24 ottobre 1956 - L'Unione Sovietica invade l'Ungheria

Rivoluzione ungherese del 1956 Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rivolta ungherese del 1956 Sztálin-szobor ledöntése 1956.jpg Rivoltosi che si arrampicano sulla statua di Stalin Data: 23 ottobre - 4 novembre 1956 Luogo: Repubblica Popolare d'Ungheria Esito: fase1: successo dei rivoltosi con l'istaurazione, da parte del Partito Socialista Ungherese, di un governo progressista fase2: vittoria dei rivoltosi con l'accettazione delle proprie richieste da parte del Governo, successo del nuovo Governo ungherese sulle forze filo-sovietiche fase3: successo delle forze sovietiche che, dopo l'invasione dell'Ungheria, restaurano un governo conservatore filo-sovietico Schieramenti fase1: Governo ungherese fase2: Vecchio Governo ungherese e parte della popolazione civile fase3: Vecchio Governo ungherese,gran parte della popolazione civile e alcuni reparti militari dell'Unione Sovietica fase1: rivoltosi ungheresi fase2: rivoltosi ungheresi, parte della popolazione civile e nuovo Governo ungherese fase3: nuovo Governo ungherese e restante parte della popolazione civile Comandanti fase1: fase2: fase3:Jurij Andropov per quanto riguarda le truppe sovietiche fase1: fase2: Gergely Pongrátz, József Dudás, Pál Maléter (Ministo della Difesa ungherese), Béla Király (Comandante dell'Honvédség - la Guardia Nazionale) fase3: Gergely Pongrátz, József Dudás, Pál Maléter (Ministo della Difesa ungherese), Béla Király (Comandante dell'Honvédség - la Guardia Nazionale) Effettivi fase1: fase2: fase3: 150.000 soldati, 6.000 veicoli corazzati (solo per quanto riguarda le truppe sovietiche) fase1: circa 100.000 dimostranti fase2: fase3: Perdite per quanto riguarda i militari sovietici, 720 morti, 1540 feriti.
morirono in totale circa 2.652 Ungheresi tra militari e civili di entrambi gli schieramenti e in tutte le fasi della rivolta.
La Rivoluzione ungherese del 1956, nota anche come insurrezione ungherese o semplicemente rivolta ungherese, fu una sollevazione armata di spirito anti-sovietico scaturita nell'allora Ungheria socialista che durò dal 23 ottobre al 10 - 11 novembre 1956.
Inizialmente contrastata dall'ÁVH,[1] venne alla fine duramente repressa dall'intervento armato delle truppe sovietiche.
Morirono circa 2652 Ungheresi (di entrambe le parti, ovvero pro e contro la rivoluzione) e 720 soldati sovietici [2].
I feriti furono molte migliaia e circa 250.000 (circa il 3% della popolazione dell'Ungheria) furono gli Ungheresi che lasciarono il proprio Paese rifugiandosi in Occidente.
La rivoluzione portò a una significativa caduta [...]

Leggi tutto l'articolo