A Palermo sit-in di sostegno a Orlando contro decreto sicurezza

Palermo (askanews) - Un migliaio di persone sono scese in piazza a Palermo per esprimere vicinanza al sindaco Orlando dopo la sua decisione di sospendere il decreto Sicurezza.
Sospensione che ha avuto come conseguenza una visita degli agenti della Digos negli uffici dell'anagrafe.
Nonostante il freddo e la pioggia, associazioni, partiti, enti e semplici cittadini hanno dato vita ad un sit-in in Piazza Pretoria, proprio davanti alla sede del Comune.
"Ho cercato di esprimere la vera anima dei palermitani, che vorrei fosse la vera anima di tutti gli italiani - ha detto Orlando -.
Siamo convinti che in questo momento ci è dato compiere scelte difficili, complesse, che ci espongono a rischi.
Ma a me è sembrato doveroso come sindaco mandare un messaggio chiaro di rispetto dei diritti umani e della Costituzione repubblicana.
Considero eversivo chi viola i diritti umani e la Costituzione".
Nel corso del sit-in, la piazza si è collegata con la nave Sea Watch 3 che al momento si trova al largo dell'isola di Malta con a bordo 32 migranti, e alla quale non è stato ancora concesso un approdo.
Orlando si è quindi rivolto al ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli affermando: "Il porto di Palermo è aperto ministro Toninelli, smettila di fare il pupo nelle mani del ministro Salvini, apri i porti d Italia, dimostra che siamo un popolo civile e accogliente".

Leggi tutto l'articolo