A chi ttocca 'n se 'ngrugna

A chi ttocca 'n se 'ngrugna Só stato 'n ggiorno ggiovine e ffocoso e 'nvece mo' só vvecchio e ffreddoloso! Me pozzin'acciaccà, si 'r tempo passa, córe veloce ...
córe ...
e me li scassa! Me manca insino er tempo de fermamme, d'arifiatà, vedé quer ch'è ssuccesso, capì perché mme trovo ad èsse 'n cesso e 'n c'è mmodo e mmaggnera d'aggiustamme! Vabbè, nun ce penzà, è successo ggnente, è ttutto, propio tutto naturale: mica che ssei diverzo da la ggente.
Capita a mmórti poté avé 'n malore e doppo ritrovasse a l'ospedale.
Capita a ttutti de tornà ar Creatore.
Note: Titolo: "A chi tocca nun s'ingrugna = quando per compiere qualcosa di poco gradito si ricorre, tra più persone, alla sorte, il designatodeve far buon viso a cattivo giuoco, senza prendersela con gli altri più fortunati" (Fernando Ravaro, Dizionario romanesco, Roma, 2010, pag.
694).
Traduzione: Un giorno sono stato giovane e focoso / ed ora, invece, sono vecchio e freddoloso! / Possano acciaccarmi, se il tempo passa, / corre veloce, corre e me li frantuma // Nemmeno ho il tempo di fermarmi, / di prendere fiato, vedere cosa è successo / capire perché mi trovo ad essere così malandato / senza che ci sia modo e maniera di rimettermi in sesto! // Va bene, non pensarci , non è successo niente, / qualunque cosa accada è naturale / e non sei diverso da tutta l'altra gente.
// A molti capita di poter avere un malore / e dopo di ritrovarsi ricoverati in ospedale.
/ Capita invece a tutti di dover tornare al Creatore.
Valerio Sampieri 9 aprile 2015

Leggi tutto l'articolo