54 (aut. Wu Ming)

"- Eh, sì, vero - risponderà Vittorio con mezzo sorriso - Ma proprio questo è peggio, no?  Piccoli piaceri invece di grandi sogni.
Bella vista, sole e la ricotta più buona del mondo.- Era per guardare al lato buono della cosa.- Il lato buono? C'è, lo so.
Qui si sta bene, se vuoi.
Ma io non voglio.
Voglio altro, capisci?Pierre scuoterà la testa e si volterà in silenzio, deciso a non farsi mettere di cattivo umore.
Non c'è fortezza più inespugnabile del pessimismo a ogni costo."  "Ho un lavoro, un talento per il ballo, un'amante, e nessuna prospettiva.
Posso continuare a fare il barista, a ballare finché ho fiato, a incontrare di nascosto la mia donna, finché lei vorrà.
E' tutto qui? Non c'è nient'altro? Mi deve bastare? No"."Il dolore non si può dividere con nessuno.
Il dolore è una cosa tua.
Si può essere gelosi del proprio dolore.
Si può trasformarlo, farlo diventare una leva".La soggezione che dà trovarsi in presenza di un dolore troppo grande per essere compreso.
Paura dell'i...

Leggi tutto l'articolo