... l'Arcimorlupese risponde al post "La storia di Morlupo sta morendo"

da L’Arcimorlupese (post di presentazione del 23 gennaio) ricevo e, volentieri, pubblico ____________________________________________________________________________ Caro Tonino, con un po' di ritardo rispondo al tuo post "La storia di Morlupo sta morendo".
Proprio per non farla morire sto lavorando, Ti mando alcune pagine introduttive al lavoro.
    (...) vedere da vicino la nostra storia.
La storia fatta dai nostri nonni e dai nostri padri.
Per questo abbiamo delimitato la ricerca entro uno spazio ben preciso: 1870 – 1945.
E di questo periodo abbiamo privilegiato un discorso che chiameremmo istituzionale.
Cioè, ci siamo soffermati a raccogliere le notizie riguardanti la costruzione di Morlupo come Ente Locale, le sue strutture costitutive e amministrative, le personalità – molto poche, anzi, pochissime – che hanno gettato le basi di Morlupo come società pubblica e civile.
Delle personalità vedremo la loro filosofia, che cosa dicevano, che cosa hanno fatto ed anche che cosa  non hanno fatto per Morlupo.
Non c’è più il Papa, non  c’è più il Signore, Barone o Principe che sia, e nemmeno il loro rappresentante.
I Morlupesi possono scegliere chi li comanda.
Ovviamente sempre nell’ambito delle leggi.
Perché se non c’è più il Papa, se non c’è più il Barone o Principe,  c’è il Re, lo Stato.  L’esercizio dei diritti politici e amministrativi sono regolati dalla legge elettorale.
Per una certa idiosincrasia abbiamo dato poco rilievo alle questioni di carattere economico e finanziario, pur riconoscendo l’importanza di esse per la soluzione dei problemi amministrativi e per favorire pianificazioni e progettazioni tese a migliorare la qualità della vita degli amministrati.
Ci sono parse finanze molto magre quelle di cui potevano disporre gli amministratori.
E non poteva essere altrimenti per un Comune la cui popolazione era formata per l’80 per cento da poveri ! Avremo modo di documentare i pochi possidenti o persone ricche di Morlupo.
Le Fonti ce ne tramandano qualche elenco.
Riteniamo comunque che anche l’argomento - finanze non sia indifferente nella storia del nostro paese.
Ma lo lasciamo ad altri studiosi più inclini ai calcoli e alle percentuali, più familiari con i bilanci, con le entrate e le uscite, e quant’altro.
Fanno da contorno a questo aspetto fondamentale del nostro lavoro alcuni argomenti di interesse generale.
Come la storia piuttosto strana del convento dei Frati Francescani,  come  la perdita,  anzi, l’assurdo  rifiuto di diventare padroni di tutto il [...]

Leggi tutto l'articolo