'a... b... c... d...

In ogni rilettura riesco sempre a cogliere qualcosa di nuovo, un verso letto fugacemente a volte ti fa perdere il senso della poesia, ecco perché i grandi vanno sempre rivisitati.
I loro scritti diacronici nascondono sempre un nuovo insegnamento sfuggito ad una prima lettura.
Nu fugliett' 'e quaderno aggiu truvato ncopp' a nu marciapiede.
Pè capì che steva scritto me l'aggiu pigliato.
Lettere grosse e storte: A...
B...
C...
D...
Mille quaderne, mille guagliuncielle: scriven' eguale, 'o stesso, a chell'età.
Però quanno se fanno grussicielle, stu carattere eguale chi t' 'o dà? Nun capisco, se guastano p' 'a via, nun trovano cchiù pace...
ma pecché? Stùriano pè cagnà calligrafia e ognuno scrive cumme vò parè.
Ce hanno criato ' na manera sola, chi cagne è pè superbia, t'ho dich'j'...
'E guagliuncielle, quanno vann'a scola, scriveno tutte eguale: A...
B...
C...
D...
Eduardo de Filippo Ho trovato un foglio di quaderno sopra un marciapiede.
Me lo sono preso per capire cosa ci stava scritto.
Lettere grosse e storte: A… B… C… D… Mille quaderni, mille ragazzini: scrivono uguale, uguale, a quell’età.
Però quando diventano grandicelli, questo carattere uguale dove lo trovi? Non capisco, si guastano strada facendo, non trovano più pace … ma perché? Studiano per cambiar calligrafia e ognuno scrive come vuol sembrare.
Ci hanno creato in un modo solo, chi cambia è per superbia, te lo dico io … I ragazzini, quando vanno a scuola, scrivono tutti uguale...
A… B… C… D…”.

Leggi tutto l'articolo