Stato di Israele

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Cristina Parodi
In rilievo

Cristina Parodi

Stato ebraico

La scheda: Stato ebraico

Coordinate: 31°N 35°E / 31°N 35°E31, 35
Israele, ufficialmente Stato d'Israele (in ebraico: מדינת ישראל, Medinat Yisra'el, in arabo: دولة اسرائيل, Dawlat Isrā'īl), è uno Stato del Vicino Oriente affacciato sul mar Mediterraneo e che confina a nord con il Libano, con la Siria a nord-est, Giordania a est, Egitto e golfo di Aqaba a sud e con i territori palestinesi, ossia Cisgiordania (comprendente le regioni storiche di Giudea e Samaria) a est, e Striscia di Gaza a sud-ovest.
Situato in Medio Oriente, occupa approssimativamente un'area che secondo i racconti biblici in epoca antica era compresa nel Regno di Giuda e Israele e nella regione della Cananea, soggetta nel tempo al dominio di numerosi popoli, tra cui egizi, assiri, babilonesi, romani, bizantini, arabi e ottomani, nonché teatro di numerose battaglie etnico-religiose. In età contemporanea è stata parte del mandato britannico della Palestina, periodo durante il quale fu soggetta a flussi immigratori di popolazioni ebraiche, incoraggiate dalla nascita del movimento sionista, che mirava alla costituzione di un moderno Stato ebraico. Dopo la seconda guerra mondiale e la Shoah, anche per cercare di porre rimedio agli scontri tra ebrei e arabi, il 29 novembre 1947 l'Assemblea generale delle Nazioni Unite nella risoluzione n. 181 approvava il piano di partizione della Palestina che prevedeva la costituzione di due Stati indipendenti, uno ebraico e l'altro arabo. Alla scadenza del mandato britannico il moderno Stato d'Israele fu quindi proclamato da David Ben Gurion il 14 maggio 1948.
Tale ripartizione fu però osteggiata da gruppi antisionisti e dalla totalità dei rappresentanti palestinesi, nonché dai Paesi arabi. Dopo alcuni scontri già all'indomani del voto della risoluzione, terminato il ritiro delle truppe britanniche, la Lega Araba avviò una guerra contro il neonato Stato ebraico, dando origine a una serie di conflitti arabo-israeliani, accordi di pace sui confini furono in seguito raggiunti solo con Egitto (1979) e Giordania (1994). Rispetto ai territori palestinesi non esistono tuttora confini precisi. Oltre a estendere il territorio dello Stato dopo la prima guerra arabo-israeliana del 1948 (denominata da parte israeliana guerra d'Indipendenza, mentre da parte araba Nakba, "catastrofe"), rispetto a quanto previsto dalla risoluzione ONU, Israele ha anche occupato i territori della Cisgiordania e della Striscia di Gaza dopo la guerra dei sei giorni del 1967 e nel corso degli anni vi ha costruito nuovi centri abitati.
Lo Stato palestinese, proclamato nel 1988 e ammesso come osservatore permanente dell'ONU nel 2012, ma non riconosciuto come tale da Israele e da altri Paesi, controlla la striscia di Gaza, dalla quale Israele sì è ritirata unilateralmente nel 2005 (facendone evacuare anche coattamente i ventuno insediamenti) e solo alcune zone della Cisgiordania, che rivendica interamente anche se rimane prevalentemente controllata da Israele, secondo le decisioni degli accordi di Oslo del 1993. La sovranità israeliana non è riconosciuta da molti Stati arabi, mentre rappresentanti palestinesi hanno riconosciuto Israele nel 1993, come parte degli stessi accordi di Oslo. Diversi tentativi di accordi di pace non hanno finora dato i frutti sperati e l'area continua quindi a essere geopoliticamente instabile.
All'aprile 2015 la popolazione israeliana era di 8.345.000 abitanti. È l'unico Stato al mondo a maggioranza ebraica (il 74,9% della popolazione) e con una consistente minoranza di arabi (circa il 20%, in prevalenza di religione musulmana, ma anche cristiana o drusa).
La legge fondamentale del 1980 (Israele, come il Regno Unito, non ha una Costituzione scritta) afferma che la capitale è Gerusalemme, rivendicata come tale anche dallo Stato di Palestina almeno nella sua parte orientale, ma non riconosciuta dalla maggior parte dei membri dell'ONU. Tuttavia quasi tutti gli Stati che hanno relazioni diplomatiche con Israele mantengono le proprie ambasciate a Tel Aviv, centro finanziario del Paese, o nelle vicinanze, ma mantengono comunque sedi consolari a Gerusalemme.
Israele è governato da un sistema parlamentare a rappresentanza proporzionale. È considerato un Paese sviluppato, è membro dell'OCSE e secondo il Fondo monetario internazionale nel 2013 era al 37º posto nella lista degli Stati per prodotto interno lordo. Ha inoltre il più alto indice di sviluppo umano in Medio Oriente ed è uno dei Paesi con la più alta aspettativa di vita nel mondo.


