" La Partita Di Como..per Stefano Borgonovo"

Articolo Tratto Da www.localport.it Como-Canavese: un pareggio nella giornata di Stefano Borgonovo A cura di Federico Bona Il risultato finale, ieri a Como, era un fattore secondario.
E non per lo scarso valore del match che vedeva opposti i padroni di casa al Canavese, ma perché sugli spalti, ad assistere alla partita, c’era Stefano Borgonovo, l’ex centravanti di i Como, Milan, Fiorentina, Udinese e Pescara colpito dalla Sclerosi laterale amiotrofica (Sla), malattia che lo costringe a vivere paralizzato su una sedia a rotelle.
L’intero incasso del match è stato devoluto alla “Fondazione Borgonovo” che cerca di combattere questa subdola e (per ora) inguaribile patologia che sembra accanirsi particolarmente nei confronti degli ex calciatori.
Con la moglie Chantal e le due figlie, Borgonovo è stato accompagnato sotto la curva dei tifosi azzurri, poi ha incontrato gli amici: Rino Marchesi ed Emiliano Mondonico, suoi allenatori al tempo del Como; poi tanti calciatori: Vierchowod, Fontolan, Annoni, Todesco, Mannini, Braglia, fino a Dan Corneliusson, suo compagno di reparto nel Como, arrivato apposta dalla Svezia.
In campo, Como e Canavese si sono dati battaglia, onorando la “partita della solidariet”.
I padroni di casa erano in formazione rimaneggiata per via degli infortuni e delle squalifiche, ma sono riusciti a protarsi in vantaggio già al 5’ grazie ad uno schema preciso su palla ferma: pennellata in area dalla sinistra per l’incornata improvvisa di Oscar Brevi e palla nell’angolo alla destra di Pozzato.
Dopo la rete del vantaggio, i padroni di casa si fanno ancora vedere davanti alla porta blaugrana fin verso la mezz’ora di gioco, poi lasciano spazio alle iniziative del Canavese, che al 34’ trova il gol del pareggio: Federici sorprende Boschi e Brevi e si presenta solo davanti a Malatesta e lo supera con un rasoterra angolato.
Nel finale del primo tempo il Canavese si fa ancora pericoloso, con Ottonello, ma non succede più nulla di significativo fgino all’intervallo.
Nella ripresa il ritmo cala, il Canavese gestisce il gioco a centrocampo e il Como stenta a entrare nell’area avversaria.
Quando ci riesce, mettendo due volte la palla alle spalle di Pozzato, l’arbitro e i suoi collaboratori annullano per fuorigioco.
Da parte loro, i Blaugrana gestiscono al meglio la partita per portare a casa un punto.
E ci riescono.
Questa foto non dovrebbe far parte delle immagini che ricordano Stefano Borgonovo, ma la realta' tragica è in questo volto.  C'è un solo modo per aiutare Lui e, chi come lui [...]

Leggi tutto l'articolo