“PIAZZA SAN MARCO … IN FILIGRANA.”

“Una curiosità veneziana per volta.” – n.
84.
  “PIAZZA SAN MARCO … IN FILIGRANA.”   “E che diamine ! … Per chi ci prendi ? … San Marco è San Marco ! … Sappiamo tutti che cos’è, com’è, dov’è … Che ci sarà mai da aggiungere ?” mi direte un po infastiditi, “E’ da secoli e secoli che fiumane di gente di ogni razza si catapulta lì da tutto il mondo per ammirare la bella Piazza che è il “salotto buono” di casa nostra, e il cuore fascinoso della nostra città galleggiante e lagunare.
Basta citarla soltanto, che subito nella mente di molti si accenderà in successione la mirabile visione delle vedute con cui Canaletto, Marieschi, Guardi, Bellotto e Bellini l’hanno ritratta … Subito penseremo all’insieme plastico e familiare della Basilica col Campanile, il Palazzo Ducale e tutto il resto ritratti mille volte in ogni dettaglio da infiniti disegni e fotografie ...
Chi vuoi che non ricordi Piazza San Marco con la famosa scritta “Coca Cola” realizzata concentrando i colombi ? … o chi non ha mai visto la grande “Rosa Rossa” vista dall’alto nella celebre Piazza, composta da un nugolo di persone associate e compattate insieme ? Dai ! Che vuoi aggiungere ? … San Marco è San Marco ! La Piazza calcata da Re, Papi e Imperatori … Quel formidabile gruppo chiuso dentro al rettangolo delle Procuratie, con la Torre dell’Orologio dei Mori, la Loggetta ai piedi del Campanile, la Biblioteca Marciana con la Zecca, il Ponte dei Sospiri, la Piazzetta con I Leoncini … E’ tutto quello insomma: la Piazza delle Piazze ! … Tutte cose che conosciamo bene e sappiamo già.”   Vero ! Avete ragione: è la Piazza special di Venezia, anzi: la“Piazza” per antonomasia, perchè l’unica in quanto tutte le altre pur essendo a volte ampie, non sono piazze, bensì solo: Campi, Campielli o piccole Corti … e anche questo lo sapete già.
Su di un posto e tema del genere esistono già intere biblioteche e volumi ricchissimi, grossi “così”, dedicati a volte a uno solo dei dettagli di quel formidabile complesso monumentale.
Su San Marco si è già detto tutto e di più, “in tutte le salse” e per tutte le occasioni, che potrò mai aggiungere ? Niente.
Volevo solo ricordare di un ometto che ogni tanto, soprattutto con la bella stagione, ma a volte anche col freddo e la nebbia, si reca di mattina presto proprio lì, proprio in Piazza San Marco.
Rimane poi lì in solitudine, perchè gli piace moltissimo“stare” dentro a quella Piazza deserta che sente profondamente sua come [...]

Leggi tutto l'articolo