WikiLeaks

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Theresa May
In rilievo

Theresa May

WikiLeaks

La scheda: WikiLeaks

WikiLeaks (dall'inglese leak «perdita», «fuga ») è un'organizzazione internazionale senza scopo di lucro che riceve in modo anonimo, grazie a un contenitore (drop box) protetto da un potente sistema di cifratura, documenti coperti da segreto (di Stato, militare, industriale, bancario) e poi li carica sul proprio sito web. WikiLeaks riceve, in genere, documenti di carattere governativo o aziendale da fonti coperte dall'anonimato e da whistleblower.
Il sito è curato da giornalisti, attivisti, scienziati. Comunque i cittadini di ogni parte del mondo possono inviare (sono anzi invitati a farlo) materiale «che porti alla luce comportamenti non etici di governi e aziende» tenuti nascosti. Gran parte dello staff del sito, come gli stessi fondatori del progetto, rimane anonima.
L'obiettivo dell'organizzazione è di assicurare che gli informatori non vengano perseguiti per la diffusione di documenti sensibili.
L'organizzazione dichiara di verificare l'autenticità del materiale prima di pubblicarlo e di preservare l'anonimato degli informatori e di tutti coloro che sono implicati nella fuga di notizie.
Nonostante il prefisso, il progetto non è un wiki e non ha alcun legame con Wikimedia Foundation, l'organizzazione senza fini di lucro che possiede i server di Wikipedia. WikiLeaks, per scelta, non ha alcuna sede ufficiale. Infatti vuole essere «una versione irrintracciabile di Wikipedia che consenta la pubblicazione e l'analisi di massa di documentazione riservata». Lo scopo ultimo è quello della trasparenza da parte dei governi quale garanzia di giustizia, di etica e di una più forte democrazia.
Il sito è stato fondato, tra gli altri, dall'attivista informatico Julian Assange, che ne è il caporedattore.



WikiLeaks:
URL: www.wikileaks.org[1]
Tipo di sito: Archivio documentale
Registrazione: privata
Proprietario: The Sunshine Press
Creato da: Julian Assange
Lancio: 2006
Stato attuale: attivo

Wikileaks, Assange passa il testimone al suo braccio destro

Wikileaks, Assange passa il testimone al suo braccio destro

Julian Assange lascia, almeno per ora, la carica di direttore (editor in chief) di WikiLeaks. La decisione – resa inevitabile dalla condizione attuale dell’attivista australiano, privato da mesi di connessione internet e di ogni possibilità di contatti telefonici o personali con figure esterne nell’ambasciata dell’Ecuador di Londra in cui vive rifugiato da oltre 6 anni – è stata formalizzata nelle scorse settimane in un comunicato [...]

Assange nomina nuovo direttore Wikileaks

Assange nomina nuovo direttore Wikileaks

(ANSA) – LONDRA, 27 SET – Julian Assange lascia, almeno per ora, la carica di direttore (editor in chief) di WikiLeaks. La decisione – resa inevitabile dalla condizione attuale dell’attivista australiano, privato da mesi di connessione internet e di ogni possibilità di contatti telefonici o personali con figure esterne nell’ambasciata dell’Ecuador di Londra in cui vive rifugiato da oltre 6 anni – è stata formalizzata in un comunicato [...]

Svanito il cofondatore di Wikileaks

Svanito il cofondatore di Wikileaks

Allarme e sospetti sulla sorte del cyberesperto amico di Assange

Sparito il cofondatore di Wikileaks, indaga la polizia

Sparito il cofondatore di Wikileaks, indaga la polizia

Cresce l’allarme sulla sorte di Arjen Kamphuis, ‘mago’ informatico olandese cofondatore con Julian Assange di Wikileaks, svanito nel nulla da due settimane in Norvegia come riferiscono diversi media internazionali.     Le sue tracce si sono perse il 20 agosto scorso a Bodo, nel nord del Paese scandinavo. E la polizia norvegese ha confermato ieri di aver aperto un’indagine. Secondo fonti di Wikileaks, che esprimono “preoccupazione”, Kamphuis aveva [...]

