A Cannes è l'anno delle donne

(ANSA), CANNES, 7 MAG – Sarà la rivoluzione in atto del #metoo, la voglia di dare una svolta dopo la boa dei 70 anni, ma il festival di Cannes che si apre l’8/5 punta dritto sulle donne.
Talenti riconosciuti e stelle emergenti sono attese non solo per i 21 film del concorso, ma anche per opere magari di esordienti (Marion Cotillard) di Un Certain Regard, Quinzaine des Realisateurs, Semaine de la critique.
Guida la giuria Cate Blanchett, l’attrice australiana doppio premio Oscar, accusatrice di Weinstein.
Ad accompagnarla, tra gli altri, la francese Lea Seydoux e l’americana Kristen Stewart.
Si parte con la coppia glam Penelope Cruz-Javier Bardem (per Todos los saben di Asghar Farhadi), si chiude con Gary Oldman e l’Adam Driver del discusso Don Chisciotte di Terry Gilliam.
Attese anche Isabelle Adjani, Vanessa Paradis, Uma Thurman, Emilia Clarke, Valeria Golino.
Grande richiamo per Martin Scorsese, premiato alla Quinzaine, e John Travolta, atteso per il film sul boss Gotti e per una lezione di cinema il 16.