"Good choice!"

Piccola postilla al post di ieri: quando ho detto che ci sono rimasta male perché Marco aveva indovinato esattamente quello che avrei fatto, non intendevo "male" come "triste e depressa" ma come "esterrefatta da quanto mi conosce bene".
Probabilmente l'avevate capito, ma siccome la Fede aveva avuto questo disguido ho preferito precisare! Marcolino che oggi mi ha simpaticamente lanciato una borsa su una mano, facendomi anche discretamente male.
Ma pensate che mi abbia chiesto scusa? No, schiocchini, quello lo fanno le persone normali! Anzi, ha aggiunto "Eh, hai ragione, c'è gente che è morta per delle borse lanciate sulle mani! Dai, valà!" Tutto ciò mi ha fatta incazzare come una belva, cosa che ha portato come unico risultato il fatto che alla botta, che non era stata poi così tanto forte , si è aggiunto il male psicosomatico da incazzatura, e alla fine quando sono arrivata a casa ho dovuto metterci del ghiaccio! Ho capito che aveva male ad una mano , ma non c'era davvero bisogno di rendermi così partecipe di questo dolore! Parliamo d'altro, dai, che ho esaurito la vena polemica anche per oggi.
Allora, oggi ho pranzato a casa mia con le Baldins e l'Adele, perché siamo usciti da scuole due ore prima e avevamo il FCE alle due.
Abbiamo cazzeggiato, cercato di coccolare il Micetto, guardato le foto della mia scatola delle foto e letto le varie frasi che ho sull'armadio.
Sto facendo appassionare la Fede a Lemony Snicket! Prima o poi riuscirò a farli leggere tutti a qualcuno...
Poi siamo andare al FCE, appunto, e lì io e la Chiarina abbiamo avuto un meraviglioso momento di delirio.
Cioè, io deliravo, lei ormai si pisciava addosso.
Dovevamo fare la seconda parte della speaking, cioè confrontare le due foto che c'erano e parlarne un po'.
Teoricamente si avrebbe un minuto a disposizione, ma poiché era la prima volta l'insegnante ci ha dato più tempo.
Solo che io avevo già finito di parlare dopo pochissimo, allora ho cominciato a descrivere le foto nei minimi dettagli, arrivando a dire che nella seconda probabilmente il cameriere aveva consigliato un determinato piatto alla donna e lei aveva scelto quello, perché lui stava segnando qualcosa sul suo blocco con aria come a dire "Good choice, good choice!", mentre il figlio di lei la guardava come a dire "Mum, what the fuck are you doing?!".
Insomma, ho troppa fantasia, ma questo già si sapeva.
Per fortuna, aggiungerei, altrimenti come farei a trovare tali codici così gustosi?!

Leggi tutto l'articolo