8 settembre 1943: la morte della Patria

 
                                       8 settembre 1943: la morte della Patria
 
Nel 71° anniversario dell’infausto armistizio è giusto e opportuno richiamare alla memoria quei fatti, soprattutto per sottolineare la bassezza morale e il comportamento miserabile degli uomini che, dopo aver preso il potere con il colpo di Stato del 25 luglio, portarono la Nazione all’umiliante resa senza condizioni. Ma anche per rinforzare in tutti noi la convinzione che chi scelse la RSI e il combattimento non solo non fece una “scelta sbagliata”, ma fece l’unica scelta onorevole a dimostrazione che in Italia c’era chi conosceva il significato della parola lealtà e sapeva ancora mettere in gioco la propria vita per difendere fino all’ultimo l’onore della propria Patria Italia.
 
3 settembre 1943
Nella campagna di Cassibile in Sicilia il generale Castellano forma, in nome del governo Badoglio, il cosiddetto “armistizio corto”, cioè le clausole militari dell’armistizio: la resa incondizionata dell’Itali...

Leggi tutto l'articolo