A Taipei il grattacielo più alto, domani l'ultimo pannello

TAIPEI (TAIWAN) - A volte, bastano i numeri.
I piani sono 101.
I metri di altezza 508.
I metri quadrati di facciata 120.000.
I pannelli di vetro e alluminio 16.000.
E' il grattacielo più alto del mondo, che ormai svetta nel cuore di Taipei, la capitale taiwanese.
Un edificio da primato sul quale - domani - sarà sistemato l'ultimo pannello.
E c'è tanto di italiano nella nuova costruzione da record.
E' stata infatti la tecnologia del gruppo Permasteelisa di Mogliano Veneto (Treviso) a rivestire di alluminio e vetro l'imponente costruzione, che strappa il primato alle Petronas Towers di Kuala Lumpur (alte 452 metri).
Il gruppo veneto, infatti, ha completato il rivestimento della facciata di quello che è destinato a diventare il Taipei Financial Centre, il cuore finanziario del Paese.
E domani, come detto, a 508 metri da terra, su una torre che nelle giornate uggiose viene completamente nascosta dalle nuvole, i tecnici sistemeranno l'ultimo dei 16.000 pannelli di vetro e alluminio con i quali hanno "chiuso" il grattacielo in un guscio trasparente di tecnologia e suggestioni.
Qualche dato: il rivestimento di pannelli di vetro e alluminio può resistere a tempeste di vento fino a 300 chilometri all' ora, ma anche a scosse di terremoto fino al settimo grado della scala Richter, con una tolleranza fino all'ottavo grado.
In sostanza, i pannelli di vetro, che hanno uno spessore di oltre tre centimetri, possono "muoversi" di 18 centimetri e poi tornare "disciplinatamente" al loro posto.
E a rendere il grattacielo più sicuro contro il rischio di terremoti, sulla cima è stata realizzata una palla di ferro di 600 tonnellate che ha la funzione di stabilizzare le oscillazioni causate dall' eventuale sisma.
- Pubblicità - Per montare i 25.000 metri quadrati di vetro e le 420 tonnellate di alluminio del rivestimento che sostituisce le pareti esterne del grattacielo, sono state impiegate fino a un massimo di 300 persone al giorno, con turni che coprivano 24 ore su 24, per un totale di oltre 1,1 milioni di ore di lavoro.
Sono stati così colmati in meno di due anni ritardi causati dal terribile terremoto che colpì Taiwan il 31 marzo 2002, e che causò nel cantiere il crollo di due gru e la morte di cinque persone.
Per giovedì, ai 'piedi' del grattacielo è prevista l'inaugurazione del Podium, una gigantesca struttura di sette piani che fa parte integrante del grattacielo e che è stata anch'essa "'rivestita" dalla Permasteelisa.
Ospiterà un avveniristico centro commerciale.
Nei 101 piani della torre, invece (i lavori saranno [...]

Leggi tutto l'articolo