A 31 anni vive come un neonato

Altro che bamboccioni.
Sarà anche vero che bisogna sempre mantenere vivo il proprio “bambino interiore” ma non si può guardare Stanley Thornton senza rimanere quantomeno perplessi.
Thornton vive una sorta di doppia vita, come (quasi) normale adulto fuori da casa ma come un neonato dentro casa.
La “giornata tipica” di Stalney è più o meno questa: la notte dorme in un “lettino gigante”, con una tutina e giocattoli appesi al soffitto.
La mattina la mamma lo sveglia e gli dà da mangiare, spesso con il biberon.
Poi si cambia e si veste “da adulto” ed esce di casa.
Quando torna a casa, però, indossa di nuovo i suoi vestiti da bambino, e gioca con i suoi lego e con i suoi pupazzi di stoffa.
C’è chi definisce la vita di Stanley come frutto di una patologia psicologica, altri che la considerano una forma di feticismo.
Lui racconta che è il modo migliore con cui riesce a liberarsi dallo stress.
Quando aveva 13 anni, Stanley subì degli abusi, e per lo shock iniziò a bagnare il letto di notte, finendo con il dover indossare dei pannolini.
Gradualmente, il suo desiderio di avere tutte le comodità dell’infanzia è aumentato in modo smodato.
fonte:notizie.delmondo.info

Leggi tutto l'articolo