Unione europea dei pagamenti

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Cristina Parodi
In rilievo

Cristina Parodi

La scheda: Unione Europea dei pagamenti

L’Unione europea dei pagamenti (UEP), in inglese European Payments Union (EPU), fu un'organizzazione economica internazionale che esistette tra il 1950 ed il 1958.
Tale istituzione nacque il 1º luglio 1950, con il compito di facilitare la ripresa del commercio europeo. In un momento in cui le riserve delle banche centrali degli Stati europei erano molto basse, la sua funzione era quella di finanziare temporaneamente eventuali deficit delle bilance commerciali dei Paesi che vi aderivano, al fine di non ostacolare il flusso delle importazioni e delle esportazioni, che ne avrebbe altrimenti risentito a causa della carenza di mezzi di pagamento.
Tale istituzione fu inizialmente finanziata con i fondi del Piano Marshall (nella misura di 350 milioni di dollari) e la sua importanza consiste nell'essere stata il primo vero esperimento di cooperazione monetaria in Europa.
L'Unione europea dei pagamenti fu eliminata nel 1958 con la dichiarazione di convertibilità delle valute secondo le indicazioni del Fondo monetario internazionale.
I firmatari furono: Austria, Belgio, Danimarca, Francia, Germania occidentale, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia, Lussemburgo, Norvegia, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Svezia, Svizzera, Turchia e la Zona anglo-americana del Territorio Libero di Trieste. L'UEP coinvolgeva anche i paesi che aderivano alle aree monetarie dei paesi firmatari: l'area della sterlina, i possedimenti d'oltremare del Belgio, della Francia, dei Paesi Bassi e del Portogallo, e l'Indonesia.


L'Europa di Junker sta con Renzi: "Spero vinca il SI"

L'Europa di Junker sta con Renzi: "Spero vinca il SI"

Se solo due settimane fa Jean-Claude Junker aveva rispedito al mittente le critiche giunte da Matteo Renzi sulla scarsa flessibilità sui conti concessa all'Italia ("me ne frego degli attacchi di Renzi, il governo italiano parla tanto ma non produce risultati"), l'approssimarsi del referendum costituzionale conduce a più miti consigli, ed ora il presidente della Commissione Europea spezza una lancia in favore del premier italiano. La vittoria del SI al referendum [...]

Grande manifestazione a Berlino contro il TTIP

Grande manifestazione a Berlino contro il TTIP

Migliaia di persone sono scese in piazza a Berlino per protestare contro il TTIP, attualmente in discussione tra l’Unione europea e gli Stati uniti, ed il CETA, quello tra Ue e Canada. Circa 200 mila i manifestanti che hanno sfilato per le strade della capitale tedesca. L'analista politico ucraino Vladimir Kornilov scrive sulla sua pagina Facebook: "A Berlino centinaia di migliaia di persone hanno protestato contro la zona di libero scambio con gli Stati Uniti. [...]

L'Islanda lascia fallire le banche ed ora il suo Pil vola

L'Islanda lascia fallire le banche ed ora il suo Pil vola

L'Islanda è diventato il primo paese europeo coinvolto nel caos finanziario del 2008 a registrare un Pil superiore ai livelli pre crisi, e ciò grazie ad un approccio totalmente differente rispetto a quello scelto da altri. FALLIMENTI - Mentre il governo britannico ha nazionalizzato Lloyd e RBS con i soldi dei contribuenti, e mentre gli Stati Uniti hanno comprato quote azionarie nelle banche di Wall Street ritenute 'too big to fail' ('troppo grandi perchè si [...]

TTIP: gli USA pronti agli accordi di libero scambio?

TTIP: gli USA pronti agli accordi di libero scambio?

Il trattato commerciale fra USA-EU rappresenta uno dei cardini della politica economica di Obama Nelle scorse settimane, violente convulsioni hanno agitato la minoranza democratica al Congresso degli Stati Uniti in occasione del voto intorno all’adozione della procedura semplificata (fast track) per il negoziato del TPP (Trans-Pacific Partnership), il trattato commerciale fra gli Stati Uniti e un eterogeneo gruppo di Paesi della regione dell’Asia-Pacifico [...]

Daily Market Report 22 Luglio 2015. Il bollettino dei mercati

Daily Market Report 22 Luglio 2015. Il bollettino dei mercati

Azioni:  Ieri giornata priva di particolari spunti in assenza di dati macro. Dopo una metà giornata trascorsa nella tranquillità, i listini europei hanno virato in negativo a fronte di prese di profitto. Piazza Affari peggiore in Europa. Wall Street ha terminato in territorio negativo la seduta di ieri. Il Dow Jones ha lasciato sul terreno l’1% a 17.919 punti. Segno meno anche per l’S&P500 (-0,43% a 2.119 punti). Più limitato il calo del Nasdaq, che ha [...]