Sparito il cofondatore di Wikileaks

Sparito il cofondatore di Wikileaks

(ANSA) – LONDRA, 3 SET – Cresce l’allarme sulla sorte di Arjen Kamphuis, ‘mago’ informatico olandese cofondatore con Julian Assange di Wikileaks, svanito nel nulla da due settimane in Norvegia come riferiscono diversi media internazionali. Le sue tracce si sono perse il 20 agosto scorso a Bodo, nel nord del Paese scandinavo. E la polizia norvegese ha confermato ieri di aver aperto un’indagine. Secondo fonti di Wikileaks, che esprimono [...]

Ex Cia accusato di maxifurto dati per Wikileaks

Ex Cia accusato di maxifurto dati per Wikileaks

Avrebbe trafugato 'cyber-arsenale' Langley. 'Nuovo caso Snowden'

Così una fake news della CNN su Wikileaks arriva a milioni di persone in pochissimo tempo

http://www.lantidiplomatico.it/dettnews-cos_una_fake_news_della_cnn_su_wikileaks_arriva_a_milioni_di_persone_in_pochissimo_tempo/6_22441/Volevo pubblicare un post con tanto di prove delle fake news della cnn e di come le fanno diventare virali ma non me lo fa pubblicare. cliccate sul link!!!  

Scambio messaggi con Wikileaks, e' bufera su Trump Jr

Scambio messaggi con Wikileaks, e' bufera su Trump Jr

Dipartimento giustizia vuole indagare su fondazione Clinton

Assange: 'Gruppo vicino a Trump contattò Wikileaks'

Assange: 'Gruppo vicino a Trump contattò Wikileaks'

Julian Assange ha confermato che una società di raccolta dati impegnata nella campagna per l’elezione di Donald Trump contattò Wikilieaks e che quest’ultima respinse l’approccio. Lo ha scritto lui stesso su Twitter. Il fondatore di Wikileaks non ha però specificato i contenuti di tale “approccio”, dopo che il sito d’informazione The Daily Beast aveva parlato di un contatto del ceo della società Cambridge Analytica, Alexander Nix, con Assange [...]

Wikileaks hackerato da OurMine? Uno scherzetto su cui riflettere

di Umberto Rapetto | 4 settembre 2017  Il Fatto QuotidianoChi la fa, l’aspetti.Wikileaks promuove l’hackeraggio della combriccola di pirati arabi OurMine e diventa bersaglio proprio dei soggetti che si augurava di vedere arrembati. Chi si è collegato all’insediamento virtuale che abitualmente svela ingombranti segreti di Stati e multinazionali si è trovato dinanzi ad una imbarazzante pagina in cui l’hacking team saudita mostra un proprio logo e [...]

Wikileaks, online 21.000 mail Macron

Wikileaks, online 21.000 mail Macron

(ANSA) – ROMA, 31 LUG – Wikileaks ha pubblicato oggi un archivio online con 21.075 mail collegate alla campagna presidenziale di Emmanuel Macron. Le mail comprendono il periodo che va dal 20 marzo 2009 al 24 aprile 2017. Wikileaks afferma di poter certificare l’autenticità delle oltre 21.000 email.

Gremlins, i sistemi di spionaggio della CIA svelati da Wikileaks

Gremlins, i sistemi di spionaggio della CIA svelati da Wikileaks

I Gremlins, i famosi personaggi cinematografici della saga tra horror e fantasy, piacciono proprio a tutti. A quanto emerge da dei documenti di WikiLeaks piacciono anche alla CIA. L’intelligence statunitense ha creato dei malware ispirandosi proprio ai famosi mostriciattoli. Può sembrare una notizia divertente, ma sicuramente la Central Intelligence Agency (CIA) non avrà preso bene la fuga di notizie, visto che i temi riportati nei documenti dovevano restare [...]

