15-10-2013: Corso di Lingua sarda a Serrenti

Serrenti – Corso di Lingua sardaPRIMO INCONTRO DEL l 5/10//2013Ottone Bacaredda.
Nasce a Cagliari nel 1849 e vi muore nel 1921.
Deputato al Parlamento e per molti anni sindaco di Cagliari, la sua produzione sardo-campidanese doveva essere molto vasta ma a noi è rimasta solo qualche sonetto.
Personaggio da leggenda – si ricordano ancora is tempus de Bacaredda – a lui si attribuisce l’apoftegma candu non poteis pappai pezza pappai pisci, Ma ecco il sonetto chi ci interessa maggiormente, in cui il reazionario Bacaredda, pur senza fiele e senza cattiveria mette alla berlina una grottesca sommossa rivoluzionaria del popolo cagliaritano arrosciu de suffriri,. SA RIVOLUZIONIDe terraprenu a sa Prazza ’e su trigu 26est tottu sa zittadi avvolotara;s’intendit un’ammuinu, unu murigu,unu buddiri de genti sfainara. Si bint’is faccis grogas che sa gêraghettant is ogus ciccidas che fogu,bessit a pillu un’arrogu ’e bandera:de boxis malas si prenit su logu. Zerriant chi no’ est manera ’e si spilirichi non c’est caridari e religioni,chi troppu seus arroscius de suffririe chin ci bollit sa rivoluzzioni! E giai d’ognunu tocca de gorteddugià si pigat de sanguini s’arrancu…Heus a biri s’arruina de Casteddupuit’hanti cresciu sa sparedda a francu.  Gaetano Canelles.
Nato a Cagliari l’11 gennaio 1876 e ivi morto il 2 aprile 1942, Canelles discendeva da una delle più antiche famiglie del patriziato isolano, già appartenente a una casata catalana passata in Sardegna sin dai tempi della conquista dell’Infante Alfonso. SU  MAIOLUSa lliaga prus manna de Casteddupo chini no ddu scit est su majoluchi de bidda ’n ddi benit solu-solupo faî fortuna, ancora piccioccheddu Bogau su callu e postu su cappedduistudiendi a moda de bestioluin sa vida senz’atturu consolude mixinas o leîs pigat s’aneddu! Sa schina pinnighendi innoi o inniaallompit a zittari, o prus a susu:tottu in Casteddu porit capitai! Poniddi guantus, gruxis, oreria!faiddu deputau, mancai de prusu;ma de majolu non ddi bessit mai!  SU «SURCU» Su «Surcu» dogna dì senz’ ’e arreposuabbaulat a is carcangius de Cocco-Ortu,scriendi, cu istili verenosu,chi prim’ ’e s’ora dd’iat a bolli mortu! Ddi narat chi è malignu, chi è gelosuchi no tenit ingegnu e fueddu sciortu;chi è stettiu a sa Sardigna perniciosu,ch’ in dogn’affari hat tentu sempri tortu: ’ta lastima de tinta e de paperi!perdius senza speranzia de fortuna! ’ta lastima ’e talentu spendiu mali! Su «Surcu» a chini in conca portat saliDdi movit su corpus [...]

Leggi tutto l'articolo