Stato di Israele

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Theresa May
In rilievo

Theresa May

Stato ebraico

La scheda: Stato ebraico

Coordinate: 31°N 35°E / 31°N 35°E31, 35
Israele, ufficialmente Stato d'Israele (in ebraico: מדינת ישראל, Medinat Yisra'el, in arabo: دولة اسرائيل, Dawlat Isrā'īl), è uno Stato del Vicino Oriente affacciato sul mar Mediterraneo e che confina a nord con il Libano, con la Siria a nord-est, Giordania a est, Egitto e golfo di Aqaba a sud e con i territori palestinesi, ossia Cisgiordania (comprendente le regioni storiche di Giudea e Samaria) a est, e Striscia di Gaza a sud-ovest.
Situato in Medio Oriente, occupa approssimativamente un'area che secondo i racconti biblici in epoca antica era compresa nel Regno di Giuda e Israele e nella regione della Cananea, soggetta nel tempo al dominio di numerosi popoli, tra cui egizi, assiri, babilonesi, romani, bizantini, arabi e ottomani, nonché teatro di numerose battaglie etnico-religiose. In età contemporanea è stata parte del mandato britannico della Palestina, periodo durante il quale fu soggetta a flussi immigratori di popolazioni ebraiche, incoraggiate dalla nascita del movimento sionista, che mirava alla costituzione di un moderno Stato ebraico. Dopo la seconda guerra mondiale e la Shoah, anche per cercare di porre rimedio agli scontri tra ebrei e arabi, il 29 novembre 1947 l'Assemblea generale delle Nazioni Unite nella risoluzione n. 181 approvava il piano di partizione della Palestina che prevedeva la costituzione di due Stati indipendenti, uno ebraico e l'altro arabo. Alla scadenza del mandato britannico il moderno Stato d'Israele fu quindi proclamato da David Ben Gurion il 14 maggio 1948.
Tale ripartizione fu però osteggiata da gruppi antisionisti e dalla totalità dei rappresentanti palestinesi, nonché dai Paesi arabi. Dopo alcuni scontri già all'indomani del voto della risoluzione, terminato il ritiro delle truppe britanniche, la Lega Araba avviò una guerra contro il neonato Stato ebraico, dando origine a una serie di conflitti arabo-israeliani, accordi di pace sui confini furono in seguito raggiunti solo con Egitto (1979) e Giordania (1994). Rispetto ai territori palestinesi non esistono tuttora confini precisi. Oltre a estendere il territorio dello Stato dopo la prima guerra arabo-israeliana del 1948 (denominata da parte israeliana guerra d'Indipendenza, mentre da parte araba Nakba, "catastrofe"), rispetto a quanto previsto dalla risoluzione ONU, Israele ha anche occupato i territori della Cisgiordania e della Striscia di Gaza dopo la guerra dei sei giorni del 1967 e nel corso degli anni vi ha costruito nuovi centri abitati.
Lo Stato palestinese, proclamato nel 1988 e ammesso come osservatore permanente dell'ONU nel 2012, ma non riconosciuto come tale da Israele e da altri Paesi, controlla la striscia di Gaza, dalla quale Israele sì è ritirata unilateralmente nel 2005 (facendone evacuare anche coattamente i ventuno insediamenti) e solo alcune zone della Cisgiordania, che rivendica interamente anche se rimane prevalentemente controllata da Israele, secondo le decisioni degli accordi di Oslo del 1993. La sovranità israeliana non è riconosciuta da molti Stati arabi, mentre rappresentanti palestinesi hanno riconosciuto Israele nel 1993, come parte degli stessi accordi di Oslo. Diversi tentativi di accordi di pace non hanno finora dato i frutti sperati e l'area continua quindi a essere geopoliticamente instabile.
All'aprile 2015 la popolazione israeliana era di 8.345.000 abitanti. È l'unico Stato al mondo a maggioranza ebraica (il 74,9% della popolazione) e con una consistente minoranza di arabi (circa il 20%, in prevalenza di religione musulmana, ma anche cristiana o drusa).
La legge fondamentale del 1980 (Israele, come il Regno Unito, non ha una Costituzione scritta) afferma che la capitale è Gerusalemme, rivendicata come tale anche dallo Stato di Palestina almeno nella sua parte orientale, ma non riconosciuta dalla maggior parte dei membri dell'ONU. Tuttavia quasi tutti gli Stati che hanno relazioni diplomatiche con Israele mantengono le proprie ambasciate a Tel Aviv, centro finanziario del Paese, o nelle vicinanze, ma mantengono comunque sedi consolari a Gerusalemme.
Israele è governato da un sistema parlamentare a rappresentanza proporzionale. È considerato un Paese sviluppato, è membro dell'OCSE e secondo il Fondo monetario internazionale nel 2013 era al 37º posto nella lista degli Stati per prodotto interno lordo. Ha inoltre il più alto indice di sviluppo umano in Medio Oriente ed è uno dei Paesi con la più alta aspettativa di vita nel mondo.


