A Rosarno alta tensione. Un uomo ha sparato Si organizza contromanifestazione: "Andatevene"

Nuovi incidenti nella cittadina calabrese.
Gli extracomunitari protestano contro il ferimento di due stranieri Maroni: "Tollerata una immigrazione clandestina che alimenta la criminalità e genera situazioni di forte degrado" Il commissario prefettizio: "Strana concomitanza con la riunione a Reggio del Comitato per l'ordine e la sicurezza" ROSARNO (REGGIO CALABRIA) - Alta tensione stamane a Rosarno, in provincia di Reggio Calabria, dopo i disordini di ieri quando gli immigrati hanno dato vita ad una guerriglia urbana dopo che due di loro sono stati feriti da sconosciuti con alcuni colpi di carabina ad aria compressa.
Migliaia di extracomunitari si sono radunati per le strade e nella piazza del comune.
Un abitante ha sparato in aria.
Un gruppo di immigrati è venuto a contatto con un centinaio di abitanti.
E' di 34 feriti il bilancio dei disordini scoppiati ieri.
Arrestati sette extracomunitari.
La Cgil: nel 2007, in tutta la Calabria, a fronte dei 6.400 autorizzati, si stima vi siano stati circa 20 mila lavoratori stranieri stagionali impiegati nel settore agricolo.
  Maroni: "Troppa tolleranza" "In tutti questi anni è stata tollerata, senza fare nulla di efficace, una immigrazione clandestina che ha alimentato da una parte la criminalità e dall'altra ha generato situazioni di forte degrado, come quella di Rosarno".
Lo ha detto il ministro dell'Interno, Roberto Maroni, ai microfoni de "La Telefonata", su Canale 5, rispondendo a una domanda di Maurizio Belpietro sui disordini avvenuti ieri nella cittadina calabrese.
"Stiamo intervenendo - ha sottolineato il ministro -, intanto ponendo fine all'immigrazione clandestina, agli sbarchi che hanno alimentato il degrado, e a poco a poco porteremo le situazioni alla normalità, questo è il nostro impegno".
H.9.00.
Situazione a Rosarno sempre più preoccupante I negozi e le scuole sono rimasti chiusi.
Per questa mattina è stata organizzata una manifestazione di protesta degli immigrati della Piana di Gioia Tauro (sono circa in 15mila gli immigrati presenti in questo territorio) che ieri sera hanno dato vita ad una guerriglia urbana dopo che due di loro sono stati feriti da sconosciuti con alcuni colpi di carabina ad aria compressa H.9.30.
A Rosarno in corso concentramento Al momento sarebbero circa duemila gli immigrati, secondo la polizia, radunati davanti al comune.
Gli immigrati stanno scandendo slogan di protesta e hanno chiesto che una loro delegazione incontri il commissario prefettizio del Comune, Francesco Bagnato.
La tensione è alta, danneggiate le vetrine di alcuni [...]

Leggi tutto l'articolo