Scopri tutto su cucina cantonese

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Guendalina Tavassi
In rilievo

Guendalina Tavassi

Tè Pu'er

La scheda: Tè Pu'er

Pu'er, Pu-erh, Puer, Po Lei o Bolay è una varietà di tè postfermentato prodotto in Cina nella provincia dello Yunnan. La postfermentazione è una tecnica di produzione del tè in cui le foglie di tè subiscono un processo di fermentazione microbica dopo che sono state essiccate e laminate. Questa è una specialità cinese ed è a volte indicato come tè nero. Ci sono un paio di province diverse ognuna con alcune regioni che producono tè nero di diverse varietà. Quelli prodotti nello Yunnan sono generalmente denominati Pu'er, riferendosi al nome della contea di Pu’er che era usata come posto di scambio per il tè nero durante la Cina imperiale. Il tè Pu'er è disponibile come foglie sfuse o in varie forme compresse (vedi mattonella di tè). Vi è anche la differenziazione in base alla lavorazione delle materie prime: tipo crudo (sh?ng ?) e tipo stagionato (shú ?). Il tipo “shú” si riferisce a quelle varietà che sono passate attraverso un post-processo di fermentazione corretto, mentre il tipo “sh?ng” sono le varietà che sono in procinto di oscuramento graduale attraverso l'esposizione agli elementi ambientali. Alcune selezioni da entrambi i tipi possono essere conservate per farli maturare prima del consumo. Questo è il motivo per cui alcuni sono etichettati con l'anno e la zona di produzione.



Welcome to Adobe GoLive 5

4U 1822-371: Stella di neutroni dallo scarso magnetismo ( a cura di Mauro Maestripieri ) Piccole, caratterizzate da un raggio dell’ordine dei 10 km, super dense, massive 1 volta e ½ il Sole, possiedono di solito un campo magnetico elevatissimo, anche 1000 miliardi di volte superiore a quello della Terra. Ora però gli astrofisici hanno scoperto che tra di esse, oltre alla categoria delle ‘super magnetiche’ (le magnetar) ve ne sono altre molto più deboli, ed [...]

Welcome to Adobe GoLive 5

Le fasi di SN 2014J ( a cura di Mauro Maestripieri ) Nel 2014 è esplosa una stella nella galassia M82, l'astronomo Charles Telesco dell'università della Florida, utilizzando la CanariCam, infrarossa sviluppata dalla stessa Università, ha ottenuto immagini a 2 differenti lunghezze d'onda, riscontrando delle anomalie. Telesco ha studiato quindi approfonditamente ulteriori spettri della supernova (SN 2014J) di tipo Ia, generata dalla collisione o esplosione di una [...]

Welcome to Adobe GoLive 5

Il mistero di SDSS1133 ( a cura di Mauro Maestripieri ) Il satellite della NASA Swift, ha notato un’inusuale sorgente di luce nella galassia nana Markarian 177, situato a 90 milioni di anni luce dalla Terra, l’oggetto cosmico ha le caratteristiche di un buco nero supermassiccio, sparato via dal centro della propria galassia dall’incontro con un altro buco nero di grande dimensione, probabilmente di una fusione tra due galassie. Non è l’unica ipotesi che [...]

Welcome to Adobe GoLive 5

Il Titanio-44 e la pace tra modelli e osservazioni New Scientist ( Mauro Maestripieri ) Lo studio della radioattività al servizio dell'astronomia per la risoluzione di uno dei misteri sull'origine degli elementi chimici. Le stelle fondono idrogeno nel loro nucleo, creando elio e rilasciando energia. Una volta finito l'idrogeno, le stelle molto massive iniziano la fusione degli elementi più pesanti fino a che il nucleo collassa dando vita ad una esplosione [...]

Welcome to Adobe GoLive 5

Pianeti "abitabili potenziali" ( a cura di Mauro Maestripieri ) Utilizzando l’occhio di TRAPPIST, un telescopio robotico belga da 0,6 metri di diametro operante all’Osservatorio dell’ESO di La Silla in Cile, un team scientifico guidato da Michaël Gillon dell’Institut d’Astrophysique et Géophysique dell’Università di Liegi, osservando la stella 2MASS J23062928 – 0502285 (TRAPPIST-1), una nana ultra-fredda, più piccola e fredda del Sole, posta [...]