Cybersicurezza, quando Wikileaks svela i segreti degli hacker della Cia

Cybersicurezza, quando Wikileaks svela i segreti degli hacker della Cia

Cybersicurezza, quando Wikileaks svela i segreti degli hacker della Cia di Umberto Rapetto | 4 aprile 2017 67 Più informazioni su: Cia, Hacker, Julian Assange, Virus, Wikileaks Umberto Rapetto Giornalista, scrittore e docente universitario Il vero pesce d’aprile degno di esser ricordato quest’anno è quello con cui Wikileaks ha beffato la Cia. Il caso Vault7 non finisce di stupire. Nelle precedenti due “puntate” del flusso di rivelazioni erano [...]

La Cia accusa WikiLeaks: aiuta i nemici degli Usa

La Cia accusa WikiLeaks: aiuta i nemici degli Usa

Roma, 9 mar. (askanews) – La pubblicazione da parte di WikiLeaks di documenti relativi ai metodi di intercettazione e pirataggio messi in atto dall’intelligence statunitense mette in pericolo gli agenti americani e aiuta gli avversari degli Stati Uniti. E’ la posizione espressa ieri dalla Cia che, comunque, si rifiuta di riconoscere come autentici i documenti pubblicati da Wikileaks e presentati come tecniche della stessa Cia per spiare cittadini attraverso [...]

Wikileaks, alla Cia ci spiano? Magari fossero solo loro - Il Fatto Quotidiano

Wikileaks, alla Cia ci spiano? Magari fossero solo loro - Il Fatto Quotidiano

Lo ammetto: ogni tanto i media sono divertenti nel loro essere naïf. Oggi tutti urlano allo scandalo: la Cia (Central Intelligence Agency) ci spia. Anzi, come riporta il file di Wikileaks, l’agenzia dei servizi americani è ancora più curiosa dei nostri affari di quanto già non sapessimo. Perché trovo la cosa divertente? Perché se l’attività […] Sorgente: Wikileaks, alla Cia ci spiano? Magari fossero solo loro - Il Fatto Quotidiano

Scandalo Cia, aperta un'inchiesta su Wikileaks

Scandalo Cia, aperta un'inchiesta su Wikileaks

di Isabella Josca

Wikileaks, lo scandalo Cia

Wikileaks, lo scandalo Cia

Wikileaks-Cia, milioni di utenti Android a rischio spionaggio

Wikileaks-Cia, milioni di utenti Android a rischio spionaggio

Ora che i documenti rilasciati da Wikileaks sull’opera di spionaggio della CIA possono essere consultati anche da esperti di sicurezza informatica, iniziano a emergere i primi problemi per gli utenti di smartphone e tablet Android. Secondo alcuni esperti sarebbero milioni gli utenti a rischio spionaggio. Wikileaks ha rilasciato oltre 8600 documenti inerenti le attività di spionaggio della CIA: dai file emerge che l’Agenzia statunitense negli ultimi anni ha [...]

WikiLeaks: La Cia spia con la smart-tv e WhatsApp

WikiLeaks: La Cia spia con la smart-tv e WhatsApp

New York, 8 mar. (askanews) – La Central Intelligence Agency, la Cia, può trasformare la vostra smart tv a marchio Samsung in un dispositivo di intercettazioni ambientali (anche quando è spenta), può aggirare i programmi criptati e intrufolarsi nelle app come WhatsApp e addirittura può controllare la vostra automobile o gli smartphone dotati di sistema operativo Android (Google) e iOS (Apple). E’ quanto emerso da una valanga di documenti – quasi 9.000 [...]

WikiLeaks: cyber-attacchi Cia ci spiano da smart tv e smartphone

WikiLeaks: cyber-attacchi Cia ci spiano da smart tv e smartphone

Washington (askanews) - Nuova cyber-bufera sugli Stati Uniti e la Cia, la principale agenzia di intelligence statunitense. Secondo quanto rivelato da WikiLeaks, il sito fondato da Julian Assange, la Central Intelligence Agency avrebbe violato gli impegni presi dall'amministrazione Obama mettendo a rischio di attacchi hacker comunita', governo e anche l'account Twitter del presidente Donald Trump. Sempre secondo quanto reso noto da WikiLeaks, la Cia userebbe il [...]