Juan Carlos I di Spagna, dalla quale ebbe cinque figli:.

Il 20 gennaio 1962 Simeone di Sassonia-Coburgo Gotha sposò a Losanna l'aristocratica spagnola Margarita Gomez Acebo (Madrid, 6 gennaio 1935), parente del marito di Pilar di Borbone-Spagna, sorella del re Juan Carlos I di Spagna, dalla quale ebbe cinque figli:.

Il 20 gennaio 1962 Simeone di Sassonia-Coburgo Gotha sposò a Losanna l'aristocratica spagnola Margarita Gomez Acebo (Madrid, 6 gennaio 1935), parente del marito di Pilar di Borbone-Spagna, sorella del re Juan Carlos I di Spagna, dalla quale ebbe cinque figli:.

Il 20 gennaio 1962 Simeone di Sassonia-Coburgo Gotha sposò a Losanna l'aristocratica spagnola Margarita Gomez Acebo (Madrid, 6 gennaio 1935), parente del marito di Pilar di Borbone-Spagna, sorella del re Juan Carlos I di Spagna, dalla quale ebbe cinque figli:.

Il 20 gennaio 1962 Simeone di Sassonia-Coburgo Gotha sposò a Losanna l'aristocratica spagnola Margarita Gomez Acebo (Madrid, 6 gennaio 1935), parente del marito di Pilar di Borbone-Spagna, sorella del re Juan Carlos I di Spagna, dalla quale ebbe cinque figli:.

Il 20 gennaio 1962 Simeone di Sassonia-Coburgo Gotha sposò a Losanna l'aristocratica spagnola Margarita Gomez Acebo (Madrid, 6 gennaio 1935), parente del marito di Pilar di Borbone-Spagna, sorella del re Juan Carlos I di Spagna, dalla quale ebbe cinque figli:.

Il 20 gennaio 1962 Simeone di Sassonia-Coburgo Gotha sposò a Losanna l'aristocratica spagnola Margarita Gomez Acebo (Madrid, 6 gennaio 1935), parente del marito di Pilar di Borbone-Spagna, sorella del re Juan Carlos I di Spagna, dalla quale ebbe cinque figli:.

Il 20 gennaio 1962 Simeone di Sassonia-Coburgo Gotha sposò a Losanna l'aristocratica spagnola Margarita Gomez Acebo (Madrid, 6 gennaio 1935), parente del marito di Pilar di Borbone-Spagna, sorella del re Juan Carlos I di Spagna, dalla quale ebbe cinque figli:.

Il 20 gennaio 1962 Simeone di Sassonia-Coburgo Gotha sposò a Losanna l'aristocratica spagnola Margarita Gomez Acebo (Madrid, 6 gennaio 1935), parente del marito di Pilar di Borbone-Spagna, sorella del re Juan Carlos I di Spagna, dalla quale ebbe cinque figli:.

Nel 1950 si trasferì in Spagna su invito del caudillo Francisco Franco che offrì ospitalità alla famiglia reale in esilio, e dove Simeone visse fino al 2000.

Nel 1950 si trasferì in Spagna su invito del caudillo Francisco Franco che offrì ospitalità alla famiglia reale in esilio, e dove Simeone visse fino al 2000.

Nel 1950 si trasferì in Spagna su invito del caudillo Francisco Franco che offrì ospitalità alla famiglia reale in esilio, e dove Simeone visse fino al 2000.

Nel 1950 si trasferì in Spagna su invito del caudillo Francisco Franco che offrì ospitalità alla famiglia reale in esilio, e dove Simeone visse fino al 2000.

Nel 1950 si trasferì in Spagna su invito del caudillo Francisco Franco che offrì ospitalità alla famiglia reale in esilio, e dove Simeone visse fino al 2000.

Nel 1950 si trasferì in Spagna su invito del caudillo Francisco Franco che offrì ospitalità alla famiglia reale in esilio, e dove Simeone visse fino al 2000.

Nel 1950 si trasferì in Spagna su invito del caudillo Francisco Franco che offrì ospitalità alla famiglia reale in esilio, e dove Simeone visse fino al 2000.

Nel 1950 si trasferì in Spagna su invito del caudillo Francisco Franco che offrì ospitalità alla famiglia reale in esilio, e dove Simeone visse fino al 2000.

Nel 1950 si trasferì in Spagna su invito del caudillo Francisco Franco che offrì ospitalità alla famiglia reale in esilio, e dove Simeone visse fino al 2000.