Welcome to Adobe GoLive 5

Il Blazar Mister Miliardo ( di Mauro Maestripieri ) B2 1023+25 è un blazar, ovvero un Nucleo Galattico molto Attivo (AGN), che emette una enorme quantità di energia. B2 1023+25 è stato scoperto dai sensori di NuSTAR ad una distanza di circa 12,7 miliardi di anni luce da noi, quando l’universo aveva solo 1 miliardo di anni. Fino ad oggi è stato individuato solo un altro blazar più distante di questo. Il getto emesso è generato da un buco nero supermassiccio [...]

Welcome to Adobe GoLive 5

Più brillante e più veloce ( Mauro Maestripieri ) Più luminosa e appariscente che mai, continua a far parlare di sé. È la supernova SN 2014J, scoperta pochi giorni fa dall’infaticabile Hubble. A essere precisi, il primo a mettere gli occhi sul brillante oggetto celeste è stato un professore universitario, che nella notte del 21 gennaio si trovava a osservare il cielo con i suoi studenti di astrofisica. E ha individuato una delle supernove più luminose mai [...]

Welcome to Adobe GoLive 5

Welcome to Adobe GoLive 5

Sbuffi di Via Lattea Scoperti e mappati da un team di ricercatori giganteschi flussi di particelle cariche che si estendono per circa 50.000 anni luce. Che il centro della Via Lattea, la nostra Galassia, fosse alquanto turbolento era ben noto da tempo. Ma non che da quelle zone fuoriuscissero giganteschi flussi di particelle cariche, veri e propri geyser spaziali. A scoprire e mappare questi flussi di materia è stato un gruppo di ricercatori guidati dall'italiano [...]

Welcome to Adobe GoLive 5

Per la seconda volta in assoluto dal 2007, tre giovani ricercatori italiani dell’Università dell’Insurbia, Emanuele Farina (29 anni), Carmen Montuori (27 anni), Roberto Decarli (31 anni) e Michele Fumagalli (28 anni), della Princeton University, hanno scoperto un tripletto di quasar, ossia un sistema di tre buchi neri supermassivi vicinissimi tra loro. La scoperta è straordinaria perché è raro avvistare tre quasar così vicini: la possibilità è di una su [...]

Welcome to Adobe GoLive 5

PKS2155-304: un Blazar periodico http://iopscience.iop.org/2041-8205/793/1/L1/ ( a cura di Mauro Maestripieri ) Un gruppo di ricerca astrofisica italiano, guidato da Angela Sandrinelli dell’INAF, Osservatorio Astronomico di Brera, ha scoperto PKS2155-304, un blazar ad emissione periodica, sia nelle bande ottiche che in quelle dei raggi X duri, utilizzando sia il telescopio INAF REM, sito presso l’osservatorio ESO di La Silla (Cile), che il satellite NASA Fermi, [...]

FOTO: Tè Pu'er

Una pinna essiccata preparata per la cottura.

Una pinna essiccata preparata per la cottura.

Wonton di tipo cantonese crudi

Wonton di tipo cantonese crudi

Semi di colza

Semi di colza

Confezione di polvere cinque spezie

Confezione di polvere cinque spezie

Tipica colazione dim sum a Hong Kong. Da sinistra a destra: har gau, tè al gelsomino, congee di pollo e verdure, jiaozi bolliti, involtini di spaghetti di riso, cha siu baau

Tipica colazione dim sum a Hong Kong. Da sinistra a destra: har gau, tè al gelsomino, congee di pollo e verdure, jiaozi bolliti, involtini di spaghetti di riso, cha siu baau

Nidi di rondine raccolti

Nidi di rondine raccolti

Tong sui ai fagioli dolci

Tong sui ai fagioli dolci

Welcome to Adobe GoLive 5

Welcome to Adobe GoLive 5

ing.MauroWeb ( ( Costellazione della Carena ) Laureato in Ingegneria Chimica con il massimo dei voti, discutendo una tesi sulla " Fisica dei Reattori Nucleari "; ho lavorato presso un cementificio nazionale, una fonderia, un''industria ceramica ed ho avuto una ditta di rappresentanze industriali. Ho soggiornato in l'nghilterra, ove ho frequentato corsi d'inglese., ho  visitato per turismo: Europa, Marocco, Tunisia, Turchia ed Egitto, amo la Provenza,  parlo il [...]

Welcome to Adobe GoLive 5

Così luminoso e così vicino MEDIA INAF - 06/05/2013 Il 27 Aprile un nuovo brillantissimo lampo gamma (gamma ray burst GRB) ha illuminato il cielo delle alte energie, suscitando l’interesse degli astronomi di tutto il mondo. I GRB sono le esplosioni più potenti dell’universo e si pensa siano associati alla fase finale della vita di una stella di grande massa che, una volta finito il propellente nucleare, collassa sotto il proprio peso. Mentre il nucleo [...]

