Śamatha: la meditazione di calma, Vipaśyana: lo stato di analisi intuitivo#2

 Occore meditare su entrambe  Śamatha e Vipaśyana?
Questo varia dalle scuole che si seguono.
Per la pratica che a me è stata insegnata occorre meditare su entrambe Śamatha e Vipaśyana, non è sufficiente praticarle separatamente.
Se attraverso l’indagine, il discernimento, il domandarsi  (Vipaśyana ) facciamo esperienza di un significa profondo ma non siamo sostenuti dalla saggezza (prajna) che nasce da una pratica che porta la mente ad essere stabile e concentrata (Śamatha), sarà impossibile sostenere e mantenere la pratica profonda di Vipaśyana.
D’altra parte se si fa esperienza di Śamatha, cioè di una mente concentrata, stabile, in pace, ma se questa esperienza non è sostenuta dalla pratica della visione intuitiva di Vipaśyana sarà impossibile comprendere gli aspetti profondi dell’esperienza e si resterà intrappolati nella rete di sensazioni dovute allo stato di cui si fa esperienza, non vedendo, non accorgendosi del significato che è emerso e che quindi resterà nascosto e a noi est...

Leggi tutto l'articolo