(CRSP/08/0404) – Salernitana 1919: Cresce l’attesa per l’esordio in campionato dei granata – In allegato il videoclip tra Sport e Spettacolo: I Promessi Sposi – 14 – Lucia e Renzo si rifugiano in chiesa

AGGIORNAMENTO          Ippocampo Salernitana 1919 Ritorna sulle magliette l’agognato ippocampo per rinsaldare una "fede" che dura da 90 anni – Ancora due giorni e poi finalmente si comincia, in città ed in provincia, infatti, cresce l’attesa dei tifosi per vedere all’opera la Salernitana di Brini, sebbene priva dei suoi due elementi cardine, vale a dire Cozza e Merino.
Il calendario ha scelto quale avversario il Frosinone di mister Moriero e degli ex Mazzeo e Cariello, una compagine da non sottovalutare affatto, anzi il trainer granata sta catechizzando a dovere i suoi ragazzi proprio in merito alle insidie di questo incontro.
L’anno scorso, a dire il vero, andò benissimo per i colori granata che superarono i ciociari sia all’andata che al ritorno, conquistando i sei punti in palio, che poi alla fine del campionato risultarono determinanti ai fini della salvezza, purtroppo nel calcio non è possibile fare dietrologia ed appellarsi ai corsi e ricorsi storici, Moriero e d i suoi ragazzi arrivano all’Arechi con lo scopo precipuo di portar via un risultato utile.
Per fortuna la grande esperienza di mister Brini mette tutti al riparo da facili entusiasmi, contro Sicignano e Santoruvo bisognerà sudare le fatidiche sette camicie e sfoderare una prestazione di altissimo livello se si vogliono ottenere i primi, importantissimi tre punti della stagione, un modo indispensabile per iniziare con il piede giusto un campionato che si presenta ancora più difficile e logorante.
Il tecnico di Porto Sant’Elpidio è alle prese con le non perfette condizioni fisiche di Fusco e Carcuro, anche se per il capitano non dovrebbero esserci troppi problemi circa la sua presenza in campo venerdì, per l’ex Crotone, invece, esiste il pericolo di un forzato forfait, il problema muscolare e tendineo al quadricipite è di quelli che hanno bisogno di un lasso di tempo medio – lungo per la guarigione.
Solo un problema di transfert, invece, per il carioca Machado, rimasto fermo ai box nella Tim Cup proprio per questi fastidiosi intoppi burocratici, ma si spera che tutto possa risolversi tra oggi e domani, con grande sospiro di sollievo per il trainer granata.
Ovviamente Brini sta provando tutte le soluzioni idonee per mandare in campo la migliore formazione, ma soprattutto scegliere il modulo tattico più consono per mettere in difficoltà l’avversario di turno, non è da escludere, quindi, neanche un 3 5 2, sperimentato contro il Napoli, così come potrebbe optare per il suo “preferito” 4 2 3 1, ma potrebbe anche non correre [...]

Leggi tutto l'articolo