A che santi votarsi ! QUI ci vuole una ricostruzione delle élite

 

E insomma, tolto chi si perde ancora in capricci ed equivoci sull’uso della parola “élite”, mi pare che le persone progressiste che hanno finalmente cominciato ad affrontare il declino egoista, retrogrado e ignorante delle nostre società e della nostra politica, una sintesi l’abbiano trovata, e la leggo in un articolo al giorno: “ci vuole una ricostruzione delle élite”. Oppure, per metterla più semplice a chi si perde ancora, ci vogliono nuove classi dirigenti progressiste consapevoli del cambiamento e disposte ad affrontarlo. Oppure, se qualcuno si fa irritare persino da “classi dirigenti”, ci vogliono persone nuove a occuparsi delle cose importanti in rappresentanza degli altri, che abbiano capito che è successo qualcosa di nuovo.
Il tema, in particolare in Italia, oggi mi sembra questo, e direi che possiamo dire di averlo detto, ormai: senza che lo debba riscrivere ogni giorno anche l’ultimo dei commentatori. La questione da affrontare è invece la sua palese complicazione: ovv...

Leggi tutto l'articolo