Welcome to Adobe GoLive 5

L'età dei dischi nucleari galattici ( a cura di Mauro Maestripieri ) Intorno ad alcuni nuclei galattici esiste una zona fatta di gas e stelle, proveniente dalle zone più esterne e migrato verso l'interno per attrazione da parte del nucleo oppure per interazioni gravitazionali con altre galassie. Se questo è vero, allora l'età di queste stelle dovrebbe essere inferiore a quella della galassia stessa ma finora è sempre stato arduo calcolare l'età di oggetti [...]

Welcome to Adobe GoLive 5

Gara per il getto più potente ( a cura di Mauro Maestripieri ) Alcune stelle di neutroni possono essere decisamente le rivali dei buchi neri per quanto riguarda il meccanismo di accelerazione dei getti di materia fino a velocità relativistiche. È quanto emerge da uno studio condotto da alcuni astronomi che hanno utilizzato l’interferometro radio Very Large Array (VLA). I risultati sono riportati su Astrophysical Journal. «E’ un fatto sorprendente e ci dice [...]

Welcome to Adobe GoLive 5

KIC 8462852, trovata la teoria: famiglia di comete ( a cura di Mauro Maestripieri ) KIC 8462852 è stata scoperta da Kepler Space Telescope nel 2009, è una stella situata tra Cigno e Lira e dista da noi 1500 A.L. è più calda, luminosa e massiva del nostro Sole. Ha subito incuriosito gli astronomi a causa delle sue variazioni di luce, profondissime e totalmente casuali, normalmente variazioni di questo tipo sono provocate dalla presenza, e dal transito, di [...]

Welcome to Adobe GoLive 5

Diluvio Universale su Saturno ( a cura di Mauro Maestripieri ) Veri e propri diluvi da Antico Testamento, sconvolgono la superficie di Saturno ogni 30 anni, sono abbondanti precipitazioni che si sviluppano a tutte le latitudini del pianeta, con una tempistica e frequenza naturale pressochè perfetta. Le osservazioni telescopiche hanno rilevato 6 tempeste nell’arco di 140, tra le più recenti annoveriamo quella del dicembre 2010, sull’emisfero settentrionale del [...]

Welcome to Adobe GoLive 5

Hubble si spinge oltre il suo limite ( a cura di Mauro Maestripieri ) Il telescopio spaziale Hubble si spinge fino ai limiti dell'universo più distante mai raggiunto, scopre la piccola e brillante galassia GN-z11, la più distante mai osservata, si trova a 13,4 miliardi di anni luce da noi, quindi temporalmente a soli 400 milioni di anni dopo il Big Bang, nella costellazione delll'Orsa Maggiore. Hubble quindi fa ancora un passo ulteriore nel passato del nostro [...]

Welcome to Adobe GoLive 5

Welcome to Adobe GoLive 5

Gli astronomi di Hubble hanno osservato uno dei più distanti quasar dell'universo e sono stati sorpresi da quel che non hanno visto: la galassia e le stelle che alimentano il buco nero! La migliore spiegazione può essere data dal fatto che le stelle stesse siano completamente nascoste da strati densi di polvere galattica, e se così fosse occorrerà attendere il James Webb Telescope per scoprire la galassia che contiene questo quasar. Le primissime galassie [...]

Welcome to Adobe GoLive 5

C’era una volta un pianeta . . . ( di Mauro Maestripieri ) Il pianeta, o i pianeti, che orbitavano attorno alla stella GD 61 avevano tutte le caratteristiche che cerchiamo in un pianeta affinchè sia adatto a ospitare la vita: superficie rocciosa e abbondante presenza di acqua. Purtroppo di quel pianeta, attorno a GD 61 a 150 A.L. da noi, restano solo frammenti sotto forma di asteroidi. A scovarli, tramite Hubble, sono stati J. Farihi dell’Università di [...]

Welcome to Adobe GoLive 5

MEDIA INAF 01/06/2012 Erano anni che lo cercavano, e finalmente gli scienziati che lavorano con il satellite ESA XMM-Newton sono riusciti a identificare un effetto “eco” in raggi X cap.85_filedell’emissione di energia dai nuclei galattici attivi, che potrebbe offrire una nuova via per studiare i buchi neri al centro di galassie lontane. Molte galassie hanno infatti, al centro, un buco nero di grande massa, che assorbe materia producendo una enorme emissione [...]