Gaza: un palestinese ucciso da Israele

Gaza: un palestinese ucciso da Israele

(ANSA) – TEL AVIV, 15 MAG – Un manifestante palestinese è stato ucciso da Israele ad est del campo profughi di Al-Bureij nella parte centrale di Gaza durate le proteste per il giorno della Nakba. Lo dice il ministero della sanità della Striscia citato dall’agenzia Maan. L’uomo – ha proseguito – è stato identificato in Nasser Aourab (51 anni).

Paolo a Cesarea marittima prima del viaggio a Roma

Paolo a Cesarea marittima prima del viaggio a Roma

Percorsi di Fede HOMEPAGE Paolo trasferito da Gerusalemme a Cesarea marittima con 470 militari romani Cesarea marittima Cesarea marittima immagini Il motivo del trasferimento di Paolo sotto scorta dei romani è legato al fatto che egli è "cittadino romano". Vi rimase due anni >Atti 26,27 Atti degli Apostoli 22,17-30[17]Dopo il mio ritorno a Gerusalemme, mentre pregavo nel tempio, fui rapito in estasi [18]e vidi Lui che mi diceva: Affrettati ed esci presto da [...]

Gaza: Kuwait, Onu condanni Israele

Gaza: Kuwait, Onu condanni Israele

(ANSA) – NAZIONI UNITE, 18 MAG – Il Kuwait ha chiesto al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite di condannare l’uso della forza da parte di Israele contro i civili palestinesi “nei termini più forti” possibili. Una bozza di risoluzione ottenuta dall’agenzia stampa Ap prevede anche che il Consiglio prenda misure “per garantire la sicurezza e la protezione della popolazione civile palestinese”, anche attraverso “una missione di protezione [...]

Erdogan contro Israele: 'L'Onu è finita, il mondo rischia caos'

Erdogan contro Israele: 'L'Onu è finita, il mondo rischia caos'

Di fronte a quello che è successo a Gaza, “le Nazioni Unite sono finite, sono crollate. In questo momento, non riesco neppure a parlare con il segretario generale dell’Onu, nonostante abbiamo una buona amicizia. Se continuerà a esserci silenzio sul bullismo di Israele, il mondo sarà trascinato nel caos”. Lo ha detto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, parlando ieri sera ad Ankara a un ‘iftar’, il pasto che dopo il tramonto rompe il digiuno [...]

Lieberman, Israele lasci l'Unhcr

Lieberman, Israele lasci l'Unhcr

(ANSAmed) – TEL AVIV, 17 MAG – Israele si deve immediatamente ritirare dal Consiglio dei diritti umani dell’Onu. Lo ha detto il ministro della difesa Avigdor Lieberman che ha attaccato la condanna dell’organizzazione sull’uccisione dei manifestanti a Gaza. “Attacchi terroristici condotti da Gaza e attacchi di ipocrisia dal Consiglio dei diritti umani. Tutte condanne – ha twittato il ministro – che vogliono impedire ad Israele di difendere se [...]

Gaza, raid Israele su 6 postazioni Hamas

Gaza, raid Israele su 6 postazioni Hamas

(ANSA) – ROMA, 17 MAG – Mezzi aerei e di terra dell’esercito israeliano hanno attaccato sei postazioni di Hamas in tutta la Striscia di Gaza con numerosi missili. Lo rendono noto i media palestinesi citati dal Jerusalem Post. Secondo il portavoce delle forze di difesa israeliane (Idf) “sono stati attaccati obiettivi terroristici appartenenti ad Hamas nel nord della Striscia di Gaza. Quattro obiettivi sono stati attaccati in un compound militare, compresi [...]

Uomini e Donne, Nilufar a Giordano: «Nonostante tutti i nonostante la mia scelta sei tu». Nicolò in lacrime

Uomini e Donne, Nilufar a Giordano: «Nonostante tutti i nonostante la mia scelta sei tu». Nicolò in lacrime

Petali di rose rosse nello studio di Uomini e Donne, Nilufar Addati ha fatto la sua scelta e decide di uscire dal programma di Maria De Filippi tra le braccia di Giordano, Nicolò in lacrime. In studio anche un'emozionatissima Giulia De Lellis. La splendida tronista in un lungo abito rosso chiede di vedere prima Nicolò : "Il nostro percorso è stato forse quello che mi ha toccata di più perché grazie a te e a quello che siamo stati insieme io con te ho vissuto [...]

“Uomini e Donne”, la tronista Nilufar sceglie Giordano

“Uomini e Donne”, la tronista Nilufar sceglie Giordano

"Spero di poter condividere con lui tutto quello che c'è di bello". La tronista Nilufar Addati sceglie Giordano Mazzocchi come compagno di vita. Così Nicolò scoppia in lacrime per il "rifiuto" e viene subito rincuorato dalla padrona di casa Maria De Filippi. In amore vince chi fugge. La ragazza, quando Giordano decide di abbandonare la villa dove sono ospiti, infatti lo insegue... La tronista dedica delle parole a Nicolò, ma non bastano: "Non è un caso che [...]