Siria: missile Israele colpisce base

Siria: missile Israele colpisce base

(ANSA)- DAMASCO, 15 LUG – Un missile israeliano ha colpito una base militare siriana nei dintorni di Aleppo, nel nord del Paese. Lo riporta l’agenzia ufficiale siriana Sana.

A spasso per Jaffa

A spasso per Jaffa

Proseguendo sul lungomare, dopo Tel Aviv, si incontra il paradiso dei gatti.

Ritorna la calma al confine  fra Gaza ed Israele

Ritorna la calma al confine fra Gaza ed Israele

Sul confine fra Gaza ed Israele è tornata stamane una calma precaria, dopo i combattimenti di ieri che hanno visto i lanci dalla Striscia di 200 razzi e colpi di mortaio e gli attacchi dell’aviazione israeliana su decine di obiettivi di Hamas, che hanno provocato fra l’altro la morte di due adolescenti palestinesi. Nella nottata Hamas e la Jihad islamica hanno annunciato il cessate il fuoco. Successivamente si sono avuti ancora alcuni lanci sporadici di razzi [...]

Torna la calma al confine Gaza-Israele

Torna la calma al confine Gaza-Israele

(ANSA) – TEL AVIV, 15 LUG – Sul confine fra Gaza ed Israele è tornata stamane una calma precaria, dopo i combattimenti di ieri che hanno visto i lanci dalla Striscia di 200 razzi e colpi di mortaio e gli attacchi dell’aviazione israeliana su decine di obiettivi di Hamas, che hanno provocato fra l’altro la morte di due adolescenti palestinesi. Nella nottata Hamas e la Jihad islamica hanno annunciato il cessate il fuoco. Successivamente si sono avuti ancora [...]

Raid Israele su Gaza dopo lancio razzi, morti due ragazzi

Raid Israele su Gaza dopo lancio razzi, morti due ragazzi

Hamas ed Israele sono tornati oggi in rotta di collisione al termine di una giornata in cui l’aviazione israeliana ha colpito a ripetizione “obiettivi terroristici” a Gaza, provocando la morte di due ragazzi, e dalla Striscia sono stati lanciati oltre cento razzi verso località israeliane, che hanno costretto decine di migliaia di persone a trascorrere la giornata nelle immediate vicinanze di rifugi. Poi, in tarda serata, Hamas e la Jihad Islamica, citate [...]

Gaza: Hamas annuncia tregua con Israele

Gaza: Hamas annuncia tregua con Israele

(ANSA) – TEL AVIV, 14 LUG – Hamas e anche la Jihad Islamica hanno annunciato in tarda serata di aver raggiunto un accordo per una tregua con Israele su Gaza dopo alcuni colloqui con l’Egitto e altre entità corpi internazionali e dopo una giornata di altissima tensione con lancio di missili e raid aerei di risposta. Lo scrivono media israeliani. “La mediazione regionale e internazionale ha portato alla fine dell’escalation presente fra la resistenza e le [...]

