“SUORE, MONACHE … DONNE RADICATE E IMPRIGIONATE IN LAGUNA.”

 “Una curiosità veneziana per volta.” – n° 108.
  “SUORE, MONACHE … DONNE RADICATE E IMPRIGIONATE IN LAGUNA.”   Un tramonto nella Laguna di Venezia per quanto struggente e magico non vale nulla se non c’è qualcuno in grado di gustarlo e vederlo.
In Laguna ne accadono a milioni … ma non sempre sanno suscitare quell’armonia e quella poesia che sono capaci d’indurre … Possono esserci occhi “spenti” che non li vedono … persone “rivoltate in se stesse” che vivono dentro a uno spesso velo di tristezza e angustia che impedisce loro di gustarsi gli altri e il resto del vivere.
Insomma: se un bel tramonto non ha qualcuno che lo guarda, lo gode e apprezza è come se non esistesse.
Che sia chiaro fin da subito: io alle Suore devo molto, anzi: moltissimo, perché ho trascorso in maniera assidua gran parte della mia prima infanzia in loro compagnia, e da loro ho imparato tantissimo.
Potrei dire perfino che da loro prima che dalla mia famiglia ho imparato certi valori, e che è meglio essere buoni, pazienti, obbedienti e gentili … oltre che industriosi, anche se per riuscire in questa impresa serve attraversare il famoso mare che c’è di mezzo fra “il dire e il fare”.
Sembrerà paradossale per quanto andrò dicendo, ma sempre dalle Suore ho imparato che nella vita serve possedere un po’ di passione … Sì proprio quella di cui forse le Suore erano carenti, o a cui avevano spesso rinunciato … ma certe ce l’avevano dentro accesa, come un fuoco incoercibile mai spento … e si vedeva, si sentiva … ci si scaldava e illuminava con quel fuoco interiore un po’ nascosto e quasi ufficialmente congelato.
In alcune di loro il fuoco della Carità e dell’amore fraterno mi è capitato d’incontrarlo e riconoscerlo per davvero … e questo glielo devo a merito e stima che rimarrà per sempre.
L’indimenticabile Albino Luciani tragicamente scomparso e forse eliminato “frettolosamente” dal nostro contesto umano e storico ci ripeteva spesso: “Le Suore sono industriose come le Api, sono bravissime, mai dome … ma guai a contraddirle ! …  perché ti pungono e avvelenano !” Aveva perfettamente ragione.
“Le Suore sono donne due volte.” diceva ancora: “Uno perché sono effettivamente donne come tutte le altre, secondo perché incarnano una tenacia e una determinazione supplementare tipica delle Suore che le rende ancor più ricche di vitalità e ne esalta ulteriormente le doti femminili e umane.”   Vero anche questo … Era un vero intenditore Albino Luciani, la [...]

Leggi tutto l'articolo