Storiella ebraica

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Theresa May
In rilievo

Theresa May

La scheda: Storiella ebraica

La storiella ebraica, spesso detta jüdischer Witz o, semplicemente, Witz ("barzelletta" in tedesco e yiddish) per antonomasia, è la tipica espressione del cosiddetto umorismo ebraico. Nella molteplicità di argomenti e situazioni delle storielle ebraiche, un dato che spicca è la loro natura fortemente autoironica.
Freud, che dedicò un ben noto studio all'indagine de Il motto di spirito (1905), rilevò come non esistesse, in altre culture, una forma letteraria analoga a quella della storiella ebraica, proprio perché è raro trovare altrove un uso altrettanto sistematico dell'autoironia.
La storiella ebraica è raccontata dall'ebreo e tratta degli stereotipi che l'antisemita medio ha creato nel corso dei secoli.
« Perché gli ebrei hanno tutti un naso così enorme? Perché l'aria è gratis! »
La storiella ebraica è anche un insegnamento, ma non vuole rivelare nulla: parte dal nonsense e ivi finisce, solo per suggerire, evocare, far pensare.
La storiella ebraica è anche un lamento: l'ebreo litiga con Dio, lo rimprovera, ma capita anche che lo consoli, e che lo canzoni.
« L'ebreo ride con Dio o contro Dio, ma non riderà mai senza Dio »


Storiella semplice

Storiella semplice“Si racconta che Giuseppe Verdi, passeggiando un giorno per una strada di Milano, incontrò un suonatore di organetto che suonava la marcia trionfale dell’Aida.Verdi si fermò e disse: “ state suonando troppo velocemente”.Il suonatore di organetto sollevò il cappello in segno di saluto e, avendo riconosciuto Verdi, disse: “ Grazie maestro, mille grazie!”.Il giorno seguente Verdi ripassò dalle stesse parti e trovò il suonatore di [...]

Gli aneddoti di Costanzo

Gli aneddoti di Costanzo

Il giornalista ricorda...

Un signor nessuno. La storiella del Pil è vecchia come lui. Questo insegna a Pretoria non a Cambridge. Un cervello in fuga

Un signor nessuno. La storiella del Pil è vecchia come lui. Questo insegna a Pretoria non a Cambridge. Un cervello in fuga

ENTRA IN SCENA  IL NEMICO DEL PIL CONSIGLIERE DI DI MAIO ALLACCIATEVI le cinture chiudete le borse e tenete ben stretto il portafoglio. Chi è Lorenzo Fioramonti, l'economista nemico numero uno del Pil che si candida con M5s e sarà uno dei consiglieri economici di Di Maio Professore di Politica Economica all'Università di Pretoria, 39 anni, si "autodenunciò" come uno dei tanti cervelli in fuga Finora i 5S hanno crocifisso il governo Renzi per la modesta [...]

L'aneddoto di Malgioglio

L'aneddoto di Malgioglio

Cristiano Malgioglio racconta di quella volta che ha dormito con Serena Grandi

SE NASCI IN ITALIA… Storiella semiseria che ti spiega perché devi darti alla fuga !!

SE NASCI IN ITALIA… Storiella semiseria che ti spiega perché devi darti alla fuga !!

    . seguiteci sulla nostra pagina Facebook Ridi XD .   SE NASCI IN ITALIA… Storiella semiseria che ti spiega perché devi darti alla fuga !! SE NASCI IN ITALIA… Storiella che ti spiega perché devi darti alla fuga Mettiamo che Steve Jobs sia nato in Italia. Si chiama Stefano Lavori. Non va all’università, è uno smanettone. Ha un amico che si chiama Stefano Vozzini. Sono due appassionati di tecnologia, qualcuno li chiama ricchioni perchè [...]

