20 OTTOBRE A IMPERIA: LA CENA PERSIANA + L'OSPITE

Il 20 di ottobre alle ore 21 ad Imperia presso la sala del Teatro dell’Attrito, via B.
Bossi, 43 (borgo foce), nell’ambito di Ottobre di Pace 2016, Mappamondo e il Gruppo Teatrale dell’Attrito propongono il film “La cena persiana“: sarà presente l’autore AMIN WAHIDI.
La trama del film, che ha luogo in uno dei centri sociali di Milano, tratteggia con cura gli scontri culturali e le differenze tra nativi e nuovi italiani.
La Cena Persiana è un film che parla di amicizia, integrazione, razzismo, amore, odio, abbandono e tradimento.
https://www.facebook.com/LaCenaPersiana/ Basta pochissimo per spezzare per sempre un legame di amicizia e di fiducia: una parola di troppo o una tenuta nascosta per troppo tempo, bastano a farti rimanere solo in men che non si dica.
E’ ciò che Andrea, giovane cuoco e aspirante attore, impara durante una cena che potrebbe aprirgli la strada verso il futuro sognato da sempre.
Ad un tavolo si siedono molti individui di provenienza e vissuti differenti per discutere i termini di un film da girare a breve.
Tutti, gli attori, gli sceneggiatori, il regista, i produttori, le fidanzate stesse hanno degli interessi in gioco in questa cena, che diventa l’occasione d’oro di ognuno per vedere trionfare i propri interessi su quelli altrui.
E’ una gara in cui ognuno corre da solo convinto di poter arrivare primo al traguardo.
Andrea, dopo aver organizzato una cena tra amici, si troverà a farla fallire del tutto, ferendo coloro che non hanno tradito le sue aspettative o la sua fiducia.
Alle 20.30 sarà proiettato il cortometraggio “L’ospite”.
Vincitore 22° Premio Città di Venezia 2014, nell’ambito della 71° Mostra Internazionale dell’Arte Cinematografica di Venezia 2014.
Questo cortometraggio è dedicato ai profughi, alle vittime delle espulsioni e alle vittime dei naufragi in Italia.
Nima, un profugo Iraniano, dopo essere stato espulso per tre volte dall’Italia, è appena arrivato di nuovo a Venezia dalla Grecia.
Davanti alla stazione di Santa Lucia incontra per caso Basir, un rifugiato, studente e attivista per i diritti dei rifugiati, che parla la sua lingua.
Dopo una breve chiacchierata Basir offre a Nima ospitalità per una notte, ma giunti a casa di Basir cambia tutto nel giro di pochi minuti.
Il regista è un Hazara residente in Italia dalla fine del 2007 quando a causa delle minacce da parte dei fondamentalisti è scappato dall’Afghanistan.
Da allora, ha vissuto a Milano, continuando a girare cortometraggi.
Prima di partire per l’Italia ha lavorato come [...]

Leggi tutto l'articolo