Nilufar - Giordano - Nicolò: il primo incontro

Nilufar - Giordano - Nicolò: il primo incontro

Nilufar incontra Nicolò

Nilufar - Giordano - Nicolò: l'ultimatum

Nilufar - Giordano - Nicolò: l'ultimatum

Giordano lascia la villa

FOTO: Stato ebraico

Israeliane

Israeliane

Stato_di_Israele

Stato_di_Israele

Israeliana

Israeliana

Stato_d'Israele

Stato_d'Israele

Stato_ebraico

Stato_ebraico

Theodor Herzl, fondatore del Sionismo, nel 1901

Theodor Herzl, fondatore del Sionismo, nel 1901

Theodor Herzl, fondatore del Sionismo, nel 1901

Theodor Herzl, fondatore del Sionismo, nel 1901

Nilufar - Giordano - Nicolò: la lettera

Nilufar - Giordano - Nicolò: la lettera

Nicolò riceve una missiva... indigesta!

Nilufar - Giordano - Nicolò: l'arrivo in villa

Nilufar - Giordano - Nicolò: l'arrivo in villa

Nilufar - Giordano - Nicolò: il primo incontro

Nilufar - Giordano - Nicolò: il primo incontro

Nilufar incontra Giordano

Gaza, ancora 2 morti. Turchia espelle l'ambasciatore d'Israele

Gaza, ancora 2 morti. Turchia espelle l'ambasciatore d'Israele

Il giorno dopo il massacro al confine fra Gaza e Israele – i morti sono saliti a 61 e oltre 2.400 feriti -, mentre gli scontri in Cisgiordania per il giorno della ‘Nakba’ provocano decine di feriti e i Territori palestinesi fanno lo sciopero generale,  la Turchia espelle l’ambasciatore israeliano e il Belgio convoca a Bruxelles l’ambasciatore d’Israele. Intanto il console turco a Gerusalemme viene convocato al ministero degli Esteri israeliano per [...]

L'architettura degli anni 30 di Tel Aviv

L'architettura degli anni 30 di Tel Aviv

Una mostra racconta il fascino dell'architettura di Tel Aviv.

Israele espelle il console turco

Israele espelle il console turco

(ANSA) – TEL AVIV, 15 MAG – Il console turco a Gerusalemme è stato convocato al ministero degli Esteri israeliano questo pomeriggio e gli è stato chiesto “di ritornare in patria per un lasso di tempo per consultazioni”. Lo ha annunciato il portavoce del ministero a Gerusalemme Emmanuel Nahshon. In precedenza l’ambasciatore israeliano ad Ankara ha avuto lo stesso trattamento a “causa dei morti” a Gaza.

Tel Aviv, Città bianca tra Est e Ovest

Tel Aviv, Città bianca tra Est e Ovest

(ANSA) – ROMA, 15 MAG – Il gusto e le atmosfere dell’Europa, con le influenze di Le Corbusier, dell’architettura espressionista di Erich Mendelsohn, della scuola tedesca del Bauhaus e della facoltà di architettura di Ghent e Bruxelles, del razionalismo italiano adattati al clima e alla cultura mediorientali: nella contaminazione tra Occidente e Oriente risiede il fascino di Tel Aviv, a cui il MAXXI di Roma dedica la mostra “Tel Aviv. The white city” [...]

Turchia espelle ambasciatore Israele

Turchia espelle ambasciatore Israele

(ANSAmed) – TEL AVIV, 15 MAG – L’ambasciatore israeliano ad Ankara Eitan Naeh è stato convocato al ministero degli Affari esteri turco ad Ankara e gli è stato chiesto di lasciare la Turchia “a causa dei morti” a Gaza. Lo riferisce Haaretz.

Ambasciata Usa: Israele trionfa, uccisi almeno 35 palestinesi

Ambasciata Usa: Israele trionfa, uccisi almeno 35 palestinesi

Gerusalemme, (askanews) - Scontri violentissimi alla frontiera fra Gaza e Israele, almeno 35 i palestinesi uccisi dall'esercito israeliano: una repressione nel sangue della rabbia per l'ambasciata degli Stati Uniti che inaugura la sua nuova sede, non più a Tel Aviv ma a Gerusalemme. La contestata decisione di Donald Trump è inaccettabile per gli abitanti di Gaza. Ma è inaccettabile anche per i palestinesi di Ramallah che proprio oggi commemorano la Naqba, la [...]

Gerusalemme, Ivanka alla cerimonia per la nuova ambasciata Usa

Gerusalemme, Ivanka alla cerimonia per la nuova ambasciata Usa

Gerusalemme, (askanews) - Le immagini gioiose della cerimonia di inaugurazione della nuova ambasciata Usa a Gerusalemme, spostata da Tel Aviv, mentre l'esercito israeliano ha represso nel sangue le manifestazioni di protesta nella Striscia di Gaza: i morti palestinesi sono oltre 35. Nelle immagini Ivanka Trump, figlia del presidente, assieme al marito consigliere della Casa Bianca, Jared Kushner, accolti dal premier israeliano Benjiamin Netanyahu.