Nel 1950 si trasferì in Spagna su invito del caudillo Francisco Franco che offrì ospitalità alla famiglia reale in esilio, e dove Simeone visse fino al 2000.

Nel 1950 si trasferì in Spagna su invito del caudillo Francisco Franco che offrì ospitalità alla famiglia reale in esilio, e dove Simeone visse fino al 2000.

Nel 1950 si trasferì in Spagna su invito del caudillo Francisco Franco che offrì ospitalità alla famiglia reale in esilio, e dove Simeone visse fino al 2000.

Nel 1950 si trasferì in Spagna su invito del caudillo Francisco Franco che offrì ospitalità alla famiglia reale in esilio, e dove Simeone visse fino al 2000.

Nel 1950 si trasferì in Spagna su invito del caudillo Francisco Franco che offrì ospitalità alla famiglia reale in esilio, e dove Simeone visse fino al 2000.

Nel 1950 si trasferì in Spagna su invito del caudillo Francisco Franco che offrì ospitalità alla famiglia reale in esilio, e dove Simeone visse fino al 2000.

Nel 1950 si trasferì in Spagna su invito del caudillo Francisco Franco che offrì ospitalità alla famiglia reale in esilio, e dove Simeone visse fino al 2000.

Nel 2005 apporta alcuni cambiamenti nel gabinetto, includendo rappresentanti del partito Novoto Vreme.

Nel 2005 apporta alcuni cambiamenti nel gabinetto, includendo rappresentanti del partito Novoto Vreme.

Nel 2005 apporta alcuni cambiamenti nel gabinetto, includendo rappresentanti del partito Novoto Vreme.

Nel 2005 apporta alcuni cambiamenti nel gabinetto, includendo rappresentanti del partito Novoto Vreme.

Nel 2005 apporta alcuni cambiamenti nel gabinetto, includendo rappresentanti del partito Novoto Vreme.

Nel 2005 apporta alcuni cambiamenti nel gabinetto, includendo rappresentanti del partito Novoto Vreme.

Nel 2005 apporta alcuni cambiamenti nel gabinetto, includendo rappresentanti del partito Novoto Vreme.

Nel 2005 apporta alcuni cambiamenti nel gabinetto, includendo rappresentanti del partito Novoto Vreme.

Nel 2005 apporta alcuni cambiamenti nel gabinetto, includendo rappresentanti del partito Novoto Vreme.

Nel 2005 apporta alcuni cambiamenti nel gabinetto, includendo rappresentanti del partito Novoto Vreme.

Nel 2005 apporta alcuni cambiamenti nel gabinetto, includendo rappresentanti del partito Novoto Vreme.

Nel 2005 apporta alcuni cambiamenti nel gabinetto, includendo rappresentanti del partito Novoto Vreme.

Nel 2005 apporta alcuni cambiamenti nel gabinetto, includendo rappresentanti del partito Novoto Vreme.

Nel 2005 apporta alcuni cambiamenti nel gabinetto, includendo rappresentanti del partito Novoto Vreme.

Nel 2005 apporta alcuni cambiamenti nel gabinetto, includendo rappresentanti del partito Novoto Vreme.

Nel 2005 apporta alcuni cambiamenti nel gabinetto, includendo rappresentanti del partito Novoto Vreme.

Ecco Chiesa e Simeone

Ecco Chiesa e Simeone

Due ossessioni per ADL

'Non Hitler, ma Mussolini',  scontro Moscovici-Di Maio

'Non Hitler, ma Mussolini', scontro Moscovici-Di Maio

PARIGI –  L’Italia è “un problema” nella zona euro: lo ha detto il commissario europeo agli Affari Economici, Pierrre Moscovici, in conferenza stampa a Parigi. “C’è un problema che è l’Italia”, ha dichiarato il responsabile Ue, aggiungendo: “E’ proprio l’Italia il tema su cui mi voglio concentrare prima di tutto”.  Il commissario Ue agli affari economici  ha avvertito l’Italia che ridurre il debito pubblico è nel suo stesso [...]

Di Maio, non siamo dei Mussolini

Di Maio, non siamo dei Mussolini

(ANSA) – ROMA, 13 SET – “L’atteggiamento da parte di alcuni commissari europei è inaccettabile, veramente insopportabile. Dall’alto della loro Commissione europea si permettono di dire che in Italia coi sono tanti piccoli Mussolini, non si devono permettere!”. Lo ha detto Luigi Di Maio commentando le dichiarazioni di Moscovici.

