12 Giugno - Giornata Mondiale Contro il Lavoro dei Minori

Il 12 giugno è stata celebrata la Giornata Mondiale contro il Lavoro Minorile.
Sono 165 milioni i bambini di età compresa tra 5 e 14 anni che lavorano, ovvero uno su sette, 74 milioni dei quali sono impegnati in attività pericolose.
Una piaga che non risparmia neanche i Paesi industrializzati, nei quali sono presenti 2 milioni e mezzo di bambini lavoratori.
E’ quanto emerge dall’ultimo rapporto dell’ILO (Organizzazione Internazionale del Lavoro) che promuove oggi, come ogni 12 giugno, la “Giornata mondiale contro il lavoro minorile”.
Il numero dei minorenni sfruttati è ancora più elevato e sale a 218 milioni se si considera la fascia d’età 5-17 anni.
Mentre sono 72 milioni i bambini in età da scuola primaria non scolarizzati.
La maggior parte dei bambini lavoratori vengono impiegati in agricoltura (il 70%), piuttosto che nei servizi (il 22%) o nell'industria (il 9%).
Secondo l’ILO, i minori lavoratori sono diminuiti,tra il 2000 e il 2004 dell’11% in media e del 26% nel settore dei lavori pericolosi.
Per ridurre il fenomeno del lavoro minorile, secondo l'organizzazione, è fondamentale estendere l'accesso a un'istruzione gratuita e obbligatoria: ogni anno supplementare di scuola, fino a 14 anni, dà la possibilità di un reddito annuale futuro più elevato dell'11%.

Leggi tutto l'articolo