È in fin di vita, ma hanno voglia di insultarlo, il suo grido di dolore non morirà mai - Migranti, Andrea Camilleri: NON IN NOME MIO – Io mi rifiuto di essere complice di questa volgarità nazista…

 

 
.
.
seguiteci sulla pagina Facebook Curiosity 
.
.
È in fin di vita, ma hanno voglia di insultarlo, il suo grido di dolore non morirà mai - Migranti, Andrea Camilleri: NON IN NOME MIO – Io mi rifiuto di essere complice di questa volgarità nazista…
"Ci tengo da cittadino italiano, a dire questa frase: Non in nome mio". Così lo scrittore Andrea Camilleri è intervenuto commentando lo sgombero avvenuto a Castelnuovo di Porto di una comunità di 540 migranti, definendolo "persecutorio, cioè a dire che stiamo entrando in un regime di violenza e di prepotenza". Camilleri ha anche sottolineato la necessità di "tenere aperti i porti a tutti, mai chiusi, mentre si perseguitano anche coloro che ormai sono italiani perfettamente integrati. Questa è un'ossessione, rendetevene conto. Mi rifiuto di essere un cittadino italiano complice di questa nazista volgarità".
A. Camilleri
https://www.youtube.com/watch?v=REKXvV1gD2g
Andrea Camilleri, in un video inviato a Fanpage.it, ha commentato l...

Leggi tutto l'articolo