9 Luglio 2008: Liga Day !!!!

Brividi Emozioni senza fine adrenalina a mille .
  Il Liga day è finalmente giunto, dopo mesi e mesi in cui i testi cantati si perdevano nell'aria e il biglietto veniva stretto a mano, come a sancire l'avvicinarsi della fatidica data ...
  Un caldo pazzesco, partenza alle 15.50 dall'Agip Coop, parcheggio trovato , breve scarpinata verso lo stadio Franchi di Firenze, battute dello staff all'entrata sul "Fa caldo, ma che caldo..bisognerebbe spogliarsi di più" a noi che già addosso avevamo poco e a chi forse aveva ancora meno (Nuova moda a Firenze: viaggiare in reggiseno e a culo di "Fori" ),  un "prato" colorato fatto da tasselli di magliette variopinte che tappezzava lo stadio e noi alla ricerca del posto più vicino al palco.
Siamo stati un pò accampati, io, Chiarina e i gemelli al loro primo vero concertone quando anche la Lilly e sorella c'hanno raggiunto: ecco, in quell'istante  è iniziata la vera "Caccia al posto + vicino"; due occhioni da cerbiatta, due lacrimucce, un "Se siete tutte ragazze entrate" "Daiiiii!!!Sono due bimbi...hanno 16 anni, cioè 15,cioè 13 ..." abbassando l'età alla ricerca di 6 pass che alla fine sono arrivati ...
sotto al palco, prima fila VERO DELIRIO !   Ore 21.25 le luci si spengono, le eliche ai lati del palco si accendono, un tripudio di luci ed uno schermo con le date di Liga a Firenze 1997 2002 2006 2008 NOI C'ERAVAMO come le altre 80.000 persone, tutte per lui e mentre i nostri occhi si perdevano in quell'oceano di pixel, lui da dietro quatto quatto è salito sulla passerella che ci circondava ed ha iniziato con CERTE NOTTI   Canzoni vecchie , Canzoni nuove si sono fuse, Un batticuore frenetico quando lui era a 50 cm da noi, quando correva da un lato all'altro, quando la Lilly, sua vera Fans urlava "Barcellonaaaaaa, Barcellonaaaaaa" e che a noi sembrava dicesse : "Porcellonaaaaa", IL CENTRO DEL MONDO QUELLA CHE NON SEI HO PERSO LE PAROLE I RAGAZZI SONO IN GIRO HO MESSO VIA HO ANCORA LA FORZA QUESTA E' LA MIA VITA SALVIAMOCI LA PELLE LEGGERO PICCOLA STELLA SENZA CIELO A CHE ORA E' LA FINE DEL MONDO LIBERA NOS A MALO NON E' TEMPO PER NOI TRA PALCO E REALTA' LE DONNE LO SANNO I DURI HANNO DUE CUORI   le nostre braccia che si incrociavano al suono di VIVO MORTO  O X i diti puntati al cielo con URLANDO CONTRO IL CIELO   e poi una mano che scivola in tasca, scorre la rubrica del telefono,   " E adesso che sei dovunque sei, chissà se ti arriva il mio pensiero, chissà se ne ridi o se ti fa piacere"   ed un click che interrompe la chiamata perché a volte basta poco per far [...]

Leggi tutto l'articolo