Gaza: 2 ragazzi morti in raid Israele

Gaza: 2 ragazzi morti in raid Israele

(ANSAmed) – GAZA/TEL AVIV, 14 LUG – Due adolescenti – Amir Nimra (16) e Luai Kheil (16) – sono rimasti uccisi oggi nel centro di Gaza City in un bombardamento israeliano che ha provocato anche il ferimento di altre 12 persone. Lo ha riferito il ministero della Sanità locale, citato dai media. Subito dopo razzi sono stati indirizzati da Gaza verso le città israeliane di Ashqelon e a Sderot. A Sderot è stato centrato un edificio, e tre persone sono [...]

Razzi da Gaza. Israele, 'state in casa'

Razzi da Gaza. Israele, 'state in casa'

(ANSA) – TEL AVIV, 14 LUG – Lanci di razzi da Gaza sono segnalati in diverse località israeliane lungo la frontiera. Lo riferisce la radio militare israeliana secondo cui gli abitanti hanno avuto ordine di chiudersi in casa. Non si segnalano vittime. Uno dei razzi è stato intercettato dal sistema di difesa Iron Dome. In precedenza l’aviazione israeliana ha colpito obiettivi di Hamas nel nord della Striscia. da Gaza fonti locali riferiscono di una [...]

Notte di fuoco sul confine fra Gaza ed Israele

Notte di fuoco sul confine fra Gaza ed Israele

FOTO: Stato ebraico

Israeliane

Israeliane

Stato_di_Israele

Stato_di_Israele

Israeliana

Israeliana

Stato_d'Israele

Stato_d'Israele

Stato_ebraico

Stato_ebraico

Theodor Herzl, fondatore del Sionismo, nel 1901

Theodor Herzl, fondatore del Sionismo, nel 1901

Theodor Herzl, fondatore del Sionismo, nel 1901

Theodor Herzl, fondatore del Sionismo, nel 1901

Notte di fuoco sul confine fra Gaza ed Israele

Notte di fuoco sul confine fra Gaza ed Israele

Lanci di razzi sul Neghev, Israele replica colpendo tunnel Hamas

Razzi sul Neghev, raid nella Striscia

Razzi sul Neghev, raid nella Striscia

(ANSAmed) – TEL AVIV, 14 LUG – Notte di fuoco sul confine fra Gaza ed Israele. Nelle ultime ore 17 razzi sono stati lanciati dalla Striscia verso le località israeliane vicine, ma cinque sono stati intercettati dai sistemi di difesa Iron Dome. Lungo il confine risuonano ancora sirene di allarme e la popolazione è nei rifugi. Lo riferisce il portavoce militare. In precedenza, ha aggiunto, l’aviazione israeliana ha colpito un ”tunnel offensivo” a sud di [...]

Israele convoca l'ambasciatore Ue

Israele convoca l'ambasciatore Ue

(ANSAmed) – TEL AVIV, 13 LUG – Il primo ministro israeliano Benyamin Netanyahu ha dato ordine la scorsa notte al ministero degli esteri di convocare l’ambasciatore dell’Unione Europea Emanuel Giaufret per ”una seconda conversazione di rimprovero” ed ha avvertito che questo passo potrebbe essere solo il primo di una serie. Secondo la stampa questa decisione e’ giunta dopo incontri che Giaufret avrebbe avuto con diversi deputati per convincerli a [...]

Israele, colpito esercito siriano

Israele, colpito esercito siriano

(ANSAmed) – TEL AVIV, 12 LUG – A seguito della infiltrazione ieri in Israele di un drone militare siriano, l’aviazione israeliana ha colpito la scorsa notte tre postazioni dell’ esercito siriano. Lo ha reso noto un portavoce militare israeliano. ”Continueremo ad agire con determinazione contro ogni tentativo di attentare alla nostra sovranità o alla incolumità dei nostri cittadini” ha aggiunto il portavoce. Secondo la radio militare gli obiettivi [...]

