Panel e rilevazioni quotidiane per conoscere l'utente del web

Audiweb ha presentato il nuovo sistema per monitorare l'audience dei siti internet di GABRIELE DI MATTEO Via: Repubblica.it Dal 9 aprile sapremo in tempo reale quali sono le performance dei principali siti e portali italiani: come per la tv, potremo controllare quanto un video in esclusiva ha fatto crescere le pagine ?consumate?, nelle 24 ore precedenti, da chi va su Virgilio; se una notizia ha fatto aumentare i visitatori di Repubblica.it più di quelli del Corriere.it; se uno spezzone di Viva Rai 2 ha avuto più successo di una mini-inchiesta di Striscia la notizia.
Insomma, grazie al nuovo Audiweb, anche le audience di Internet sono finalmente confrontabili giorno per giorno, ora per ora, come da tempo avviene con l'Auditel televisiva.
Gli utenti Internet e le loro attività ondine vengono misurati e i relativi numeri resi pubblici a seguito dell'accordo tra undici grandi editori (tra cui il Gruppo Espresso che edita Repubblica.it) e con il contributo tecnico di Nielsen Online.
Il nuovo sistema Audiweb, presentato a Milano dal presidente Enrico Gasperini, si basa su una ricerca di base fornita da Doxa che bilancia e pondera i dati forniti dal conto puntuale - pagina per pagina, browser per browser delle rilevazioni censuarie e dal monitoraggio del panel (Netview) messo a punto Nielsen, che applica gli stessi criteri di rilevazione nei mercati più importanti del mondo.
D'ora in poi, anzi, Nielsen Netview si trasformerà in Audiweb Panel.
Il risultato della fusione di questi dati è il cosiddetto ?nastro di pianificazione? che consente agli investitori pubblicitari di organizzare al meglio le campagne: le aziende inserzioniste potranno presto investire in comunicazione riducendo al minimo la dispersione del messaggio.
"Se guardando la televisione qualcuno si alza durante la pubblicità per andare a prendersi una birra in frigo, Auditel dice che quel signore stava guardando gli spot.
Con Internet questa dispersione dell'audience non c'è.
O l'utente clicca il sito, il banner pubblicitario, la foto, oppure la sua presenza non viene rilevata dalla rete".
Riflette così il pubblicitario milanese davanti allo sviluppo sempre più innovativo del web.
E Audiweb consentirà finalmente al mercato di poter disporre di una serie di dati omogenei e trasparenti per sfruttare tutte le potenzialità di un mezzo di massa come oggi è Internet", entra nel merito Gasperini.
In effetti, la partita della pubblicità digitale si sta facendo sempre più rilevante: in Inghilterra l'Interactive Advertising Bureau valuta in 2,75 miliardi di [...]

Leggi tutto l'articolo