[Il primo Capo di Stato che parla ha fatto l'uovo]

Il primo Capo di Stato che parla ha fatto l'uovo Il primo Capo di Stato che parla ha fatto l'uovo - Marco Travaglio (39:00) I vostri video su: "Il primo Capo di Stato ch ..." (10) Invia il tuo video Napolitano dorme il popolo ins ...
Antonio ingroia parte 2 - i ma ...
Art.74 costituzione repubblica ...
Minzolini:immunità parlamentar ...
Guarda tutte le puntate di Passaparola - Diventa fan di Passaparola su Facebook Sommario della puntata: Ciampi conferma: il Presidente della Repubblica può non firmare Messaggio a nuora perché Napolitano intenda Sparapalle di governo Ci stanno prendendo per il culo Testo: "Buongiorno a tutti.
La giornata si apre con una bella intervista di Carlo Azeglio Ciampi a Repubblica, di cui però Repubblica, curiosamente, attutisce un po’ il peso, perché quest’intervista va tutta addosso all’attuale capo dello Stato, Giorgio Napolitano, e chi l’ha rilasciata a Massimo Giannini? Il precedente capo dello Stato, Carlo Azeglio Ciampi.
Ciampi conferma: il Presidente della Repubblica può non firmare Adesso vi leggo questo passaggio e mi dite se vi viene in mente qualcosa: “ le riforme si fanno per i cittadini e non per i singoli, l’ho sempre pensato e oggi ne sono più che mai convinto: basta con le leggi ad personam, che non risolvono i problemi della gente e non aiutano il Paese a migliorare” e va beh, fin qua ci sono arrivati in tanti.
Poi aggiunge, Ciampi, che è Senatore a vita e è il Presidente della Repubblica dal 99 al 2006 e che, quindi, di quelle leggi non per i cittadini ma per uno o per i suoi complici ne ha viste parecchie e qualcuna l’ha respinta: ricorderete che Ciampi respinse al mittente la Legge Gasparri numero uno, respinse al mittente l’ordinamento giudiziario Castelli, respinse al mittente la Legge Pecorella, quella che aboliva l’appello del Pubblico Ministero ma non dell’imputato e poi qualche altra frattaglia, ma insomma le cose più importanti furono quelle, quelle ad aziendam e ad Benlusconem o ad Berlusconum sono quelle tre lì, che lui ha respinto.
Purtroppo non respinse la “ legge salva Rete Quattro”, anzi il decreto salva Rete Quattro, che portava la firma di Berlusconi, ossia di colui che beneficiava del decreto che salvava Rete Quattro perché altrimenti, entro una settimana - era il dicembre, il Natale del 2003 - secondo la sentenza della Corte Costituzionale Rete Quattro avrebbe dovuto essere spenta sull’analogico terrestre e mandata su satellite oppure, per rimanere accesa sull’analogico, avrebbe dovuto cambiare padrone, cioè essere [...]

Leggi tutto l'articolo