9 maggio 1978 ritrovato in via Caetani a Roma il corpo di Aldo Moro

L'Italia nata dalla Resistenza, quella della prima Repubblica, il 16 marzo 1978 con la strage della scorta di Aldo Moro e il suo assassinio, ha subito un durissimo colpo e un grave arretramento politico. La democrazia e la sua dialettica sono state bloccate. Abbiamo scoperto improvvisamente che era sparita quella parte importante di libertà conquistata con la lotta di liberazione dal nazifascismo.

Gli alleati Usa hanno gettato la maschera dei liberatori e si sono mostrati per quello che sono: degli invasori che hanno occupato la nostra nazione, come avevano fatto i nazisti.
Impedire con l'uccisione di Aldo Moro l'entrata dei comunisti del P.C.I. al governo del paese, questo era l'imperativo categorico dell'imperialismo e dei suoi vassalli europei.
Da quel giorno in poi - uomini dell'imperialismo e della Nato dentro i nostri vari governi e che si sono succeduti da quei tragici 55 giorni del sequestro e dell'assassinio del presidente della Dc - mandanti e complici di quella morte si ri...

Leggi tutto l'articolo