A Sanremo una scenografia 'magica'

(ANSA) – ROMA, 29 GEN – “Aprire lo spazio, renderlo ancora più grande e ‘aumentato’.
È la magia che ho immaginato per il palcoscenico dell’Ariston e per Sanremo 2019: in fondo chi fa tv è un po’ un prestigiatore e io ho cercato di farlo pensando più a una ‘coreografia’ che a una classica scenografia, grazie a una rivoluzione nell’uso dello spazio fisico e a una macchina scenica nascosta che crea un profondità di campo unica per questo luogo”.
Così Francesca Montinaro – che torna a disegnare la scena del Festival dopo l’edizione 2013 – racconta il Sanremo che vedranno gli spettatori e in cui anche il pubblico dell’Ariston si troverà immerso.
“Il direttore artistico Claudio Baglioni – spiega ancora – mi ha chiesto di lavorare sul concetto di armonia e io l’ho tradotto ricreando onde armoniche in scena, e inventando un golfo mistico dei musicisti nella pancia del teatro, perché fosse la musica stessa idealmente a sostenere il Trampolino, che è poi Sanremo stesso.
La scala apparirà quasi dal nulla, ma sempre al tempo della musica”.