Andrea Camilleri: Salvini ricordi Mussolini, acclamato e poi finito a testa in giù...!

Andrea Camilleri: Salvini ricordi Mussolini, acclamato e poi finito a testa in giù...!

    . SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti . .   Andrea Camilleri: Salvini ricordi Mussolini, acclamato e poi finito a testa in giù...! Lo scrittore a Radio Capital avvisa: “Rischiamo di tornare al fascismo”. E sui 5 Stelle: “Subalterni alla Lega” Il padre del commissario Montalbano, Andrea Camilleri, a 90 anni ha la memoria perfetta. E a Radio Capital, alla ripresa del programma “Circo Massimo” di Massimo Giannini, ricorda [...]

L’ultimo discorso di Salvador Allende

L’ultimo discorso di Salvador Allende

https://youtu.be/xZeEfXjTNu4 L’ultimo discorso di Salvador Allende 11 settembre 2018 Pubblichiamo il testo dell’ultimo discorso di Salvador Allende, presidente del Cile di ispirazione marxista, democraticamente eletto nel 1970 e rovesciato con colpo di Stato il giorno 11 settembre del 1973, data in cui morì, probabilmente suicida, mentre era asserragliato con i suoi uomini nel palazzo presidenziale, in un ultimo tentativo di resistenza ai golpisti. [...]

Salvador Allende, una vita per il suo popolo

Salvador Allende, una vita per il suo popolo

      . SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti . . Salvador Allende, una vita per il suo popolo   Strana terra, l’America Latina. Non trovo un altro termine per definirla. Come definireste voi una terra in cui movimenti di lavoratori di sinistra si uniscono a movimenti di ispirazione fascista per nazionalizzare miniere, intraprendere una campagna di alfabetizzazione e ridistribuire le terre ai contadini (vedi Bolivia)? Come [...]

Foto di Mussolini al bar, dissequestrata

Foto di Mussolini al bar, dissequestrata

(ANSA) – MODICA (RAGUSA), 8 SET – La foto di Benito Mussolini, che mette in mostra la celebre mascella sopra una citazione attribuita al duce, potrà tornare su una parete del bar Fucsia di Modica. Era stata rimossa un mese fa su segnalazione di una giovane che si era rivolta ai carabinieri ma ora il tribunale del Riesame di Ragusa l’ha dissequestrata. Due le motivazioni poste alla base della decisione. Da un lato l’esposizione della foto è una forma, [...]

Esce 11/9, Moore accosta Trump a Hitler

Esce 11/9, Moore accosta Trump a Hitler

(ANSA) – WASHINGTON, 7 SET – Donald Trump paragonato a Hitler ma anche Barack Obama non viene risparmiato dalle critiche, per avergli “spianato la strada”, nell’ultimo film-documentario di Michael Moore, Fahrenheit 11/9 (la data dell’elezione del tycoon) in uscita il 21 settembre. Quasi un ‘follow-up’ spirituale di “Fahrenheit 9/11”, la pellicola esplosiva girata nel 2004 contro George W. Bush, scrive il Wp in una intervista al regista dopo la [...]

FOTO: Simeone II di Bulgaria

Siméon_Saxecobourgotski

Siméon_Saxecobourgotski

Simon_II

Simon_II

Simeon_Saxcoburggotski

Simeon_Saxcoburggotski

Simeon_Saxecobourgotski

Simeon_Saxecobourgotski

Simeon_Saxe-Coburg_Gotha

Simeon_Saxe-Coburg_Gotha

Simeon_Borisov

Simeon_Borisov

Simeon_Sakskoburggotski

Simeon_Sakskoburggotski

Un caffè col pitone, a Phnom Penh c'è il Reptile Cafe

Un caffè col pitone, a Phnom Penh c'è il Reptile Cafe

Roma, (askanews) - Un drink in compagnia di un pitone albino, anche lui attratto dalla bevanda rinfrescante, o forse meglio con uno scorpione o una bella iguana seduta sul tavolo. C'è solo l'imbarazzo della scelta al Reptile Cafe di Phnom Penh, in Cambogia, aperto dal giovane Chea Raty con l'idea di rendere i rettili simpatici e familiari alle tante persone che ne sono terrorizzate. "La mia idea è stata aprire un piccolo locale e mettere insieme questi animali, [...]

