20 febbraio: Giornata Mondiale per la Giustizia Sociale

Si parla di urgenza della giustizia sociale, perché viviamo nella totale ingiustizia.
Si rende necessario dedicare una giornata appositamente a questo tema, perché sono ancora moltissime (e non diminuiscono affatto) le situazioni in cui troppa gente, in tutto il mondo, è umiliata, discriminata e costretta a stili di vita indegni per un essere umano.
Proclamato nel 2007 dalle Nazioni Unite come Giornata Mondiale per la Giustizia sociale, il 20 febbraio è dedicato all’eliminazione della povertà, alla promozione della piena occupazione e di un lavoro decoroso, all’eguaglianza tra i sessi e all’accesso al benessere sociale e alla giustizia per tutti.
Dal 2009 si rafforzano in questo giorno le iniziative di governi, istituzioni e associazioni per promuovere la giustizia sociale, la solidarietà, l’armonia e l’eguaglianza all’interno e tra i Paesi.
Ma al di là dei proclami, questi lodevoli intenti sembrano ancora lontani dall'essere raggiunti, mentre è ormai chiaro a tutti che le crisi che stanno investendo il mondo non possono essere superate senza il ritorno ai principi di giustizia sociale ed un approccio allo sviluppo basato sui diritti.
È importante che ognuno ne parli, ma per noi che ci siamo riuniti attorno all’altare, è più che importante: è obbligatorio, un obbligo che ci deriva dalla chiamata ad essere cristiani e dal sì che abbiamo liberamente deciso di offrire a Dio e ai fratelli.
È obbligatorio non chiudere gli occhi di fronte ad ogni forma di ingiustizia.
E non pensiamo soltanto alle popolazioni che vivono lontano da noi, di cui forse non siamo neanche in grado di immaginare il degrado umano.
Cominciamo pensando a cosa succede vicino a noi, ai colleghi, ai compagni di scuola a chi vive nella nostra strada, nella nostra famiglia, magari a parenti non troppo lontani.
Chiediamo al Signore il suo aiuto senza il quale non potremmo mai fare quel cambiamento di rotta che è la conversione del cuore, che è aprirsi alle necessità dei fratelli.

Leggi tutto l'articolo