É morto Demis Roussos, la mitica voce degli Aphrodite's Child

Il cantante e bassista greco Demis Roussos è morto all'età di 69 anni.
La notizia, che in un primo momento era stata smentita dal suo portavoce, è stata infine confermata dalla figlia dell'artista, Emily, sentita dal Figaro.
La scomparsa è avvenuta ieri ma è stata resa pubblica solo questa mattina su Twitter dal giornalista Nikos Aliagas.
Demis Roussos - all'anagrafe Artemios Ventouris Demis Roussos - era nato ad Alessandria d'Egitto il 15 giugno 1946.
Con la sua voce dalla timbrica calda e dalla notevole estensione, era riuscito a fondere la tradizione del canto ellenico con le esigenze melodiche del pop di consumo, attraversando generi musicali disparati, dalle esperienze artisticamente coraggiose del rock progressivo - gli Aphrodite's Child del doppio album 666 del 1972, un disco cult del prog internazionale - alla disco music.  Nato in Egitto da una famiglia greca, Roussos era tornato nel suo paese di origine dopo la Crisi di Suez del 1956.
Ancora ragazzino aveva studiato il solfeggio, la chitarra e la tromba, ma il suo primo strumento fu sempre la voce, tanto da imporlo come solista nel coro della chiesa bizantina di Alessandria d'Egitto.

Leggi tutto l'articolo