Cambogia, il regista James Ricketson condannato a 6 anni

Cambogia, il regista James Ricketson condannato a 6 anni

Roma, (askanews) - Il regista australiano James Ricketson, accusato di spionaggio per aver fatto volare un drone su una manifestazione del principale partito d'opposizione in Cambogia, è stato condannato a sei anni di prigione. Il giudice ha dichiarato di averlo condannato "per spionaggio e raccolta d'informazioni suscettibili di danneggiare la sicurezza nazionale" e il regista, detenuto da giugno 2017, ha reagito con stupore: "E' incredibile - ha commentato - [...]

Romy Schneider era certa che la madre avesse fatto sesso con Hitler: rivelazione in un docufilm

Romy Schneider era certa che la madre avesse fatto sesso con Hitler: rivelazione in un docufilm

Un colloquio riportato dall'emittente «Arte» nel documentario «Una sera con Romy» fornisce una rivelazione incredibile su Romy Schneider. La grande attrice tedesca, morta nel 1982. sarebbe stata convinta che sua madre, la celebra Magda Schneider, fosse andata a letto con Hitler. Lo scrive oggi la Bild, citando un'intervista rilasciata dall'attrice ad Alice Schwarzer, per il magazine «Emma», pochi anni prima di morire. È la stessa Schwarzer ad affermare: [...]

Schneider,"Mia madre a letto con Hitler"

Schneider,"Mia madre a letto con Hitler"

(ANSA) – BERLINO, 26 AGO – Romy Schneider sarebbe stata convinta che sua madre, la celebra Magda Schneider, fosse andata a letto con Hitler. È quello che scrive la Bild, citando un’intervista rilasciata dall’attrice ad Alice Schwarzer, per il magazine “Emma”, pochi anni prima di morire. Del colloquio racconta l’emittente “Arte”, il prossimo 16 settembre, nel documentario “Una sera con Romy”. È la stessa Schwarzer ad affermare: “era [...]

Simeone re di Spagna

Simeone re di Spagna

Il trionfo del cholismo

Cambogia, vince partito al potere

Cambogia, vince partito al potere

(ANSA) – PHNOM PENH, 16 AGO – Il partito al potere in Cambogia ha fatto incetta di seggi in Parlamento, secondo i risultati ufficiali delle elezioni del 29 luglio scorso, diffusi ora. L’esito elettorale assicura al primo ministro Hun Sen un altro mandato, ma rinforza anche lo scetticismo di molti sulla legittimità della consultazione. Il Comitato elettorale ha confermato che il partito del Popolo si è assicurato tutti i 125 seggi dell’Assemblea [...]

India: deputato in Parlamento vestito come Adolf Hitler

India: deputato in Parlamento vestito come Adolf Hitler

Voleva inviare un messaggio al premier Modi

Immagine di Mussolini in un bar, rimossa

Immagine di Mussolini in un bar, rimossa

(ANSA) – MODICA (RAGUSA), 11 AGO – Una cliente entra in un bar della circonvallazione di Modica, in pieno centro commerciale, e si accorge di una foto di Mussolini accompagnata da una citazione del duce: “Non ho paura del nemico che mi attacca ma del falso amico che mi abbraccia”. La donna, una modicana emigrata, ha chiamato i carabinieri e chiesto la rimozione della foto. Il comandante della compagnia di Modica, Francesco Ferrante, conferma che i militari [...]

Piaggio: l'Ape sbarca in Cambogia

Piaggio: l'Ape sbarca in Cambogia

(ANSA) – MILANO, 7 AGO – Piaggio avvia la commercializzazione di Ape in Cambogia, “uno dei mercati più dinamici e con un alto potenziale di crescita dell’area Asean per il segmento dei veicoli commerciali leggeri” con oltre 10mila veicoli importati nei primi 6 mesi dell’anno. Il dato – sottolineano a Pontedera – si confronta con i 668 veicoli importati nel primo semestre del 2017. Piaggio ha introdotto nel mercato locale la nuova versione Ape City [...]

Cambogia: partito premier, abbiamo vinto

Cambogia: partito premier, abbiamo vinto

(ANSA) – BANGKOK, 29 LUG – Il Partito popolare cambogiano (Cpp) del premier Hun Sen ha rivendicato la vittoria alle elezioni legislative di oggi. Lo ha dichiarato il ministro dell’informazione Khieu Kanharith, senza specificare quanti dei 125 sono stati conquistati dal partito. I risultati preliminari dello spoglio, diffusi dalla tv statale, mostrano comunque il Cpp in testa con oltre il 70 per cento dei voti. (ANSA).