08.03.2011 -546ª Sartiglia di Oristano.

Ancora una Sartiglia da record.
E' stata premiata la strategia del capocorsa del gremio dei Falegnami, Andrea Zucca, che ha anticipato i tempi, consentendo così l'effettuazione di più di 90 discese.
Sono state colte 28 stelle, delle quali 6 d'oro.
La prima di queste ultime proprio da "Su Componidori".
C'è stata gloria un po' per tutti.
Anche se il mio amico non è riuscito a cogliere la stella.
Ma lui, più che per coglierla o centrarla, parte sempre per distruggerla.
Ed ora passo a raccontarvi la Sartiglia così come l'ho vissuta io, lasciando ad altri i numeri ed i resoconti minuziosi.
Speravo di poter vedere le discese insieme ai miei soliti amici.
Che invece sono venuti a trovarmi sulla lizza, ma non si sono potuti trattenere molto.
La giornata è stata comunque molto piacevole.
Grazie anche alla compagnia della "Vernaccia alla stella".
E cioè un gruppo di simpatici amici che hanno animato la Sartiglia con la loro allegria, i loro cori e qualche sorso di vernaccia.
Alla fine, questi supertifosi della Sartiglia hanno contagiato proprio tutti.
Anzichè lanciare petardi, hanno preferito attentare all'equilibrio psico-fisico dei presenti, inclusi fotografi e cameramen, a suon di bicchierini di vernaccia.
A tutto ciò hanno indubbiamente contribuito la pioggia di stelle e le relative premiazioni, che sono state occasione di allegri brindisi.
Ma senza eccessi di sorta.
Dopo Sa Remada, mentre il pubblico defluiva ordinatamente verso via Mazzini per assistere alla corsa delle pariglie, io e la compagnia della Vernaccia alla Stella ci siamo salutati.
Questa è stata la mia Sartiglia di quest'anno.
Non me ne sarei potuto augurare una migliore.
Grazie a tutti e, ... "Attrus annus mellus". 

Leggi tutto l'articolo