12 ore a Milano... dal brunch sui navigli alla musica del Casablanca

Ho iniziato la mia giornata a Milano così...con un fiore caldo e luminoso come il sole, come il preannuncio del giorno di primavera.Infatti questa è la cronistoria semiseria di 12 ore passate domenica a Milano con Mangiaportolano.Era un pò di tempo che ci si doveva rivedere, ma io al solito dico, ci mettiamo d'accordo, ci sentiamo, si poi vediamo...
perchè fondamentalmente sono una pigra iniziale, poi una volta che mi sono messa in moto non mi ferma più nessuno...
ma è difficile smuovermi.Bhe alla fine mi sono smossa!Sappiate che sono stata capace di perdermi, anche se la strada era facilissima, ma se non ho indicazioni scritte per me i destra e sinistra (non sono mica razzista) hanno lo stesso valore, e visto che Mangiaportolano doveva scrivermi una mail con le indicazioni e non l'ha fatto..
è più che naturale che l'indicazione verbale destra ponte a sinistra, sia diventato destra ponte a destra per me!Comunque alla fine cè l'ho fatta e sono arrivata, grazie anche al mio navigatore satellitare...
la voce di Andrea al cellulare!Parcheggiato la mia auto, siamo andati alla sua è....
non un amore!? Il fiore luminoso che vedete in alto era in auto per me (Strider impara!).
Sarà che non sono abituata a ricevere fiori, sarà che è stata una sorpresa, ma la cosa mi ha davvero colpita è un gesto che non tutti fanno.Con sorriso stampato sul volto, a quel punto ci siamo avviati ai Navigli per mangiare qualcosa, è così ho fatto il primo brunch della mia vita posto carinissimo, mangiato con gusto.
Durante il brunch (ma quanto mi piace questa parola!) abbiamo chiaccherato di tutto e di più, sparlato di alcuni blogger (un nome...
Strider! Un'altro nome?...
Ramingo!) riso e scherzato.Terminato il brunch, ci avviamo verso la cassa e nonostante io abbia insistito molto, Mangiaportolano non ha voluto che io pagassi nulla (impara Strider!), anzi carta di credito alla mano (nessun ho perso il portafoglio, nessun ho solo la tessera del GS) ha pagato.Sempre chiaccherando e ridendo ci siamo fatti i Navigli, c'erano le bancarelle dell'antiquariato e quelle che vendono tutte quei monili luccicosi che mi fanno impazzire.
Alla fine qualcosa mi sono comprata.
Ho chiaccherato talmente tanto, che alla fine avevo la bocca asciutta e mangiaportolano la testa confusa! Avevo bisogno di bere e ci siamo seduti a prendere qualcosa.
Ragazzi ma a Milano bisogna avere un stipendio da milardiari!!??? Due spremute normalissime ben 14 euriiiiiiiiiiiiiiiii....
ma sono andati a raccoglierle direttamente?Va bhe...
però stavolta mi sono impuntata [...]

Leggi tutto l'articolo