AIVANHOV E IL GATTO di Omraam Mikhaël Aïvanhov

AIVANHOV E IL GATTO di Omraam Mikhaël Aïvanhov   (nella foto Aivanhov senza barba e un gatto sulle sue spalle)     " Vi confiderò un grande segreto.
C' è poco tempo, in Svizzera, il nostro gruppo era riunito laggiù, a Villeneuve.
Eravamo seduti in un prato, in silenzio.
Intorno a noi c'erano delle querce, dei ciliegi, alberi di frutta.
Mi avevano offerto di sedermi sotto un albero e ho scelto il ciliegio.
  Durante il nostro silenzio, cose straordinarie si sono svolte.
L' onore in ritorna al gruppo svizzero che, attraverso il suo ardore, il suo fervore, il suo amore, ha saputo attirare grandi soggetti provenienti da gerarchie ammontate.
Siamo rimasti cinque ore insieme, senza di noi aperiente di flusso del tempo.
Eravamo in una beatitudine, una felicità raro.
  Durante questa riunione, un piccolo gatto è arrivato, poi un altro alla sua suite.
Il primo era così carino, piacevole, e bello! Senza alcuna adescamento, è salito al tronco del ciliegio ed è venuto porsi sulla mia spalla.
V...

Leggi tutto l'articolo