Gaza: drone Israele spara su palestinesi

Gaza: drone Israele spara su palestinesi

(ANSAmed) – GAZA, 11 LUG – Un drone israeliano ha sparato oggi un razzo in direzione di una ‘cellula’ di lanciatori di aquiloni incendiari che operava al valico di Sufa (presso Rafah, nel Sud della Striscia). La notizia, riferita dall’agenzia di stampa palestinese Maan, non ha ancora conferma in Israele. Non si ha notizia di alcuna vittima. Gli aquiloni ed i palloni incendiari lanciati da Gaza hanno provocato ieri una trentina di incendi nelle aree [...]

Israele: interrogatorio per Netanyahu

Israele: interrogatorio per Netanyahu

(ANSAmed) – TEL AVIV, 10 LUG – Si è concluso l’interrogatorio del premier Benyamin Netanyahu da parte dell’unità anticorruzione della polizia nell’ambito dell’indagine ‘Bezeq’ (Caso 4000). Lo ha fatto sapere la polizia senza aggiungere altri particolari. L’interrogatorio, svoltosi nella residenza ufficiale del primo ministro a Gerusalemme, secondo i media è durato cinque ore.

Israele, un'impresa privata lancia una missione spaziale

Israele, un'impresa privata lancia una missione spaziale

Tel Aviv (askanews) - Israele alla conquista dello spazio. L'azienda privata SpaceIL ha annunciato il progetto di lancio di un veicolo spaziale isaraeliano verso la Luna. Secondo il programma, la navicella, che pesa 585 chili e non prevede ospiti a bordo, dovrebbe raggiungere il suolo del satellite della Terra il 13 febbraio del 2019. Sarà lanciato in orbita attraverso un razzo della società SpaceX. Il mezzo spaziale avrà la missione di studiare le onde [...]

Hamas, chiusura valico è crimine Israele

Hamas, chiusura valico è crimine Israele

(ANSAmed) – TEL AVIV, 9 LUG – “Un crimine contro l’umanità”: così Hamas da Gaza ha definito la decisione di Israele di chiudere il valico merci di Kerem Shalom a causa del lancio di aquiloni e palloni incendiari dalla Striscia. La mossa – ha detto il portavoce Fawzi Barhoum – è un nuovo crimine aggiunto al record dell’occupazione contro il nostro popolo”. Barhoum ha fatto appello alla comunità internazionale di intervenire contro “questo [...]

Gaza: Israele chiude valico commerciale

Gaza: Israele chiude valico commerciale

(ANSAmed) – TEL AVIV, 9 LUG – Israele ha deciso di chiudere il valico commerciale con Gaza ‘Kerem Shalom’ a causa “del lancio degli aquiloni incendiari e altri tentativi terroristici”. Lo ha annunciato il premier Benyamin Netanyahu che ha aggiunto: “in accordo con il ministero della Difesa, agiremo con mano pesante contro il regime di Hamas nella Striscia”. L’esercito ha poi fatto sapere che la chiusura del valico è a partire da oggi.

Yad Vashem, gravi errori Israele-Polonia

Yad Vashem, gravi errori Israele-Polonia

(ANSAmed) – TEL AVIV, 5 LUG – Yad Vashem, il Memoriale della Shoah a Gerusalemme, ha attaccato la recente dichiarazione congiunta dei primi ministri di Israele e Polonia sulle modifiche alla legge sull’Olocausto che puniva con il carcere chiunque indicasse responsabilità della nazione e dello stato polacchi per i crimini nazisti nello sterminio ebraico. Quella dichiarazione – ha detto Yad Vashem – contiene “gravi errori e inganni”, non cambia [...]