“Garante per le persone con disabilità”: approvata questa mattina la proposta di Anna Nuzziello

“Garante per le persone con disabilità”: approvata questa mattina la proposta di Anna Nuzziello venerdì 20 marzo 2015 ore 15:38 E’ stata approvata all’unanimità durante la seduta della Terza Commissione consiliare, la proposta di legge a firma della consigliera Anna Nuzziello “Modifiche e integrazioni alla legge regionale n.
19/2006” che istituisce la figura del “Garante per le persone con disabilità” nel territorio della Regione Puglia.
Dopo il convinto assenso della Terza Commissione, dunque, la norma sarà discussa, al fine della sua approvazione definitiva, nel Consiglio regionale convocato per i prossimi 26 e 27 marzo.
La consigliera Anna Nuzziello, allora, esprime soddisfazione per questo positivo risultato, ottenuto alla presenza dell’assessore regionale alla Sanità, Donato Pentassuglia, del presidente Maurizio Friolo e di tutti i colleghi della Terza Commissione, che ringrazia per “la disponibilità, il buon senso e la sensibilità mostrati nel sostenere una legge che garantirà l’affermazione del pieno rispetto della dignità, della libertà e dell’autonomia della persona con disabilità, promuovendone, al contempo, una totale integrazione nella famiglia, nella scuola, nel lavoro, nella società.
Una normativa – conclude Anna Nuzziello – che assicurerà su tutto il territorio regionale pugliese la piena attuazione dei diritti inalienabili che spettano alle persone con disabilità ai sensi della legge di Stato n.
104 del 1992 e della Convenzione Onu”.
L’Ufficio del Garante  ha, dunque, come obiettivi principali l’ascolto del cittadino, la coesione, l’interazione, il coordinamento con le istituzioni e le associazioni presenti sul territorio, gli interventi mirati a segnalare disfunzioni, irregolarità, scorrettezze e prassi amministrative anomale e quindi atti all’ applicazione e all’efficacia delle norme esistenti.
In più il monitoraggio, l’informazione e la sensibilizzazione per aree di intervento rivolte all’abbattimento delle barriere architettoniche e delle discriminazioni sociali.
 

Leggi tutto l'articolo