Grecia, accordo strappato a caro prezzo. Le condizioni

Grecia, accordo strappato a caro prezzo. Le condizioni

(Teleborsa) - Dopo 17 ore di estenuanti confronti, la Grecia ha raggiunto un accordo con i suoi creditori, per le riforme necessarie da attuare e per avviare negoziati formali su un terzo programma di salvataggio. Lo ha comunicato il presidente dell’Unione Europea Donald Tusk. Non sono ancora chiari i contenuti del programma approvato all’unanimità durante l’Euro summit in corso a Bruxelles, ma le dichiarazioni rilasciate da altri Ministri delle Finanze [...]

Daily Market Report 8 Luglio 2015. Il bollettino dei mercati

Daily Market Report 8 Luglio 2015. Il bollettino dei mercati

Azioni:  Dopo un’apertura col segno più, i listini internazionali hanno perso terreno sino a chiudere in territorio negativo. A pesare le notizie provenienti dall’Eurogruppo secondo cui Atene non ha presentato alcun piano di riforme, come invece atteso, e forse oggi richiederà per la terza volta l’aiuto finanziario dell’Esm. Indiscrezioni di stampa riferiscono della profonda delusione dei ministri delle finanze degli altri 18 paesi dell’area euro. [...]

Tsipras nell'angolo: "Se vince il Sì mi dimetto". Video

Tsipras nell'angolo: "Se vince il Sì mi dimetto". Video

Grecia verso il default: oggi scade il termine per il rimborso di 1,7 miliardi all'Fmi che Atene non intende rispettare e a mezzanotte termina anche il programma di aiuti della troika. La Bce, per la prima volta, non esclude l'uscita della Grecia dall'euro, ipotesi contro cui il ministro delle Finanze greco Yanis Varoufakis minaccia il ricorso alla Corte di giustizia Ue. "La grande folla radunata a Syntagma ci dà la forza. Con calma e compostezza affronteremo [...]

Daily Market Report 30 Giugno 2015. Il bollettino dei mercati

Daily Market Report 30 Giugno 2015. Il bollettino dei mercati

Azioni: Le borse europee hanno chiuso in forte calo la prima seduta della settimana, dopo aver tentato un timido recupero dai minimi dell’apertura. È stata la peggior seduta dal 2011 per i listini del Vecchio Continente. Cali diffusi sui titoli bancari in particolare periferici. Piazza Affari ha chiuso sui minimi di giornata a -5,17%. Con il calo di ieri di Wall Street, il Dow Jones ora è in perdita nel 2015, così come lo S&P 500 ha azzerato tutti i guadagni [...]

Grecia fuori dall'Euro? L'impatto su Eurozona e moneta unica

Grecia fuori dall'Euro? L'impatto su Eurozona e moneta unica

L'ipotesi che la Grecia esca dall'euro corre il rischio di trasformare l'area unica monetaria, specie agli occhi degli investitori e dei mercati internazionali, in un accordo di cambio valutario. Ciò implicherebbe una serie di conseguenze negative, specie per i paesi che negli scorsi anni sono stati più esposti alle turbolenze cagionate dalla crisi finanziaria e che potrebbero immediatamente finire sotto la pressione di nuovi, imprevedibili attacchi speculativi. [...]

Equitalia: condonate le cartelle fino a 2.000 euro

Equitalia: condonate le cartelle fino a 2.000 euro

E' stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto attuativo del ministero dell’Economia con le modalità con cui sarà eseguito l’annullamento delle cartelle Equitalia di importo massimo 2 mila euro, previsto già dalla legge di Stabilità del 2013. L’emendamento ha previsto la rottamazione automatica di qualsiasi tipologia di debito (tra cui, ad esempio, contributi previdenziali o tributi locali), ma unicamente relativamente alle cartelle iscritte a ruolo [...]

Daily Market Report 18 Giugno 2015. Il bollettino dei mercati

Daily Market Report 18 Giugno 2015. Il bollettino dei mercati

a cura di  Cassa Lombarda   Azioni: Piazza Affari in altalena nella seduta di ieri a causa dell’incertezza sulla crisi greca. Tutti i listini europei hanno chiuso in ribasso. Il presidente dell'Eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem, ha ribadito che i ministri delle Finanze dell'area euro rimangono contrari a una svalutazione del debito greco, opzione presa invece in considerazione dal Fmi. Gli alert e rumor sulla Grecia si sono susseguiti nella giornata. Tsipras ha [...]