Post di storie storielle fatti e fattacci

Anno di belle speranze, il sogno poteva iniziare e tradursi in realtà

Tiziano Ferro cerco l' amore non storielle

Tiziano Ferro cerco l' amore non storielle

Il cantante Tiziano Ferro al settimanale  "Grazia", ha raccontato che "c’è stato un momento in cui ho pensato di mollare tutto perché provavo disagio": "Avevo 25 anni. Ero già conosciuto, facevo il mestiere che amavo, ma non riuscivo ad avere le stesse esperienze dei miei coetanei. E mi pesava." Il cantautore inizierà il tour estivo l' 11 giugno a Lignano Sabbiadoro, ha rievocato il periodo nel quale "frequentavo i locali di Roma e di Milano, tentavo di fare [...]

Tiziano Ferro non colleziono storielle

Tiziano Ferro non colleziono storielle

Al settimanale "Grazia" Tiziano Ferro ha raccontato che "c’è stato un momento in cui ho pensato di mollare tutto perché provavo disagio": "Avevo 25 anni. Ero già conosciuto, facevo il mestiere che amavo, ma non riuscivo ad avere le stesse esperienze dei miei coetanei. E mi pesava." Il cantautore inizierà il tour estivo l' 11 giugno a Lignano Sabbiadoro, ha rievocato il periodo nel quale "frequentavo i locali di Roma e di Milano, tentavo di fare amicizia, [...]

Pillola - Storiella Paradisiaca

Pillola - Storiella Paradisiaca

Quella di Adamo e Eva è solo una storiella,lo dimostra il fatto che siccome in paradiso non si scopava,non a caso partorirai con dolore è contestuale alla cacciata,non c'era nulla a tenerli assieme. Perché si sarebbero dovuti continuare frequentare?Per mancanza di alternative?Probabilmente è così, tanto che Eva ad un certo punto, annoiata ... Ha perfino preferito il serpente!  

storiella

..."Tanto tempo fa la Follia decise di invitare tutti i sentimenti per una insolita riunione conviviale, raccoltisi tutti intorno a un caff� per animare l'incontro la Follia propose: "Si gioca a nascondino?". "Nascondino? Che cos'�?" - domand� la Curiosit�. "Nascondino � un gioco rispose la Follia "Io conto fino a cento e voi vi nascondete. Quando avr� terminato di contare comincer� a cercarvi e il primo che trover� sar� il prossimo a contare". [...]

storiella

..."Tanto tempo fa la Follia decise di invitare tutti i sentimenti per una insolita riunione conviviale, raccoltisi tutti intorno a un caffè per animare l'incontro la Follia propose: "Si gioca a nascondino?". "Nascondino? Che cos'è?" - domandò la Curiosità."Nascondino è un gioco rispose la Follia "Io conto fino a cento e voi vi nascondete. Quando avrò terminato di contare comincerò a cercarvi e il primo che troverò sarà il prossimo a contare".Accettarono [...]

GEMME E ANEDDOTI.....miti e credenze

GEMME E ANEDDOTI.....miti e credenze

La credenza che le gemme avessero virtù terapeutiche di origine magico appartenne sia alla civiltà agizia che a quella mesopotamica. In entrambe era radicata la convinzione che tali virtù non derivassero dalla loro morfologia, bensì dal rapporto di "simpata" che li collegava ai pianeti. Secondo tale concezione le pietrte preziose costituivano una sorta di anello della catena che univa le creature terrene alle creature terrestri. Sulla base di tali credenze, ad [...]

STORIELLA DEL SAGGIO....

STORIELLA DEL SAGGIO....

- foto dal web - C’era una volta un vecchio Saggio seduto ai bordi di un’oasi all’entrata di una città del Medio Oriente. Un giovane si avvicinò e gli domandò: “Non sono mai venuto da queste parti. Come sono gli abitanti di questa città?” L’uomo rispose a sua volta con una domanda: “Com' erano gli abitanti della città da cui venivi?” - “Egoisti e cattivi. Per questo sono stato contento   di partire di là”. “Così sono gli abitanti di [...]

