'O specchio

'O specchio Co' ttanti 'mpicci e 'mbroji che cciavemo, c'è cquelo nato ar tempo der cucù, che quant'è vvecchio nun sapemo ppiù, eppuro basta u' llago e llo vedemo.
Lo sai che dde lo specchio sto a pparlà, 'sto fregno che mme mostra i cammiamenti e i guasti provocati da l'eventi, cor crésce de continuo de l'età.
Pe tte nun è ccosì, guardate a fonno: possibbile che nnu' lo sai capì che ttu sei la ppiù bbella de 'sto monno? Fatte 'n po' ccunnulà, mio bber Tesoro, che cciò 'n penziero che tte devo dì: tu' madr'ha ffatto 'n gran capolavoro! Note: Verso 1.
Impicci e imbroji = cose di ogni genere.
Verso 2.
Ar tempo de cucù = al tempo dei tempi, dei quali si è persa la memoria.
Verso 4.
Basta u' llago e llo vedemo = basta un lago per vederlo (per avere la stessa sensazione).
Il riferimento è evidentemente alla favola di Narciso, che si specchiò nell'acqua.
Verso 6.
Cammiamenti = cambiamenti.
Verso 12.
Cunnulà = cullare.
Valerio Sampieri 13 gennaio 2016

Leggi tutto l'articolo