( a.m) BUON 25 APRILE

LA BADOGLIEIDE  O Badoglio, o Pietro Badoglio/ ingrassato dal Fascio Littorio,/ col tuo degno compare Vittorio/ ci hai già rotto abbastanza i coglion.
T’ l’as mai dit parei,/ t’ l’as mail dit parei,/ t’ l’as mai dit, t’ l’as mai fait,/ t’ l’as mai dit parei,/ t’ l’as mai dilu: sì sì/ t’ l’as falu: no no/ tutto questo salvarti non può.
Ti ricordi quand’eri fascista/ e facevi il saluto romano/ ed al Duce stringevi la mano?/ sei davvero un gran porcaccion.
T’ l’as mai dit parei,/… Ti ricordi l’impresa d’Etiopia/ e il ducato di Addis Abeba?/ meritavi di prendere l’ameba/ ed invece facevi i milion.           T’ l’as mai dit parei,/… Ti ricordi la guerra di Francia/ che l’Italia copriva d’infamia?/ ma tu intanto prendevi la mancia e col Duce facevi ispezion.
T’ l’as mai dit parei,/… Ti ricordi la guerra di Grecia/ e i soldati mandati al macello,/ e tu allora per farti più bello/ rassegnavi le tue dimission? T’ l’as mai dit parei,/… A Grazzano giocavi alle bocce/ mentre in Russia crepavan gli alpini,/ ma che importa ci sono i quattrini/ e si aspetta la grande occasion.
T’ l’as mai dit parei,/… L’occasione è arrivata/ è arrivata alla fine di luglio/ ed allor,  per domare il subbuglio,/ ti mettevi a fare il dittator.
T’ l’as mai dit parei,/… Gli squadristi li hai richiamati,/ gli antifascisti li hai messi in galera,/ la camicia non era più nera/ ma il fascismo restava il padron.
 T’ l’as mai dit parei,/… Era tuo quell’Adami Rossi/ che a Torino sparava ai borghesi;/ se durava ancora due mesi/ tutti quanti facevi ammazzar.
T’ l’as mai dit parei,/… Mentre tu sull’amor di Petacci/ t’affannavi a dar fiato alle trombe,/ sull’Italia calavan le bombe/ e Vittorio calava i calzon.
T’ l’as mai dit parei,/… I calzoni li hai calati/ anche tu nello stesso momento,/ ti credevi di fare un portento/ ed invece facevi pietà.
T’ l’as mai dit parei,/… Ti ricordi la fuga ingloriosa/ con il re, verso terre sicure?/Siete proprio due sporche figure/meritate la fucilazion.
T’ l’as mai dit parei,/… Noi crepiamo sui monti d’Italia/ mentre voi ve ne state tranquilli,/ ma non crederci tanto imbecilli/ di lasciarci di nuovo fregar.
T’ l’as mai dit parei,/… No, per quante moine facciate/ state certi, più non vi vogliamo,/ dillo pure a quel gran ciarlatano/ che sul trono vorrebbe restar.
T’ l’as mai dit parei,/… Se Benito ci ha rotto le tasche/ tu, Badoglio, ci hai rotto i coglioni;/ pei fascisti e pei vecchi [...]

Leggi tutto l'articolo