Pensioni, età e ricchezza: la lotta di classe diventa anagrafica

Pensioni, età e ricchezza: la lotta di classe diventa anagrafica

La longevità e l'insostenibilità del sistema pensionistico retributivo Tempo fa il presidente dell’Inps Tito Boeri ha sostenuto che avere una pensione alta dopo aver versato pochi contributi non è un diritto acquisito. Parole sante. La stampa, dopo la pessima sentenza della Corte Costituzionale che ha bocciato il blocco dell’indicizzazione delle pensioni sopra un certo livello, ha dedicato pagine e pagine al sussidio che i contribuenti danno ai pensionati [...]

Recessione addio: ma la UE ci tiene d'occhio

Recessione addio: ma la UE ci tiene d'occhio

L'Ue ci dà i soldi e noi non li spendiamo. Ecco perché. Video

L'Ue ci dà i soldi e noi non li spendiamo. Ecco perché. Video

Secondo la ricognizione effettuata dall’Ufficio studi della CGIA al 28 febbraio scorso, il nostro Paese ha utilizzato 35,4 miliardi di euro dei 47,3 messi a disposizione dai Fondi strutturali. Pertanto, dobbiamo ancora utilizzare 12 miliardi di euro. La maggior parte di questi 47,3 miliardi di euro arriva dall’Europa e fanno parte della Programmazione 2007-2013. Inoltre, si segnala che l’incidenza dei finanziamenti utilizzati fino ad ora sul totale dei [...]

Bando pubblico, lavorare per L'UE a 4.300 euro. Ecco come

Bando pubblico, lavorare per L'UE a 4.300 euro. Ecco come

Bando di concorso pubblico appena indetto dall’Epso, l’Ufficio Europeo di Selezione del Personale: l’Ente ha reso disponibili 80 posti di lavoro, con sede a Lussemburgo, presso diversi organismi. Il trattamento retributivo previsto è di 4300 Euro al mese, e le assunzioni avverranno in qualità di Amministratori nel settore Audit. Le selezioni sono rivolte a laureati e giovani professionisti, anche privi d’esperienza; la scadenza per l’invio delle domande [...]

Smaltimento e gesione integrata

                                 La strategia europea - (dallo smaltimento alla gestione integrata)   Come già accennato, sin dall’avvento della Rivoluzione Industriale, le società contemporanee sono state chiamate a misurarsi col problema dei rifiuti. Esso, tuttavia, ha assunto nel tempo connotazioni diverse, che hanno inciso profondamente sulle strategie seguite per affrontarlo. Inizialmente si presentò come un problema di [...]

NEWS INCA

NEWS INCA

Invalidità civile- Illegittima la disposizione dell'Inps Lettera del CEPA, CIPAS, CIPLA, COPAS all'INPS I Patronati, dei raggruppamenti CEPA,CIPAS,CIPLA e COPAS, hanno  inviato una lettera  al Commissario straordinario,al Direttore generale  ed al Presidente del CIV dell'INPS  chiedendo di eliminare la disposizione che consente alle Associazioni dei disabili di presentare le domande tese ad ottenere i benefici concessi a seguito del riconoscimento di [...]

Repubblicani contro Obama per il record negativo del deficit

Repubblicani contro Obama per il record negativo del deficit

Non è soltanto la rinuncia di Obama alla riconquista della luna ma anche l’aumento del deficit di bilancio a scatenare le ire dei repubblicani. Nel bilancio di previsione del 2011, il presidente proietta un deficit di quasi 1.300 miliardi di dollari, poco meno del deficit di 1.400 miliardi del 2009, che fu il più grave dalla fine della seconda guerra mondiale. Ma riferisce che quest’anno il deficit sarà di ben 1.600 miliardi, l’11 per cento del prodotto [...]

In Italia oltre due milioni di disoccupati

In Italia oltre due milioni di disoccupati

Sono 57mila in più rispetto a novembre. In Europa è salita al 10%, contro il 9,9% di novembre ROMA - Il mercato del lavoro continua a segnare rosso, sia in Italia che in Europa: il tasso di disoccupazione a dicembre sale all'8,5% dall'8,3% di novembre. Lo rende noto l'Istat precisando che il tasso di disoccupazione è in crescita di 1,5 punti percentuali rispetto allo stesso mese dell'anno precedente. Secondo l'Istat è il dato peggiore da gennaio 2004, inizio [...]