100 anni Montecitorio, applausi per Fico che ricorda Matteotti

Roma, (askanews) - Celebrare i 100 anni dell'Aula di Montecitorio per ricordare la storia, a volte difficile, della democrazia italiana: è l'obiettivo della cerimonia tenutasi alla Camera dei Deputati, il cui presidente Roberto Fico è stato salutato da un lungo applauso di tutto l'emiciclo quando ha ricordato Giacomo Matteotti, il deputato socialista assassinato da sicari fascisti pochi giorni dopo aver denunciato il malaffare e i brogli del nascente regime.
"Non è stato sempre un cammino facile quello dell'aula nei suoi cent'anni di storia - ha detto Fico - ed è importante ripercorrere le tappe principali di questo cammino, non solo per celebrare l'anniversario di oggi ma per ricordare a tutti noi quanti sacrifici sono stati necessari per affermare e rendere salda la nostra democrazia".
"In quest'aula il 30 maggio 1924 è risuonata per l'ultima volta la voce coraggiosa di Giacomo Matteotti.
Qui nella prima riunione dell'Assemblea Costituente il 25 giugno 1946, il presidente provvisorio Vittorio Emanuele Orlando ricordò che 'in questa assemblea il popolo italiano è sovrano, ma anche il solo sovrano, l'arbitro assoluto delle decisioni del proprio destino.
E lo fece davanti ai deputati e le deputate che per la prima volta erano stati eletti non solo dagli uomini ma anche dalle donne".
Qui il 22 dicembre del 1947 fu annunciata dal presidente dell'Assemblea costituente Umberto Terracini, la definitiva approvazione della Costituzione della Repubblica, che sarebbe entrata in vigore il primo gennaio successivo ovvero 70 anni fa".

Leggi tutto l'articolo