STORIELLA D'AMORE

STORIELLA D'AMORE

È sera e tra le luci opache dei lampioni, la mia ombra ondeggia sull’asfalto della tua strada. Si dondola nel vento fischiettando, mentre il pensiero la fissa attenta. Sornione, gli fa eco il cuore: ”che guardi, non vedi che è brilla?” Ma è la mano che fulminea, zittisce la parola e sulle labbra, si posa suicida, come il bacio sulle attese. “Ha i brividi sulla schiena”, bisbiglia al pensiero, ”è il fruscio dell’amore!” risponde l’anima. “Lo [...]

Un raccontino - Sesta parte.

Renata aprì la porta. L’appartamento rispecchiava l’aspetto dell’uscio: piccolo, scuro, in pessime condizioni.- Ci passa la lavatrice dalla porta, Renata? -- Ovviamente, non è stata costruita in casa. Non mi hai detto niente della tua famiglia, facchino Adamo. Sei sposato, insomma? Hai figli, nipoti, bisnipoti? -- Certamente - disse stando al gioco - ho un bisnipote settantenne che però non si è mai sposato e non mi ha dato alcun trisnipotino. Che [...]

terza parte ( fine prova raccontino surreale)

"-Succede all improvviso, passi da una via e qualcosa si è modificato, una casa, un albero, una finestra, ci si sofferma a pensarci un attimo e poi ci si incolpa di essere sbadati. Nessuno è cosi sbadato, semplicemente si è fatto un salto in un' altra dimensione, realtà,in sostanza si salta da un universo all altro, dove tutto è simile ma nel momento del salto ci attende un cambiamento, che lo segnala"-. Erano seduti nella radura con l unica luce della luna, [...]

terza parte ( fine prova raccontino surreale)

"-Succede all improvviso, passi da una via e qualcosa si è modificato, una casa, un albero, una finestra, ci si sofferma a pensarci un attimo e poi ci si incolpa di essere sbadati. Nessuno è cosi sbadato, semplicemente si è fatto un salto in un' altra dimensione, realtà,in sostanza si salta da un universo all altro, dove tutto è simile ma nel momento del salto ci attende un cambiamento, che lo segnala"-. Erano seduti nella radura con l unica luce della luna, [...]

terza parte ( fine prova raccontino surreale)

"-Succede all improvviso, passi da una via e qualcosa si è modificato, una casa, un albero, una finestra, ci si sofferma a pensarci un attimo e poi ci si incolpa di essere sbadati. Nessuno è cosi sbadato, semplicemente si è fatto un salto in un' altra dimensione, realtà,in sostanza si salta da un universo all altro, dove tutto è simile ma nel momento del salto ci attende un cambiamento, che lo segnala"-. Erano seduti nella radura con l unica luce della luna, [...]

terza parte ( fine prova raccontino surreale)

"-Succede all improvviso, passi da una via e qualcosa si è modificato, una casa, un albero, una finestra, ci si sofferma a pensarci un attimo e poi ci si incolpa di essere sbadati. Nessuno è cosi sbadato, semplicemente si è fatto un salto in un' altra dimensione, realtà,in sostanza si salta da un universo all altro, dove tutto è simile ma nel momento del salto ci attende un cambiamento, che lo segnala"-. Erano seduti nella radura con l unica luce della luna, [...]

Un raccontino - quarta parte (la quinta � gi� stata postata).

Ecco che mi tocca fare la parte del vecchio ringalluzzito che si fa abbindolare da una giovane che lo presenta agli amici come fosse suo zio. Ovviamente – pensò Adamo – stasera al bar può aspettare quanto vuole. Io fra l’altro ho da vedere un cliente, ce ne andremo a cenare “all’osteria dei passi perduti” che è a trenta chilometri da qui, e non ho nessuna intenzione di saltare quell’appuntamento per stare dietro a una giovincella.Come ha detto [...]