A proposito di rom

C'è una visione buona e dolce dei rom o 'zingari' che dir si voglia (noi gente 'normale' non distinguiamo tra stanziali e vagantes, non entriamo nel merito delle diversità interne a quel 'popolo' che pur ci sono e sarebbe interessante conoscerle perché conoscere è un primo modo per 'fraternizzare' - nel senso della 'fraternitè' di cui alla rivoluzione francese e ai diritti dell'uomo).E' la visione romantica dell'uomo bello e dal 'sapor mediorientale' che suona la chitarra in riva al fiume, come si vede nel film 'Chocolat', e non ha i problemi degli stanziali – che hanno casa e pagano le maledette tasse a uno Stato ladrone e famelico e le stra maledette bollette dell'energia fornita e si guadagnano il pane col sudore della fronte o colla rottura di scatole di dover indossare una divisa e/o andare a servire a tavola o sbrigare le noiosissime pratiche in un ufficio o in una banca.Ma è una visione cinematografica, letteraria, quella del film, che nulla ha a che vedere co...

Leggi tutto l'articolo